03/05/2008, 00.00
COREA DEL SUD – USA
Invia ad un amico

Oltre 10mila manifestano contro l’importazione di carne Usa

di Theresa Kim Hwa-young
Critiche al governo, che ha firmato un patto di importazione senza richiedere controlli sanitari sulla carne, a rischio mucca pazza. Timori per la destinazione finale: forse, le mense delle scuole statali.
Seoul (AsiaNews) – Oltre 10mila persone sono scese in piazza questa notte nella capitale sudcoreana per protestare contro la decisione di aprire il mercato interno alle importazioni di manzo dagli Stati Uniti. Nel corso di una veglia a lume di candela, i manifestanti hanno chiesto al nuovo presidente Lee Myung-bak di ritirare la “pazza decisione”, un riferimento al morbo della mucca pazza che sarebbe presente nella carne importata.
 
Allo stesso tempo, una petizione lanciata su Internet ha raccolto oltre 500mila firme: il testo rigetta “la miserabile ed umiliante diplomazia di Seoul”, considerata “troppo vicina a Washington ed alle sue merci”. Ora, il governo teme un nuovo sentimento anti-americano simile a quello esploso nel 2002, quando due ragazze sudcoreane furono uccise nei pressi della capitale da un veicolo blindato dell’esercito Usa.
 
I leader della protesta chiedono inoltre un’indagine sul comportamento del presidente, che ha siglato il patto di importazione nel corso della sua prima visita ufficiale negli Stati Uniti, avvenuta lo scorso mese. Kim Eun-joo, promotore della petizione online, spiega: “Il trattato è ingiusto, perché mette a rischio la salute dei miei concittadini. Non parla di controlli sanitari, ed accetta che venga nel nostro Paese ogni tipo di carne. Questo è assurdo, se si pensa alle epidemie di mucca pazza che colpiscono ripetutamente le mandrie americane”.
 
Ancora più preoccupante è la destinazione finale dei bovini che, acquistati dal governo, potrebbero finire nelle mense delle scuole statali. Kim, che ha due figli, dice: “Per risolvere questo problema, Seoul acquisterà tutta la carne per farla finire nelle scuole. Io ho paura per i miei ragazzi e, se la situazione non cambia, cercherò di convincere ogni genitore del Paese a tenere a casa i suoi figli”.  
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Seoul, continua la protesta: 1.700 organizzazioni contro la carne Usa
15/05/2008
Niente accordo fra Washington e Seoul sull’importazione di carne bovina
16/06/2008
Seoul rimuove il bando sulla carne Usa, al via la vendita
26/06/2008
Corea del Sud, proteste e fiaccolate per la visita del presidente Bush
05/08/2008
Corea, aumentano le proteste: l'intero governo offre le dimissioni
10/06/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”