02/07/2007, 00.00
HONG KONG – CINA
Invia ad un amico

Oltre 68 mila alla Marcia per la democrazia

Anche il card. Zen ha marciato lungo tutto il percorso, insieme a personalità democratiche. Presente la moglie del giornalista Ching Cheong, condannato dalla Cina.

Hong Kong (AsiaNews) – Oltre 68 mila persone hanno partecipato ieri alla Marcia per la democrazia. La manifestazione, alla sua terza edizione, si è svolta nel pomeriggio a partire dalle 14.40 da Victoria Park e si è snodata per le vie del centro fino a raggiungere, dopo 4 ore, la sede del governo in Central. È stato l’evento che ha raccolto più gente fra tutte le occasioni di incontro programmate nel territorio per celebrare il 10° anno del ritorno di Hong Kong alla Cina.

Fra le personalità che hanno partecipato vi è card. Joseph Zen, che per la prima volta ha voluto marciare con i dimostranti per tutto il tragitto. Altre personalità in vista: Anson Chan, già segretaria generale del governo; il democratico Martin Lee Chu-ming e l’imprenditore cattolico Jimmy Lai Chee-ying, presidente del gruppo Next Media.

Le decine di migliaia di partecipanti, hanno sfidato il caldo tropicale, portando bandiere, cartelli e striscioni. Fra gli slogan più usati vi sono quelli che chiedono piena democrazia per il territorio: “Lotta per la democrazia”; “migliora la qualità della vita”; “fiducia nel popolo di Hong Kong”; “ridate il potere al popolo”. Gli slogan sono in polemica con la Cina: la Basic Law (la mini-costituzione di Hong Kong), prevede il suffragio universale dopo il 2007; Pechino invece ha bloccato ogni sviluppo della democrazia avocando a sé date e modalità, contravvenendo ai patti firmati con la Gran Bretagna nel passaggio di consegne il 1° luglio 1997.

Molta gente si è unita alla marcia per criticare la politica del governo di Hong Kong e la situazione di crescente povertà. Altri si sono uniti per chiedere la liberazione del giornalista Ching Cheong, arrestato e condannato dalla Cina per “spionaggio”. Alla marcia era presente la moglie del giornalista, , Mary Lau Man-yee.

Il responsabile degli organizzatori, Jackie Hung Ling-yu, del Fronte per i diritti umani e civili, ha ringraziato tutti della partecipazione, la più alta in 3 anni, e ha domandato al governo di ascoltare la voce della popolazione.

Un portavoce del governo ha dichiarato che “il capo dell’esecutivo [Donald Tsang] ha deciso di risolvere la questione del suffragio universale prima della scadenza del suo mandato”.

Gao Siren, capo del Liason Office (che cura per conto della Cina i rapporti con Hong Kong) ha sottolineato che “dopo 10 anni, Hong Kong gode ancora di libertà di stampa e di parola”.

Il presidente cinese Hu Jintao, per la prima volta nel territorio per i festeggiamenti, ha lasciato Hong Kong due ore prima che la marcia iniziasse.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Zen: “Solo la democrazia garantisce una società giusta”
03/07/2007
Hong Kong, centinaia di arresti dopo la grande Marcia per la democrazia
02/07/2014
Anson Chan alla Cina: l'economia non basta, Hong Kong vuole democrazia
30/06/2006
In 100 mila alla marcia per la piena democrazia di Hong Kong
04/12/2005
Decine di migliaia alla Marcia per la democrazia a Hong Kong
01/07/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”