29 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/06/2016, 12.39

    INDIA

    Parlamentare indù contro Madre Teresa. Card. Toppo: Lasciateli dire, era amata da tutti

    Nirmala Carvalho

    Lo yogi Adityanath è membro del partito nazionalista indù al governo e candidato ministro per il prossimo rimpasto di gabinetto. Egli ha dichiarato che Madre Teresa sarebbe stata “parte di un complotto per convertire l’India al cristianesimo”. Le istanze separatiste della parte nord orientale del Paese sarebbero colpa del tentativo di conversione al cristianesimo. L’arcivescovo di Ranchi ricorda che la Beata “amava tutti con amore sincero ed era al servizio dei più poveri tra i poveri”.

    Mumbai (AsiaNews) – Madre Teresa “faceva parte del complotto per convertire l’India al cristianesimo” e i gruppi separatisti del nord-est del Paese sarebbero sorti a causa di “incidenti dovuti alle conversioni di massa”. Sono le ultime controverse dichiarazioni dello yogi Adityanath, esponente parlamentare del Bjp [Bharatiya Janata Party, partito nazionalista indù al governo – ndr], su Madre Teresa, che il prossimo 4 settembre verrà proclamata santa da papa Francesco. Ad AsiaNews il card. Telesphore Toppo, arcivescovo di Ranchi, commenta: “Lasciate che essi dicano quello che vogliono. Dio benedice anche loro”.

    Il deputato indù di Gorakhpur, nell’Uttar Pradesh, è intervenuto durante un incontro religioso organizzato lo scorso 18 giugno a Basti, nel suo Stato. Egli ha affermato che i cristiani avrebbero “scelto in modo specifico i dalit per le conversioni” e poi ha invitato gli indù a non elogiare il cristianesimo.

    Lo yogi [asceta, mistico] è tra i candidati al seggio ministeriale nel prossimo rimpasto di gabinetto del premier Narendra Modi. Parlando della situazione degli indù nella parte nord orientale dell’India, ha detto: “Voi non avete idea di quello che accade. Dovreste visitare quei luoghi per vedere le condizioni reali”.

    A proposito dei commenti del radicale su Madre Teresa, il card. Toppo afferma: “Il mondo intero la acclama come ‘Madre’, dal momento che è stata uno strumento dell’amore di Dio”. Il porporato, che ha conosciuto di persona la fondatrice delle Missionarie della Carità, sostiene che “tutta l’esistenza della Madre è stata guidata dalla passione nel costruire vite umane attraverso il perdono, la guarigione, il rispetto e facendo delle persone veri esseri umani a immagine e somiglianza di Dio”.

    L’arcivescovo di Ranchi dichiara: “Madre Teresa era amata da tutti e lei stessa amava tutti con amore genuino, in particolare i più poveri tra i poveri”. Inoltre ricorda che è stato proprio il governo indiano a diffondere i dati sulle religioni in India, che rivelano che i cristiani in tutto il Paese rappresentano il 2,3% della popolazione [27,8 milioni su un totale di 1,2 miliardi di persone].

    Il parlamentare del Bjp non è l’unico ad aver rilasciato commenti controversi sulla Beata. Lo scorso anno Mohan Bhagwat, esponente indù di spicco e capo dell’Rss (Rashtriya Swayamsevak Sangh, gruppo nazionalista e paramilitare), ha detto che “il fine principale di Madre Teresa nel servire i poveri era quello di convertire al cristianesimo”. Anche in quell’occasione la reazione di tutta l’India è stata netta: leader religiosi e politici di ogni schieramento hanno affermato che “è una santa”.

    A smentire ogni accusa contro la Madre, anche p. Brian Kolodiejchuk, postulatore della sua causa presso la Santa Sede: “Madre Teresa ha offerto cure amorevoli e affettuose a tutti coloro che più erano nel bisogno, i più poveri tra i poveri, a prescindere dalla loro razza, colore, nazionalità, credo. In ogni essere umano lei vedeva un figlio di Dio, creato per cose grandi: da amare e da cui essere amato. […] Rispettava ogni persona, compresi gli atei e gli agnostici”. P. Brian nel suo intervento ha riportato l’esempio di un indù che ha lavorato con Madre Teresa per 23 anni. “Una volta lui le ha domandato se volesse convertirlo – dice – e la sua risposta è stata: ‘Sì io ti converto ad essere un migliore indù, musulmano, protestante, parsi, sikh o buddista. Una volta che hai trovato Dio, sta a te fare ciò che Dio vuole che tu faccia’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2017 08:53:00 INDIA
    Dopo le elezioni regionali, i nazionalisti indù dominano in India

    In Uttar Pradesh il nuovo chief minister è Yogi Adityanath, un guru radicale accusato di numerosi crimini. Il premier Narendra Modi ha attirato le simpatie della popolazione nonostante il bando delle rupie. Il Congress Party, di solito sostenuto da minoranze e dalit cui distribuiva posti di potere, ha fallito nel guadagnare consensi.



    08/11/2016 12:16:00 INDIA
    Il card. Gracias celebra il giubileo dei migranti tribali: Siete la nostra famiglia (Foto)

    L’arcivescovo ha invitato il card. Toppo, arcivescovo di Ranchi e con origini tribali. A Mumbai vivono circa 80mila migranti provenienti in larga parte dall’altopiano di Chota Nagpur (India centro-orientale). Nella megalopoli essi sono vittime di discriminazione sociale e lavorativa. Un piano di cooperazione tra le arcidiocesi di Mumbai e Ranchi.



    15/03/2016 12:24:00 INDIA – VATICANO
    Card. Toppo: La Chiesa in India e in tutta l’Asia gioisce per la canonizzazione di Madre Teresa

    L’arcivescovo di Ranchi commenta il decreto firmato questa mattina da papa Francesco. Egli racconta ad AsiaNews una profonda amicizia personale con la fondatrice delle Missionarie della Carità, nata nel 1978 quando fu nominato vescovo di Dumka. L’impegno della futura santa verso la natura e l’ambiente, testimoniato nella sua determinazione a vivere in povertà.



    27/02/2015 INDIA
    Madre Teresa, "amata dall'India e dal mondo". Basta attacchi
    In un editoriale p. Charangat, direttore delle Comunicazioni e dei media per l'arcidiocesi di Mumbai, critica le dichiarazioni fatte dal capo della Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss). Accusare la fondatrice delle Missionarie della Carità di aiutare i poveri per convincerli a convertirsi è "un atto arrogante, scorretto, fuorviante, malizioso e in malafede". "La Chiesa cattolica non riconosce le conversioni fatte con la forza o con l'inganno".

    24/02/2015 INDIA
    Radicale indù contro Madre Teresa, ma l'India non ci sta: "È una santa"
    Il capo del gruppo paramilitare Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss) ha accusato la fondatrice delle Missionarie della Carità di "aver servito i poveri con l'obiettivo di convertirli". Persone di ogni fede ed estrazione sociale criticano le parole del leader indù. Global Council of Indian Christians (Gcic): "Madre Teresa spesso esortava quelli che venivano da lei a essere bravi indù, musulmani, cristiani o sikh".



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®