11/09/2010, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Kirkuk: la campagna “Brucia il Corano” rafforza l’amicizia fra cristiani e musulmani

Nelle moschee letto il messaggio di condanna per il rogo del Corano dell’arcivescovo Louis Sako, durante l’omelia per l’Eid. Per i leader religiosi islamici il pastore Jones non rappresenta i cristiani. Iman di Kirkuk:”I nostri fratelli cristiani sono sempre pronti a mostrarci la loro solidarietà”.

Kirkuk (AsiaNews) – A Kirkuk la pronta condanna dei cattolici sul rogo del Corano, avvicina cristiani e musulmani. Secondo fonti locali, in occasione dell’Eid al-Fitr gli iman locali hanno letto nelle moschee il messaggio di mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, che con una delegazione di parroci locali ha fatto visita ai leader musulmani, per festeggiare la fine del Ramadan.   

Nell’omelia tenutasi ieri nella grande moschea cittadina, l’imam Ahmad ha affermato: “I nostri fratelli cristiani sono sempre pronti a mostrarci la loro solidarietà. La loro denuncia ci ha tranquillizzato”.  

Un altro leader religioso, Foad Al – rifai, ha sottolineato che “il pastore americano [Terry Jones] non rappresenta i cristiani”. “Noi – ha affermato – sappiamo la posizione dei cristiani di Kirkuk grazie alla visita dell’arcivescovo e al suo messaggio. Quindi dobbiamo ringraziarli della loro fraternità e rispettare la loro presenza”.  

La vicinanza dei cristiani è stata apprezzata anche dal sindaco della città e dalle autorità civili. In molti hanno ascoltato ed elogiato le posizioni del Vaticano, trasmesse alla televisione. Ieri lo sceicco Ismail Al Hadida davanti alla cattedrale di Kirkuk ha chiesto a tutti i musulmani di proteggere i cristiani e l’arcivescovado.

Nonostante queste parole di rassicurazione i cristiani hanno ancora paura. Se il pastore Jones dovesse tornare indietro sulla sua decisione, bruciando il Corano, per le strade di Kirkuk ci sarà una reazione violenta che né i capi religiosi né autorità civili potranno controllare.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arcivescovo di Kirkuk: anche i cristiani d'Iraq condannano il rogo del Corano
08/09/2010
Petraeus: “Il rogo del Corano è inutile e pericoloso”
07/09/2010
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Kashmir: parla il direttore della scuola cristiana bruciata
15/09/2010
Leader islamici indiani condannano l’attacco ai cristiani nel Kashmir e Punjab
16/09/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”