23/05/2022, 08.47
ASIA TODAY
Invia ad un amico

Nel mondo 100 milioni di sfollati per violenze e diritti negati

Le notizie di oggi: almeno sette morti in un incendio su un traghetto nelle Filippine, settimana di preghiera per la Cina e il suo popolo; in Israele confermato il primo caso di vaiolo delle scimmie; in Afghanistan giornaliste e conduttrici tv costrette a coprirsi il volto per ordine dei talebani; nel 2022 la vendita di gas russo in Europa supererà i 100 miliardi; ancora nessun accordo fra Erevan e Baku sulle frontiere. 

ASIA
Il numero delle persone sfollate nel mondo per violenze e violazioni dei diritti ha superato per la prima volta quota 100 milioni. È quanto emerge dai dati ufficiali diffusi oggi dalle Nazioni Unite, secondo cui la guerra russa all’Ucraina è fra i fattori che hanno alimentato l’esodo assieme ad altri conflitti e focolai di tensione nel mondo, come sta avvenendo in Myanmar e Afghanistan.

CINA
Un forum globale di attivisti ha lanciato un appello ai cristiani nel mondo, per partecipare alla settimana di preghiera per la Chiesa e il popolo cinese. Una iniziativa promossa da Global Prayer for China e giunta al secondo anno, in risposta all’appello lanciato dal card. Charles Bo. Di recente il porporato ha rinnovato la sua richiesta, dopo l’arresto del card. Zen, vescovo emerito di Hong Kong. 

FILIPPINE
Sono almeno sette i morti, fra i quali cinque donne, dell’incendio divampato a bordo di un traghetto veloce nelle Filippine, con a bordo almeno 134 persone. Fonti della guardia costiera riferiscono che, al momento, risultano ancora sette passeggeri dispersi. L’imbarcazione MV Mercraft 2 ha preso fuoco prima di raggiungere il porto di Real, nella provincia di Quezon. 

ISRAELE

Israele ha confermato il primo caso di vaiolo delle scimmie, unendosi a diversi Paesi europei e nordamericani nel rilevare la malattia endemica in parti dell’Africa. Un uomo sui 30 anni, rientrato dall’Europa occidentale, è risultato positivo a virus e accusa sintomi legati alla patologia. Il timore è che il contagio possa allargarsi ad altre nazioni della regione mediorientale. 

AFGHANISTAN
Giornaliste e conduttrici tv afghane da ieri vanno in onda col volto coperto da un hijab, in linea con i dettami dei talebani. La resistenza contro le imposizioni degli studenti coranici è durata qualche ora, ma i vertici delle emittenti hanno detto che faranno osservare la norma. Ad oggi le donne devono visitare parchi pubblici in giorni diversi e avere un guardiano maschio per viaggiare. 

RUSSIA
Nonostante il blocco delle forniture a diversi Paesi, la vendita del gas russo in Europa aumenterà nel 2022 fino a superare i 100 miliardi di dollari. Si tratta di un volume doppio rispetto a quello registrato l’anno scorso; la crescita è legata ai forti aumenti dei prezzi del gas e del petrolio.

AZERBAIGIAN - ARMENIA
L’Azerbaigian non ha finora accettato le proposte dell’Armenia per la regolazione dei conflitti di frontiera, rifiutando di discutere lo status del Karabakh, considerata una regione totalmente azera. Secondo le mire di Baku, la zona contesa dovrà rappresentare in futuro il “centro simbolico del mondo turco”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Seoul rilancia il nucleare per soddisfare il fabbisogno energetico
05/07/2022 08:52
Hanoi punta a una crescita economica del 7% per il 2022
04/07/2022 08:52
Xi Jinping a Hong Kong per le celebrazioni del primo luglio
25/06/2022 08:54
Iraq, il Parlamento sostituisce i deputati di al Sadr
24/06/2022 08:52
Spostato in carcere il processo contro Aung San Suu Kyi
23/06/2022 09:03


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”