25/10/2021, 11.55
CINA-COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Jilin, disertore nordcoreano evade di prigione per evitare deportazione

di Lu Haitao

Condannato a 11 anni di carcere, nel 2013 Zhu Xianjian ha derubato e accoltellato una donna. La polizia è sulle sue tracce e ha messo una taglia di oltre 20mila euro. In Corea del Nord il fuggitivo rischia la pena di morte.

Pechino (AsiaNews) – Un detenuto nordcoreano è evaso di prigione a Jilin, nell’omonima provincia confinante con la Corea del Nord. Sulla sua testa pende un mandato di cattura e una taglia di 150mila yuan (oltre 20mila euro). Secondo i resoconti dei media, il fuggitivo è un disertore; prima di fuggire in Cina, egli avrebbe servito nelle Forze speciali del suo Paese.

Identificato dalle autorità come Zhu Xianjian, il prigioniero nordcoreano è scappato dal carcere il 18 ottobre dopo il suo turno di lavoro. Il video della telecamera di sorveglianza mostra che Zhu è salito su un tetto e ha usato qualcosa simile a una corda per danneggiare la recinzione elettrica; poi ha scavalcato il muro in pochi minuti, sotto lo sguardo degli agenti di sicurezza (v. video).

La polizia ha lanciato la caccia a Zhu istituendo dei posti di blocco. L'avviso emesso dalle Forze dell’ordine dice che l'uomo è "estremamente pericoloso". Secondo il verdetto del tribunale che lo ha condannato, Zhu ha attraversato il confine con la Cina il 21 luglio 2013. Quando una anziana lo ha trovato rubare nella propria casa, il disertore nordcoreano ha reagito ferendola con un coltello. Egli ha fatto irruzione anche in altre due abitazioni per rubare soldi, vestiti, scarpe da ginnastica, sigarette e un telefono cellulare.

Una volta catturato, Zhu è stato condannato a 11 anni e tre mesi di prigione per attraversamento illegale di confine, furto e rapina. I documenti del tribunale mostrano che egli ha ottenuto due volte una riduzione di pena, per un totale di 14 mesi. Le autorità gli hanno riconosciuto buone prestazioni disciplinari e lavorative in carcere.

Grazie agli sconti di pena, Zhu doveva uscire di prigione nell'agosto 2023, per poi essere espulso e deportato in Corea del Nord. I commenti online dicono che la ragione principale della sua evasione è la deportazione. I disertori nordcoreani rischiano la reclusione nei campi di lavoro e persino la condanna a morte.

Wang Jing, un'attivista della provincia di Jilin, ha detto a Radio Free Asia di aver condiviso la detenzione in una prigione femminile provinciale con alcune nordcoreane. Queste le hanno confessato di trovarsi meglio in una prigione cinese che in Corea del Nord. Anche secondo Wang, con l’avvicinarsi della scarcerazione, Zhu ha avuto paura di essere espulso nel suo Paese d’origine.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Ex leader di Pyongyang: "Solo la caduta di Kim può fermare la crisi nucleare coreana"
09/11/2006
Kim Jong-un, crisi alimentare: 'Migliorare le condizioni del popolo'
11/10/2021 09:11
Kim Jong-un: Rifiutiamo aiuti per le inondazioni, sono a rischio Covid-19
14/08/2020 12:41
Pyongyang ingrandisce i suoi lager: attesa ondata di arresti
19/02/2021 09:04