03/09/2013, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Kachin: Chiesa e Caritas in aiuto dei profughi, vittime di nuovi scontri etnici

di Francis Khoo Thwe
Resta alto il numero degli sfollati nello Stato settentrionale, al centro di un conflitto fra birmani e minoranza etnica. Le diocesi dell’area assistono migliaia di persone; oltre ai generi di prima necessità, i volontari cattolici garantiscono l’istruzione ai più piccoli. La zona teatro del conflitto ha raggiunto la Shwe Gas Pipeline.

Yangon (AsiaNews) - Il numero degli sfollati è "ancora alto" e i profughi godono di "scarsa assistenza"; persino le agenzie delle Nazioni Unite "non riescono a raggiungere le aree più critiche", a causa delle restrizioni imposte dalle autorità. È quanto racconta ad AsiaNews l'attivista cattolica Khon Ja Labang, già membro del movimento Kachin Peace Network, impegnata nella pacificazione delle aree teatro di conflitti etnici. La donna conferma la situazione di criticità nello stato settentrionale Kachin, da due anni al centro di una guerra fra truppe birmane e milizie etniche locali e che colpisce in particolare la popolazione civile. Nello scorso fine settimana si sono registrati nuovi scontri fra i due fronti, mentre continua l'impegno della Chiesa e dei volontari delle associazioni cattoliche, che cercano di portare aiuti e conforto alle decine di migliaia di sfollati.

L'attivista cattolica conferma il lavoro intenso svolto dal Karuna Myitkyina Social Service (sezione locale della Caritas), da Karuna Banmaw Social Service e Karuna Lashio Social Service, in collaborazione con altre organizzazioni cristiane fra cui la Kachin Baptist Convention. Sono decine di migliaia gli sfollati, molti dei quali ospitati nei centri di accoglienza e che necessitano di cibo, acqua e generi di prima necessità. A distanza di oltre due anni dall'inizio della nuova fase del conflitto, la situazione resta ancora drammatica in molte zone.

"I dipartimenti per lo sviluppo delle diocesi di Myitkyina, Banmaw e Lashio - aggiunge Khon Ja, da tempo attiva nel settore - operano a stretto contatto fra loro e in collaborazione con i responsabili dei campi, oltre che con le associazioni che forniscono assistenza umanitaria". Il lavoro della Chiesa, racconta l'attivista cattolica, è importante non solo nel fornire riparo e confronto, ma anche istruzione e scuola ai bambini "in coordinamento con il Karuna Myanmar Social Service". Perché in un'ottica di ritorno alla normalità, conclude, anche garantire un livello di scolarizzazione all'infanzia è importante.

Divampato nel 2011, il nuovo conflitto fra l'esercito governativo e le milizie ribelli del Kachin Independence Army (Kia) - braccio armato della Kachin Independence Organization (Kio) - ha causato sinora decine di vittime civili e almeno 100mila sfollati, in larga maggioranza civili Kachin. I leader del movimento indipendentista e i rappresentanti del governo centrale di Naypyidaw - con la nuova amministrazione, semi-civile, guidata dal presidente Thein Sein - hanno dato vita a numerosi incontri di pace, senza mai raggiungere risultati tangibili e duraturi. Si attende ancora la firma di un cessate il fuoco definitivo. In questi giorni la battaglia ha raggiunto la divisione meridionale Kio e un settore dello Stato settentrionale Shan, poco distante dallo Shwe Gas Pipeline, un oleodotto dall'importanza strategica nel comparto dell'energia.

Al dramma dei profughi e dei civili in fuga, si aggiunge la condizione disperata delle decine di prigionieri politici, catturati dai militari perché sospettati di affiliazione alle frange ribelli della minoranza etnica del Myanmar. Dai racconti dei familiari emergono storie di violenze, torture e abusi perpetrate nelle prigioni dello Stato Kachin da parte delle forze di sicurezza. Sono almeno 70 i detenuti, già condannati o in attesa di giudizio, per (presunti) legami con il Kio o affiliazione alla lotta armata. In realtà, si tratta di poveri contadini che nulla hanno a che fare con la politica, mentre altri non appartengono nemmeno alla minoranza Kachin; almeno 11 sono di etnia Shan, diversi altri sono Gurkha nepalesi o di origine sino-birmana. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Naypyidaw ottimista sul cessate il fuoco coi ribelli, ma fra i Kachin la pace è “illusione”
13/09/2013
Card. Bo: la ripresa dei conflitti interni “è inaccettabile. Ritorniamo al dialogo”
18/10/2016 11:32
Card. Bo: il primo gennaio digiuno e preghiera per la pace
30/12/2016 11:54
Kachin e Shan: è guerra civile fra esercito birmano e milizie etniche
22/06/2011
Kachin, dopo 55 giorni di scontri “la situazione della popolazione è drammatica”
11/10/2016 11:34


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”