18/06/2012, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Non conosce i nomi dei genitori di Buddha: ragazzo cattolico picchiato da un monaco

di Melani Manel Perera
È accaduto al Mahanama College Getambe di Kandy (Central Province). Amila, 13 anni, ha perso sangue dall’orecchio sinistro, ma non ha riportato danni permanenti. Nonostante la denuncia, la polizia non ha arrestato nessuno. In base allo statuto del Dipartimento per l’educazione, ogni scuola deve garantire a studenti di altri credo il diritto di seguire la propria lezione di religione.

Kandy (AsiaNews) - Picchiato e ferito dal proprio insegnante, il monaco buddista Rahula, perché non ricordava i nomi dei genitori del Buddha: è accaduto ad Amila Tharanga, 13 anni, studente cattolico del Mahanama College Getambe di Kandy (Central Province). L'aggressione è avvenuta l'11 giugno scorso, ma ci sono voluti diversi giorni perché il ragazzo raccontasse l'accaduto ai genitori. Una volta sporta denuncia, però, la polizia non ha mai emesso alcun mandato d'arresto. Amila ha riportato una lesione all'orecchio, che per fortuna non si è rivelata permanente.

P. Nandana Manatunga, direttore dell'ufficio per i Diritti umani di Kandy, racconta ad AsiaNews: "Quando il monaco è entrato in classe per insegnare buddismo, Amila si è seduto in fondo all'aula. L'insegnante però l'ha costretto a sedersi al primo banco e ha iniziato a interrogarlo, ma il ragazzo ha risposto dicendo che era cattolico. A quel punto, il monaco gli ha detto 'Anche se sei un cattolico, dovresti conoscere il buddismo', e lo ha picchiato fino a fargli sanguinare l'orecchio sinistro". Nonostante fosse ferito in modo evidente, nessuno a scuola lo ha medicato. Il monaco e una insegnante lo hanno anche minacciato perché non parlasse dell'accaduto. Quando suo fratello Gashan, anch'egli uno studente della scuola, è venuto a sapere dell'incidente, si è precipitato in classe di Amila, ma il monaco ha minacciato anche lui.

"Quando è tornato a casa - continua il sacerdote - il 13enne era spaventato e si è messo a dormire per il dolore alla testa e all'orecchio, senza dire nulla. Quando alle 7 di sera ha iniziato a vomitare, suo padre P.G. Tilakaratne ha iniziato a chiedergli cosa fosse successo, finché Amila non ha raccontato tutto". La mattina seguente, i genitori hanno portato il ragazzo al Kandy General Hospital, dove è stato subito ricoverato e curato. Il padre ha sporto denuncia il 13 giugno.

Il Mahanama College Getambe è una scuola buddista frequentata anche da studenti cristiani. Il Dipartimento per l'educazione stabilisce che gli alunni di altri credo possono studiare la propria religione. Tuttavia, nella scuola questo non avviene e sono frequenti episodi di punizioni, anche fisiche, inflitte dal corpo insegnante. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Natale a Kandy: la comunità cattolica in aiuto dei poveri (VIDEO)
29/12/2020 11:27
Sri Lanka, violenze contro i musulmani: dichiarato lo stato d’emergenza (Foto)
06/03/2018 12:41
Sri Lanka sull’orlo di una nuova guerra civile. Cristiani: Governo riporti l’ordine pubblico
08/03/2018 13:10
Kandy: vietate le celebrazioni per la Giornata dei diritti umani
13/12/2021 12:27
Kandy, vittima: 'tutti devono sapere che la polizia mi ha torturato'
06/07/2018 11:21


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”