19/07/2021, 12.23
PAKISTAN
Invia ad un amico

Karachi: da focolarini e Caritas libri, cancelleria e cibo ai bambini poveri

di Shafique Khokhar

La distribuzione è avvenuta ieri e ha riguardato gli studenti elementati della St. James School a Gharo. Nell’istruzione una via di riscatto economico e sociale per i giovani e le loro famiglie. Fra i beneficiari vi sono cristiani e indù, senza distinzione e in nome della fratellanza comune. Un futuro di maggiore collaborazione fra gli enti cristiani. 

Karachi (AsiaNews) - I focolarini di Karachi (provincia del Sindh), la Caritas locale e i comitati per la missione dell’arcidiocesi hanno promosso ieri una distribuzione di libri, cancelleria e cibo per bambini poveri della scuola elementare di St. James, distretto di Gharo. Manzoor Masih, George Noronha, Shahzad e Fabian Clive, coadiuvati da altri membri del team, hanno incontrato questi studenti più sfortunati, ma altrettanto meritevoli, che nell’istruzione possono trovare una forma di riscatto sociale ed economico. 

I giovani della St. James provengono dalle comunità agricole cristiane e indù che vivono nel villaggio di Gardi Bit, nel distretto di Gharo, a circa 70 km da Karachi, lungo la fascia costiera di Keti Bandar. Per questo le donazioni avvenute ieri sono state fonte di gioia per i più piccoli, che possono contare su questi aiuti per proseguire negli studi in un clima di gioia e di festa. E secondo l’ideale di fratellanza promosso a più riprese da papa Francesco, gli enti di carità cristiani hanno distribuito cibo senza fare distinzioni di fede religiosa. 

Quaranta bambini hanno ricevuto libri da colorare, materiale di cancelleria, riso, bevande fredde e succhi di frutta, assieme a piccoli dolci. Catechisti, sacerdoti e operatori hanno promosso incontri e momenti di preghiera, condividendo le esperienze delle diverse comunità. In alcuni casi ha destato profonda impressone la povertà di alcune famiglie e dei loro bambini, quasi alla soglia della sopravvienza, e per questo si è insistito sull’istruzione per migliorarne la qualità di vita. 

Fabian Clive, leader locale dei focolarini, sottolinea la bellezza nell’aiutare poveri e bisognosi e augura di continuare il lavoro nel futuro. Mansha Noor, segretario esecutivo di Caritas Pakistan a Karachi, elogia l’opera del movimento a favore delle fasce più deboli della società. “Anche questi bambini poveri - sottolinea - possono dare un grande contributo nello sviluppo della nazione e per il benessere delle loro famiglie, se vengono concesse loro risorse e opportunità”. 

La speranza, conclude Noor, è che in futuro si possa “rafforzare” la collaborazione fra Caritas e focolarini nel settore dell’educazione e dell’aiuto ai poveri. Fra i beneficiari vi è il giovane Ramo Hero, 10 anni, studente di quinta elementare, il quale conferma l’importanza di “dare e condividere”. “Un giorno - afferma - anche io condividerò tutti i miei beni con altri bambini poveri e aiuterò gli altri, come io stesso ho ricevuto l’aiuto della Caritas e del Movimento dei focolari”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mosul, un festival letterario con musica e letture per superare le devastazioni dell’Isis
10/09/2018 11:10
Le guerre in Medio oriente e Nord Africa privano 13 milioni di bambini del diritto allo studio
03/09/2015
I focolarini hanno esportato in Asia l’economia di condivisione
26/07/2017 11:25
Tokyo, ancora maltrattamenti sui minori: più di 130mila casi in un anno
01/09/2018 09:00
Myanmar: un bambino su tre soffre per denutrizione
13/09/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”