26/03/2010, 00.00
PALESTINA - ISRAELE
Invia ad un amico

La Lega araba donerà 500 milioni di dollari per Gerusalemme

I Paesi arabi preoccupati per i nuovi insediamenti israeliani e per il fallimento Usa nel fermare la colonizzazione. Netanyahu: Su Gerusalemme continuiamo la stessa politica israeliana da 42 anni.
Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – La Lega araba ha deciso di donare 500 milioni di dollari per sostenere la presenza palestinese a Gerusalemme, dopo la decisione del governo israeliano di potenziare la colonizzazione ebraica della zona est della città.
 
Parlando ieri sera ai giornalisti, Amr Moussa, segretario della Lega araba, ha confermato la decisione. Essa sarà resa esplicita nella riunione dell’organismo che si terrà domani e dopodomani a Sirte, in Libia.
 
Moussa ha anche dichiarato che I ministri degli esteri arabi stanno valutando la situazione sempre più infuocata della città contesa, e dopo il fallimento della politica Usa a fermare la colonizzazione israeliana. “Non possiamo accettare per nulla che continuino le attività di nuovi insediamenti”, ha detto Moussa.
 
Intanto, il premier israeliano Benjamin Netanyahu, di ritorno da un incontro a Washington con il governo americano e con il presidente Barack Obama, ha oggi dichiarato che “non ci sarà alcun cambiamento nella politica di Israele riguardo a Gerusalemme, la stessa che è stata portata a vanti da tutti i governi israeliani da 42 anni”.
 
 
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Le attività delle colonie affrettano la fusione di Israele e Palestina in un unico Stato
28/09/2010
I palestinesi rigettano le aperture zoppe di Netanyahu
15/06/2009
Lieberman a Clinton: Israele non fermerà gli insediamenti in Cisgiordania
18/06/2009
Israele e Palestina, un iftar per rompere digiuno e silenzio
29/07/2013
Israele autorizza altre 3mila case per i coloni nei Territori occupati
01/02/2017 08:32


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”