24/05/2022, 11.30
OCEANIA
Invia ad un amico

L'Australia di Albanese e l'area del Pacifico

di Giorgio Licini *

La svolta di Canberra con la sconfitta del conservatore Scott Morrison e il ritorno al governo dei laburisti è guardata con attenzione anche fuori dal Paese. Alla neo-ministra degli Esteri Penny Wong - lei stessa di etnia cinese Han originaria della Malaysia - il nodo dei rapporti con Pechino.

Port Moresby (AsiaNews) - L'Australia e diversi esponenti della comunità internazionale hanno letteralmente trattenuto il fiato sabato 21 in attesa dei risultati delle elezioni federali e della composizione del nuovo Parlamento di Canberra. Negli ultimi anni sono state rare le manifestazioni pubbliche di dissenso nei confronti del governo conservatore della Coalizione liberale e nazionalista, al potere dal 2013 con il primo ministro Scott Morrison alla guida del governo negli ultimi quattro anni. Questo aveva creato il sospetto che la maggior parte degli australiani si fosse spostata politicamente verso l'estrema destra e fosse disposta a perdonare qualsiasi cosa a una leadership così manifestamente pronta a rinnegare le leggi internazionali, i diritti umani, l'empatia e il sostegno agli svantaggiati e agli emarginati della società.

Ora dopo ora, al contrario, lo spoglio delle schede ha rivelato una svolta sorprendente. Il partito laburista all'opposizione si è subito portato in vantaggio e, con una manciata di seggi dai risultati ancora troppo incerti dopo tre giorni per essere assegnati (a causa dell'alto numero di voti postali soggetti a conteggio manuale), il suo leader Anthony Albanese è praticamente certo di ottenere la maggioranza richiesta di 76 voti nella Camera dei Rappresentanti, che conta 151 seggi.

Non è tutto. I verdi, gli indipendenti e altri partiti minori, per la prima volta, finiranno per assicurarsi tutti insieme una quindicina di seggi nella Camera bassa, per lo più strappati ai conservatori. Il partito liberale ha perso le grandi città di Sydney, Melbourne e Brisbane a favore dei laburisti, dei verdi e del cosiddetto Teal Movement, dove sei candidate conservatrici indipendenti hanno sorprendentemente sconfitto sei candidati conservatori liberali. La loro piattaforma elettorale di base: cambiamento climatico e uguaglianza di genere. I verdi e gli indipendenti sono disposti a sostenere il nuovo governo laburista nel caso in cui non raggiunga la maggioranza nella Camera Alta del Senato, composta da 76 seggi, come probabilmente accadrà alla fine del conteggio. Non è che il sistema bipartitico sia finito in Australia, come alcuni hanno detto, ma è stato inferto un duro colpo a politici compiacenti e alle lobby politiche tradizionali.

Il partito liberale di Scott Morrison è stato il più penalizzato. Solo i candidati provenienti da elettorati irriducibilmente conservatori hanno avuto successo alle elezioni. Il partito, dunque, è ora ancora più ideologicamente posizionato a destra, pronto a eleggere come nuovo leader dell'opposizione Peter Dutton, a sua volta per poco sopravvissuto alle urne dalla vantaggiosa posizione di ministro della Difesa. In precedenza era stato responsabile del trattamento brutale dei richiedenti asilo, dei rifugiati e degli immigrati nel suo altro portafoglio ministeriale degli Interni.

Gli australiani hanno taciuto per tre anni e hanno atteso pazientemente le elezioni per punire Scott Morrison e il suo governo per la cattiva gestione delle calamità che hanno devastato le regioni orientali e meridionali dell'Australia: incendi boschivi di dimensioni senza precedenti, inondazioni, Covid-19 e ritardi inspiegabili nella campagna di vaccinazione, pesanti perdite umane nel sistema di assistenza agli anziani, migliaia di cittadini bloccati all'estero per mesi e a cui non è stato permesso di rientrare, a quanto pare a causa della carenza di strutture per la quarantena. Scott Morrison è riuscito a fornire un'ulteriore prova della sua mancanza di empatia, concedendo la vittoria del leader laburista Anthony Albanese e uscendo di scena senza una parola di ringraziamento per gli insegnanti e gli infermieri che si sono sacrificati così tanto durante la pandemia. La svista non è passata inosservata all'opinione pubblica.

Possiamo fornire una testimonianza diretta dell'atteggiamento sconcertante del governo conservatore australiano, soprattutto negli ultimi tre anni. Sulla questione dei richiedenti asilo trasferiti con la forza dall'Australia nella remota isola di Manus in Papua Nuova Guinea nel 2013, le risposte alla nostra corrispondenza da parte del ministro degli Esteri Marise Payne e dei ministri degli Interni Peter Dutton prima e Karen Andrews più recentemente, sono state sorprendentemente formali, fredde, deprimenti, quasi sprezzanti. Tra le righe si vedevano il lavoro e i modelli di scrittura di assistenti ministeriali ben catechizzati in cattiveria e brutalità.

Spetta ora al trentunesimo primo ministro, Anthony Albanese, invertire la marea di malcontento e disillusione su tanti fronti. È il primo leader australiano di origine non anglo-celtica. Porta il cognome di un padre italiano con cui non è cresciuto e la memoria di una madre irlandese-australiana che lo ha allevato con sacrifici. Ha frequentato le scuole cattoliche di Sydney e ha aderito ai sindacati in gioventù. Nel 1996, a 33 anni, è diventato membro del Parlamento per i laburisti e da allora è sempre stato deputato. Ha ricoperto portafogli ministeriali nei precedenti governi laburisti. Ora sta formando un gabinetto equilibrato dal punto di vista etnico e di genere. Per la prima volta il ministro per gli Affari indigeni proverrà dai ranghi della popolazione autoctona.

La nuova ministra degli Esteri, la senatrice Penny Wong, nel suo primo giorno di mandato si è rivolta alla "famiglia" del Pacifico di nazioni indipendenti (non più "il cortile dietro casa" come lo definivano i conservatori) assicurando loro un percorso comune e un sostegno reciproco. Certo, per il momento sono solo parole, ma non si sentivano da molto tempo.

La Cina si sta espandendo nel Pacifico come nel resto del mondo. Il recente trattato economico e di difesa con il controverso primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavare ha colto l'Australia di sorpresa. Probabilmente ha piantato l'ultimo chiodo nella bara del governo Morrison, esaurendo l'ultima riserva di fiducia dei liberali moderati e attenti. Quando le cose non vanno bene, gli australiani non scendono in piazza, ma scelgono il cambiamento rivolgendosi all'opposizione. Il partito laburista ha perso nel 2013 e ha poi impiegato nove anni per tornare al potere perché le casse dello Stato erano vuote e gli elettori non potevano permettere spese ulteriori.

Sarà il ministro degli Esteri, la senatrice Penny Wong - lei stessa di etnia cinese Han originaria di Kota Kinabalu in Malaysia - a incontrare e coinvolgere regolarmente la leadership di Pechino. Anthony Albanese ha già detto che è la Cina ad aver cambiato atteggiamento negli ultimi anni, non l'Australia. È probabile che il nuovo governo riprenda il dialogo con la Francia e le conceda un po' di spazio nel Pacifico, dopo essere stata bruscamente scartata dal governo Morrison per il pasticcio dell'accordo sui sottomarini nucleari, a favore di un nuovo accordo con Stati Uniti e Inghilterra.

Anche la Nuova Zelanda guarda a legami più amichevoli con l'Australia per la sicurezza e la cooperazione nel Pacifico, e soprattutto per la fine della crudele pratica australiana di deportare residenti di lunga data incriminati e indesiderati di origine kiwi, compresi minori, ma privi di legami e di sostegno oltre lo stretto. Il regime australiano di detenzione a tempo indeterminato (anche 10 o 12 anni) degli immigrati irregolari o ritenuti tali è aberrante. Una giovane donna neozelandese si è tolta la vita proprio il giorno dopo l'elezione di Albanese. L'ultimo di una lunga serie di suicidi.

Sul fronte dell'immigrazione l'Australia continuerà a essere una delle mete più ambite del pianeta. Il governo Albanese, tuttavia, cercherà di fare in modo che i viaggi pericolosi di richiedenti asilo via mare, pur legittimi secondo il diritto internazionale, non riprendano. Resta da risolvere la situazione di circa mille persone arrivate via mare tra luglio e dicembre 2013 (di cui circa 220 ancora in detenzione offshore in Papua Nuova Guinea e Nauru) e che non hanno alcuna possibilità di reinsediamento in un Paese diverso dall'Australia, nonostante le attuali leggi nazionali lo impediscano.

La richiesta più forte emersa dalle urne, e la prima citata da Anthony Albanese, è tuttavia un approccio diverso alla questione del cambiamento climatico. Dopo le enormi perdite di habitat naturali, proprietà e vite umane causate da siccità, incendi e inondazioni, gli australiani hanno smesso di credere alla narrazione di Scott Morrison secondo cui il problema non esisteva e non c'era bisogno di allontanarsi gradualmente dal carbone e dai combustibili fossili. La tecnologia dell'energia pulita sarà il futuro anche per l'Australia e, secondo le parole del nuovo primo ministro, sarà necessario ripristinare il rispetto nazionale in questo senso da parte del resto del mondo sviluppato.

L'Australia non può evitare il suo destino di leader del Pacifico. Ma è necessario che il governo di Canberra si dimostri dignitoso, compassionevole, onesto e rispettoso.

* segretario generale della Conferenza episcopale della Papua Nuova Guinea e delle Isole Salomone 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Canberra affonda due progetti della Belt and Road
22/04/2021 11:46
Un fallimento la ‘guerra commerciale’ di Pechino contro Canberra
08/10/2021 13:08
Test navali e dialogo strategico tra Delhi e Canberra: la Cina nel mirino
11/09/2021 11:13


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”