19/08/2013, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Lahore, una ‘Giornata di lutto’ per affermare i diritti delle minoranze

di Shafique Khokhar
Oltre 300 persone di diverse estrazioni sociali hanno partecipato alla manifestazione. Tra le richieste fatte al governo pakistano, riformare la Costituzione e abolire le leggi antiblasfemia.

Lahore (AsiaNews) - Cambiare la Costituzione del Pakistan, che indica le minoranze come "cittadini di seconda classe", e abolire le leggi anti-blasfemia. Sono alcune delle richieste presentate al governo di Islamabad da organizzazioni della società civile e per i diritti umani. Più di 300 persone - tra giovani, insegnanti, assistenti sociali e leader locali - si sono riunite dinanzi al Press Club di Lahore il 15 agosto scorso, per partecipare a una "Giornata di lutto" per i diritti delle minoranze.

L'evento è stato preparato da Human Rights Focus Pakistan (Hrfp), organizzazione cristiana per i diritti umani; Global Human Rights Defense (Ghrd); Pakistan Christian National Party (Pcnp); Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Claas). In modo significativo, gli organizzatori hanno scelto di far cadere il raduno dopo la Giornata nazionale delle minoranze (11 agosto) e il Giorno dell'indipendenza (14 agosto).

"Oggi - ha detto alla folla Naveed Walter, presidente di Hrfp - è un giorno di lutto per tutte le minoranze del Pakistan, perché i diritti di base e le libertà fondamentali delle minoranze sono gli obiettivi più facili da colpire e perseguitare". L'attivista ha poi sottolineato la grave mancanza di sicurezza in cui vivono le minoranze religiose, ricordando il rogo alla Joseph Colony, o l'abuso delle leggi anti-blasfemia per perseguitare i cristiani, come nel caso di Rimsha Masih.

"Le minoranze di questo Paese - ha notato poi Joseph Francis, direttore nazionale del Claas - si sentono imbarazzate a celebrare la Giornata nazionale per le minoranze, perché mostra in modo esplicito che queste comunità sono in una posizione più vulnerabile". Anche per questo, ha aggiunto, "chiediamo una riforma della Costituzione del Pakistan [1973], che in modo inequivocabile dichiara che le minoranze religiose sono cittadini di seconda classe".

Al termine della manifestazione, i partecipanti hanno stilato una lista di nove "suggerimenti" da inviare al governo. Tra i vari punti, si chiede di rivedere le leggi anti-blasfemia (art. 295 B e C del Codice penale, ndr) e abolire gli articoli 2 (l'islam è religione di Stato) e 41-2B (il candidato alla presidenza deve essere musulmano e di età superiore ai 45 anni) della Costituzione. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pakistan: legge sulla blasfemia "un mandato di morte" per i non musulmani
19/09/2005
Chiesa pakistana: non chiamateci ‘minoranza’
13/08/2019 11:28
Presidente pakistano: Vigilare contro l’uso iniquo della legge sulla blasfemia
22/09/2009
Sindh: torna a scuola il discorso di Jinnah su libertà di religione e uguaglianza dei cittadini
01/04/2015
Zardari si impegna col Papa a superare le discriminazioni a causa della religione
01/10/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”