04/11/2020, 15.42
IRAQ
Invia ad un amico

Mosul, giovani musulmani ripuliscono chiese e collaborano al ritorno dei cristiani

Fin dalla liberazione i volontari (musulmani) di Sawaed al-Museliya operano per cancellare le tracce dello Stato islamico e portare aiuto alle persone in difficoltà. In questi giorni stanno ripulendo la chiesa siro-cattolica di san Tommaso. L’appello alle famiglie fuggite: “Tornate, Mosul non è completa senza di voi!”.

Mosul (AsiaNews/Agenzie) - “Questo è un messaggio che lanciamo [ai cristiani], diciamo loro: tornate, Mosul non è completa senza di voi!”. È quanto racconta Mohammed Essam, cofondatore di un gruppo di volontari della metropoli del nord dell’Iraq, impegnati a ripristinare l’uso di edifici storici della città, anche cristiani, nel tentativo di superare le drammatiche ferite inferte da anni di dominio dello Stato islamico (SI, ex Isis). Assieme ad altri ragazzi, musulmani, egli in questi giorni sta ripulendo (nella foto) da polvere, detriti e calcinacci la chiesa siro-cattolica di san Tommaso. 

Lo storico luogo di culto risale alla metà del 1800 ed è stato oggetto di depredazione e distruzione dei miliziani del “califfato”, che nell’estate del 2014 avevano conquistato il controllo di Mosul e di gran parte della piana di Ninive, costringendo i cristiani (come gli yazidi, altri musulmani, sabei) alla fuga verso un riparo nel Kurdistan irakeno. Un dominio durato fino all’estate del 2017 e perpetrato con la violenza e il terrore, oltre alla devastazione di luoghi simbolo come la moschea di al-Nouri e la chiesa di Al-Saa (Nostra Signora dell’Ora).

Dopo il saccheggio, avvenuto durante l’estate del 2014, la chiesa di san Tommaso ha versato in stato di abbandono, rischiando il crollo completo della struttura. Il gruppo di giovani volontari ha voluto considerarla un simbolo di rinascita, nel tentativo di “spazzare via” le brutalità e gli orrori del dominio jihadista, come la scritta “Terra del Califfato” in arabo che campeggiava su uno dei muri dell’edificio. Un riferimento alle ambizioni del gruppo sull’intero Medio oriente. 

Lo stesso Essam ricorda, avendole vissute in prima persone, le atrocità commesse dagli uomini di al-Baghdadi. “Vogliamo cambiare - afferma - la percezione della gente nella regione, e in tutto il mondo, sulla città di Mosul. Vogliamo dire che i cristiani appartengono a questa terra. Essi hanno una ricca e preziosa storia alle spalle qui”. 

Fin dalla liberazione il gruppo chiamato “Braccia di Mosul” (Sawaed al-Museliya, in arabo) ha fornito assistenza e aiuti, distribuendo cibo e beni di prima necessità ai più bisognosi, ricostruendo case, soprattutto quelle appartenenti ai più poveri. Pulendo la chiesa, essi intendono sostenere gli sforzi della locale comunità cristiana a ricostruire edifici, strutture, beni e proprietà storiche e preparare il terreno per il ritorno di quanti sono fuggiti in passato a causa delle violenze etniche e confessionali. “Vogliamo prenderci cura di loro - sottolinea - e dei loro luoghi di culto”. 

Finora solo una cinquantina di famiglie cristiane sono tornate a Mosul, sebbene ogni giorno a centinaia dalla piana di Ninive e dai villaggi cristiani si dirigono nella metropoli per motivi di studio e di lavoro. I giovani, conclude una fonte cristiana del nord dell’Iraq, sono “la speranza di questa città, che molto ha sofferto in passato avendo attraversato un tunnel oscuro”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mosul, volontari cristiani offrono aiuti a profughi musulmani
25/11/2020 13:08
Sacerdote caldeo: dai giovani cristiani e musulmani la rinascita di Mosul
05/11/2020 11:14
La ‘primavera’ di Mosul: la biciclettata ‘in rosa’ e la moschea di al-Nuri
16/04/2021 12:05
Arcivescovo di Mosul: un premio Sakharov in memoria delle vittime dell’Isis
22/09/2020 13:24
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015