29/08/2016, 09.03
INDIA
Invia ad un amico

Modi: Madre Teresa santa è un orgoglio per l’India. Protesta di un capo radicale indù

di Nirmala Carvalho

Il premier indiano invia una delegazione alla cerimonia che si terrà il 4 settembre in Vaticano. Il capo di una branca radicale dei nazionalisti afferma che la canonizzazione “è un problema”, perché “si prevedono maggiori conversioni”. Leader cristiano: “Queste dichiarazioni non ci sorprendono”.

Mumbai (AsiaNews) – Il premier indiano Narendra Modi, leader del partito nazionalista indù Bjp (Bharatiya Janata Party), ha reso omaggio a Madre Teresa per il suo “servizio a favore del poveri dell’India” e ha detto che “gli indiani devono essere orgogliosi per la sua canonizzazione”. Le dichiarazioni ufficiali del capo del governo dell’Unione hanno però suscitato malumori nella base nazionalista radicale del suo partito, che ha contestato l’apertura nei confronti della suora cattolica. Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), dice ad AsiaNews che gli attacchi dei nazionalisti indù alla figura della beata, già numerosi in passato, “non ci sorprendono”. Il leader cristiano afferma inoltre: “I riflettori internazionali sono puntati sull’opera di amore e pace svolta da Madre Teresa. Il Gcic accoglie con favore e apprezza la stima del nostro premier nei confronti della futura santa”.

Madre Teresa verrà proclamata santa il prossimo 4 settembre a Roma. Infaticabile servitrice dei “più poveri tra i poveri”, il suo contributo è riconosciuto a livello mondiale. Anche in India la maggior parte della popolazione venera la Beata, mentre i radicali indù hanno più volte tentato di oscurare la sua figura.

Il premier Modi ha riconosciuto il valore della Madre nel suo discorso radiofonico settimanale “Mann Ki Baat”. Ma subito dopo Surendra Jain, segretario generale del Vhp (Vishwa Hindu Parishad, gruppo ultranazionalista e paramilitare), ha dichiarato: “La canonizzazione di Madre Teresa preannuncia maggiori conversioni al cristianesimo. Il primo ministro Narendra Modi avrebbe dovuto considerare questo problema, prima di decidere di inviare una delegazione in Vaticano”.

Il radicale ha poi affermato che non è “fattibile” dichiarare santa una persona sulla base di miracoli e ha aggiunto in modo spregiativo: “Vi aspettate che nella nostra epoca avvengano miracoli?”.

Sajan K George dice che questi commenti non sono insoliti per gli esponenti indù. Fin da quando Modi è stato eletto nel 2014, “i radicali di destra affiliati che sostengono la zafferanizzazione hanno spinto in avanti l’ideologia dell’Hindutva, che comprende programmi di ghar wapsi (‘ritorno a casa’, riconversione all’induismo), molestie e intimidazioni di pastori, interruzione delle preghiere. Vengono anche gettati sospetti contro la minoranza cristiana vulnerabile”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Delhi, i vescovi chiedono al premier Modi di invitare papa Francesco in India
26/04/2016 11:26
Il nazionalismo indù di Modi potrebbe scatenare un’altra guerra: parola del Global Times
20/07/2017 09:12
Ram Puniyani: I fondamentalisti indù sono drogati da false ideologie
06/03/2019 13:43
P. Prakash: sui diritti umani, l’India ha toccato ‘abissi terribili’
05/12/2018 12:23
Nazionalista indù: in Andhra Pradesh ‘conversioni forzate’ con il Chief minister cristiano
19/11/2019 13:02


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”