07/07/2005, 00.00
VATICANO - GRAN BRETAGNA
Invia ad un amico

Papa: attentati a Londra "atti barbarici contro l'umanità"

Città del Vaticano (AsiaNews) – "Atti barbarici contro l'umanità". Così il papa ha definito la serie di esplosioni che questa mattina hanno sconvolto il centro di Londra, causando oltre 150 gravi feriti e decine di morti.

Appena appresa la notizia Benedetto XVI si è raccolto in preghiera nella sua cappella privata.

Il papa ha inviato un telegramma all'arcivescovo di Londra, cardinale Murphy O'Connor, il cui testo integrale  - a firma del segretario di Stato Angelo Sodano - è stato diffuso dal portavoce vaticano Joaquin Navarro-Valls.

Il messaggio dice: "Profondamente addolorato dalle notizie degli attacchi terroristici al centro di Londra, il Santo Padre offre ferventi preghiere per le vittime e per tutti coloro che sono nel lutto. Mentre deplora questi atti barbarici contro l'umanità le chiede di presentare alle famiglie dei colpiti la sua vicinanza spirituale nel momento del dolore. Sul popolo della Gran  Bretagna il Papa invoca la consolazione che solo Dio può dare in tali circostanze".

In Vaticano si sono apprese con "dolore" le notizie sugli attentati a Londra e la Segreteria di Stato segue con "attenzione" gli eventi.

Vi è ancora incertezza sull'esatta dinamica dell'attentato e sui responsabili. Le prime ricostruzioni parlano di 9 deflagrazioni: 6 all'interno della linea metropolitana e 3 su autobus. Secondo i vertici investigativi inglesi si è trattato di un attacco terroristico che ha preso di mira il sistema dei trasporti della capitale. "Tracce di esplosivo sono state trovate su uno dei luoghi dove sono avvenute esplosioni, ha detto il capo della polizia di Londra, Ian Blair. Conferma la pista terrorismo anche il premier inglese Tony Blair. Poco attendibile - secondo fonti di intelligence - la rivendicazione sul web del "Gruppo segreto della Jihad di Al Qaeda in Europa". Secondo esperti, le espressioni linguistiche del comunicato sono troppo moderne rispetto al linguaggio tradizionale usato da Al Qaeda.

Gli attentati sono giunti all'indomani della scelta di Londra quale sede delle Olimpiadi del 2012 e - soprattutto - mentre, nella vicina Scozia, a Gleneagles gli otto paesi più industrializzati sono riuniti per il summit del G8. Il Primo ministro inglese ha detto che gli attacchi potrebbero essere rivolti proprio contro il G8 e l'incontro delle nazioni più ricche. Ma ha aggiunto che questo sarebbe "una barbarie ancora maggiore", dato che i leader mondiali stavano discutendo di come alleviare la povertà in Africa e nel mondo.

Fra gli esperti di terrorismo, si parla di un "nuovo attentato" contro il mondo occidentale, dopo quello dell'11 settembre 2001 a New York e quello dell'11 marzo 2004 a Madrid. Ma il fatto più stupefacente è che il terrorismo ha avuto la possibilità di colpire una delle capitali più difese e vigilate al mondo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove bombe a Londra: la stessa mente del 7 luglio
22/07/2005
Thailandia, ancora bombe della guerriglia separatista musulmana
23/03/2009
Il Pakistan chiama alla "Jihad" contro l'estremismo islamico
22/07/2005
Musulmani pakistani: a Londra giovani "deviati" hanno infamato l'islam
16/07/2005
Condanna e orrore dall'Asia per gli attentati di Londra
08/07/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”