09/03/2010, 00.00
MYANMAR – BANGLADESH
Invia ad un amico

Migliaia di profughi rohingya a rischio fame in Bangladesh

L’allarme lanciato da una ong statunitense, secondo cui Dhaka blocca aiuti e cure ai rifugiati e li rinchiude in “prigioni a cielo aperto”. Essi appartengono a una minoranza musulmana del Myanmar e sono perseguitati dalla dittatura militare. Il governo bangladeshi respinge le accuse: “siamo noi le vittime”.
Dhaka (AsiaNews/Agenzie) – Migliaia di rifugiati birmani in Bangladesh rischiano di morire di fame. È l’allarme lanciato da Physicians for Human Rights, ente di assistenza sanitaria statunitense, secondo cui il governo impedisce ai profughi rohingya – minoranza musulmana del Myanmar in fuga dalle persecuzioni – di ricevere cure adeguate. Dhaka respinge con forza le accuse, come ha fatto il mese scorso all’indomani di un rapporto analogo pubblicato da Medici senza frontiere (Msf).
 
I rohingya sono una delle numerose minoranze etniche che costituiscono l’Unione del Myanmar. Essi vivono nello Stato Rakhine, nel nord-ovest del Paese, e sono fra le etnie più misere e perseguitate al mondo. Il regime militare non riconosce loro il diritto di cittadinanza, il possesso di terreni, libertà di spostamento o matrimonio senza un “permesso speciale” rilasciato dalle autorità.
 
Decine di migliaia cercano la fuga all’estero, soprattutto in Bangladesh e Malaysia, nazioni a maggioranza musulmana. Dhaka ha accordato a circa 28mila rohingya lo status di rifugiati, i quali vivono in un campo profughi delle Nazioni Unite a Kutupalong. Tuttavia, stime governative parlano di altri 200mila – o forse 300mila – membri della minoranza che vivono da clandestini in Bangladesh. L’esecutivo ha lanciato un giro di vite contro i profughi, per impedire nuovi esodi di massa in vista delle elezioni politiche in Myanmar, previste entro la fine del 2010.
 
L’allarme lanciato da Physicians for Human Rights riguarda in particolare i bambini, che rischiano di morire di fame se non verranno distribuiti gli aiuti. Gli attivisti denunciano anche “arresti arbitrari, espulsioni illegali e internamenti forzati” dei musulmani rohingya, molti dei quali vivono in “prigioni a cielo aperto”. Richard Sollom, direttore dell’ente Usa, parla di “politica governativa” che mira “semplicemente a farli sparire”.
 
Dhaka respinge le accuse al mittente e parla di denunce “completamente false”. Abdul Momen, rappresentante del Bangladesh alle Nazioni Unite, spiega che il governo è “preoccupato che non giungano aiuti da gruppi terroristi”. “Siamo noi le vittime – continua – siamo un Paese povero e nonostante ciò proviamo a fare del nostro meglio per aiutarli”.
 
Lo scorso anno le cronache internazionali avevano denunciato le persecuzioni dell’esercito thailandese ai danni dei Rohingya. A dispetto delle smentite ufficiali di Bangkok, moltissimi profughi che sconfinavano in acque thai venivano prima arrestati dai militari, poi liberati in mare aperto, senza cibo né acqua.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Si rovescia un’imbarcazione di profughi Rohingya: 12 morti, quasi tutti bambini
09/10/2017 08:48
Lahore, una Ong cattolica parte per soccorrere i Rohingya in difficoltà
15/09/2017 12:18
Cox's Bazar: uccisi a colpi d'arma da fuoco due leader Rohingya
11/08/2022 10:45
Cristiano Rohingya: famiglia cristiana rapita, minorenne convertita
04/02/2020 12:29
Cox's Bazar: migliaia di rifugiati Rohingya chiedono di tornare a casa
20/06/2022 12:24


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”