16/02/2021, 11.48
INDONESIA
Invia ad un amico

L’esperienza del Covid-19 ha cambiato la visione del mondo del sacerdote (VIDEO)

di Mathias Hariyadi

Il racconto di due religiosi sopravvissuti al virus. "Mi è stato concesso da Dio di avere la mia seconda possibilità di vivere”. “Sono stato informato che la messa online e i gruppi di preghiera sono sempre stati frequentati da decine di nostri confratelli cattolici con l'intenzione speciale di pregare per la guarigione di tutti i malati di Covid-19. E funziona molto bene”.

Jakarta (AsiaNews) - Due sacerdoti di due diversi ordini religiosi hanno contratto il Covid-19 e hanno trascorso 2-3 settimane in reparti di terapia intensiva e altri in ​​ reparti ordinari nell'ospedale St. Carolus nel centro di Jakarta.

Le loro vite sono state risparmiate questo febbraio - mentre hanno condiviso le loro esperienze spirituali con AsiaNews - dopo aver vissuto giorni critici tra la morte e la vita in ospedale.

"L'ospedale mi ha tenuto in terapia intensiva per 19 giorni e altri 23 giorni nella stanza normale", dice padre Bambang Rudianto SJ, un sacerdote gesuita (foto 1) che per anni è stato tesoriere dell'Ordine dei gesuiti indonesiano. Ha un fratello maggiore, padre Bambang Triatmoko, anche lui sacerdote gesuita.

Per padre Augustinus Handoko MSC (foto 2), attuale vice capo della Provincia indonesiana Missionarii Sacratissimi Cordis Iesu, l'esperienza di essere tra la vita e la morte durante i suoi 35 giorni in ospedale è stata travolgente. “Ho passato 14 giorni in terapia intensiva, provando angosce e avendo solo giorni di ansia”, ha detto ad AsiaNews padre Handoko.

Il superamento dal Covid-19 ha rimodellato la visione del mondo dei sacerdoti, basata sulle loro esperienze spirituali.

Un senso di disperazione colpiva padre Handoko, ogni volta che la suora chiamata per il servizio della Comunione, gli diceva che sempre più pazienti nelle stanze di terapia intensiva erano morti. “Sono rimasto davvero scioccato e preoccupato nell'apprendere questa brutta notizia”, racconta il sacerdote ad AsiaNews in un messaggio video-registrato (video 1). "Poi sono stato messo con le spalle al muro dalla domanda critica che mi ha messo in una situazione molto emotiva: quando sarebbe stato il mio turno per la morte".

Una storia diversa è venuta alla luce con l'esperienza spirituale di P. Rudianto. "Mi è stato concesso da Dio - dice - di avere la mia seconda possibilità di vivere, dopo i giorni in cui sono stato colpito da questo coronavirus fatale".

Probabilmente padre Rudianto chiamerebbe la sua seconda possibilità di vivere un "miracolo" per lui. “Durante i miei giorni critici nella terapia intensiva, la saturazione del respiro è stata molto bassa, il che aveva seriamente messo in pericolo la mia vita. Poi c’è stato la proposta se usare o meno il ventilatore”, spiega.

In diversi casi, la sostituzione della capacità umana di respirare con il ventilatore "macchina" non garantisce il successo del recupero. Il risultato a volte è la morte.

Il prete ha scelto il modo naturale di respirare: niente ventilatore, ma dipendere totalmente dai suoi polmoni. "E sono stato salvato dalla campana (per non usare la macchina)", afferma.

Supporto morale da “estranei”

Nonostante gli sforzi a tutto campo compiuti dagli operatori sanitari, padre Rudianto ha affermato che "supporti morali" da sconosciuti "estranei" potrebbero aver prodotto anche risultati fruttuosi nel processo di recupero. “Sono stato informato che la messa online e i gruppi di preghiera sono sempre stati frequentati da decine di nostri confratelli cattolici con l'intenzione speciale di pregare per la guarigione di tutti i malati di Covid-19. E funziona molto bene”.

Ora sta meglio, nonostante il Covid-19 abbia lasciato alcune "cicatrici" nei suoi polmoni, "ho ancora difficoltà a respirare normalmente", dice il sacerdote.

Il giorno in cui è stato dichiarato guarito dal Covid-19, racconta padre Rudianto, è diventato il suo momento speciale per ringraziare Dio che gli ha concesso la sua seconda possibilità di vivere.

Dopo i test periodici con tampone, il medico gli ha detto che "potevo tornare a casa ora". "Questa – commenta - è la prima volta nella mia vita che la parola" negativo "ha provocato un sentimento positivo". È incredibile sperimentare l'aspetto positivo della parola "negativo". Ciò che lo rende ancora molto triste è il fatto che decine di altri pazienti nello stesso reparto di terapia intensiva siano morti.

Prima di tornare a casa, nella residenza dei gesuiti, padre Rudianto è venuto a far visita a tutti gli infermieri e i medici per salutarsi, esprimendo allo stesso tempo la sua profonda gratitudine per il duro lavoro svolto per salvargli la vita.

Facendo eco allo stesso spirito, padre Handoko ha detto che nessuno sarebbe felice di contrarre il coronavirus. "È davvero mortale e spero che nessuno di voi sperimenterà la grave sofferenza di essere positivo con il covid-19", dice.

Le preoccupazioni di un medico

Parlando con AsiaNews da Yogyakarta, il dott. Jodi Visnu - un medico specializzato in sanità pubblica all'Università di Gadjah Mada - ha espresso la sua profonda preoccupazione (come medico) per il fatto che il Covid-19 ha colpito anche convento, canonica e clausura (foto 3).

Tra i fattori chiave che anche le residenze religiose non sono immuni dalla diffusione del virus c'è la scarsa disciplina nel praticare rigorosamente i protocolli sanitari.

"Molti consacrati hanno sempre avuto la prospettiva egocentrica di pensare che il loro ambiente di vita è sicuro semplicemente perché tutti i residenti sono solo del loro gruppo", ha detto il dott. Dice Visnu nel suo videomessaggio preregistrato (video 2).

Ma non è corretto. Decine di estranei a volte vengono in visita o essi escono a fare la spesa e vengono colpite dal virus mentre si incontrano e parlano con altre persone. Non pensano mai di essere potenziali portatori di coronavirus per la loro comunità religiosa. "E le cose possono accadere senza sintomi che indicano di essere già contagiati", dice Visnu.

In Indonesia ci sono state molte vittime tra i religiosi a causa del Covid-19. Ma nessun numero esatto di vittime è stato rilasciato pubblicamente dai responsabili della Chiesa.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Savio, quando mi sono ammalato di Covid-19
26/10/2020 11:16
Jakarta, Covid-19: i rider in aiuto alla popolazione in quarantena
15/07/2021 11:53
Covid-19: parziale lockdown sulle isole di Bali e Giava
01/07/2021 12:26
A Beirut chiese e conventi aperti per ospitare senza casa, libanesi e stranieri
18/07/2006
Papa: l'integrazione "è un diritto" di chi è costretto a cercare rifugio
10/09/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”