21/12/2012, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: famiglia e dialogo, sfide per la Chiesa del nostro tempo

Nell'incontro con la curia romana, Benedetto XVI fa un bilancio della vita della Chiesa nell'anno trascorso. La famiglia di fronte alla cultura della "libertà" e del "gender". Il dialogo con gli Stati e i valori "non negoziabili". Tra religioni "è necessario fare della responsabilità comune per la giustizia e per la pace il criterio di fondo del colloquio".

Città del Vaticano (AsiaNews) - La famiglia - "forte e viva" malgrado l'attacco alle sua basi posto dal rifiuto dei "vincoli" e dalla concezione della sessualità come "ruolo sociale del quale si decide autonomamente" - e il dialogo, in particolare quello tra le religioni, "condizione necessaria per la pace nel mondo". Sono i temi ai quali Benedetto XVI ha dedicato maggiore attenzione nel lungo discorso rivolto oggi alla curia romana, ricevuta per la presentazione degli auguri natalizi.

E' un appuntamento nel quale, tradizionalmente, il papa traccia un bilancio delle questioni di maggior rilievo per la vita "interna" della Chiesa nell'anno che volge al termine, mentre nell'incontro con il corpo diplomatico, all'inizio del nuovo anno, egli affronta i temi legati alla vita della comunità internazionale.

In primo luogo, dunque, la famiglia, della quale Benedetto XVI ha parlato rievocando l'incontro mondiale di giugno a Milano. Esso "ha mostrato che, nonostante tutte le impressioni contrarie, la famiglia è forte e viva anche oggi. È incontestabile, però, anche la crisi che - particolarmente nel mondo occidentale - la minaccia fino nelle basi".

"Le sfide" che essa affronta oggi, come emerso anche dai lavori del Sinodo di ottobre sulla nuova evangelizzazione, sono principalmente due. La prima riguarda "la questione della capacità dell'uomo di legarsi oppure della sua mancanza di legami".

Di fronte al diffondersi di una cultura che rifiuta l'impegno "per sempre", il Papa dice che "il rifiuto del legame umano, che si diffonde sempre più a causa di un'errata comprensione della libertà e dell'autorealizzazione, come anche a motivo della fuga davanti alla paziente sopportazione della sofferenza, significa che l'uomo rimane chiuso in se stesso e, in ultima analisi, conserva il proprio "io" per se stesso, non lo supera veramente. Ma solo nel dono di sé l'uomo raggiunge se stesso, e solo aprendosi all'altro, agli altri, ai figli, alla famiglia, solo lasciandosi plasmare nella sofferenza, egli scopre l'ampiezza dell'essere persona umana. Con il rifiuto di questo legame scompaiono anche le figure fondamentali dell'esistenza umana: il padre, la madre, il figlio; cadono dimensioni essenziali dell'esperienza dell'essere persona umana".

Il secondo "attentato" alla "autentica forma della famiglia, costituita da padre, madre e figlio" mette in gioco "la visione dell'essere stesso, di ciò che in realtà significa l'essere uomini". Anche in questo caso si tratta di una questione che ha radice culturale. Citando anche quanto sostenuto dal Gran Rabbino di Francia, Gilles Bernheim, il Papa dice che "oggi, sotto il lemma "gender", viene presentato come nuova filosofia della sessualità. Il sesso, secondo tale filosofia, non è più un dato originario della natura che l'uomo deve accettare e riempire personalmente di senso, bensì un ruolo sociale del quale si decide autonomamente, mentre finora era la società a decidervi. La profonda erroneità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa soggiacente è evidente. L'uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l'essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela. Secondo il racconto biblico della creazione, appartiene all'essenza della creatura umana di essere stata creata da Dio come maschio e come femmina. Questa dualità è essenziale per l'essere umano, così come Dio l'ha dato. Proprio questa dualità come dato di partenza viene contestata. Non è più valido ciò che si legge nel racconto della creazione: "Maschio e femmina Egli li creò" (Gen 1,27). No, adesso vale che non è stato Lui a crearli maschio e femmina, ma finora è stata la società a determinarlo e adesso siamo noi stessi a decidere su questo. Maschio e femmina come realtà della creazione, come natura della persona umana non esistono più. L'uomo contesta la propria natura. Egli è ormai solo spirito e volontà. La manipolazione della natura, che oggi deploriamo per quanto riguarda l'ambiente, diventa qui la scelta di fondo dell'uomo nei confronti di se stesso. Esiste ormai solo l'uomo in astratto, che poi sceglie per sé autonomamente qualcosa come sua natura. Maschio e femmina vengono contestati nella loro esigenza creazionale di forme della persona umana che si integrano a vicenda. Se, però, non esiste la dualità di maschio e femmina come dato della creazione, allora non esiste neppure più la famiglia come realtà prestabilita dalla creazione. Ma in tal caso anche la prole ha perso il luogo che finora le spettava e la particolare dignità che le è propria. Bernheim mostra come essa, da soggetto giuridico a sé stante, diventi ora necessariamente un oggetto, a cui si ha diritto e che, come oggetto di un diritto, ci si può procurare. Dove la libertà del fare diventa libertà di farsi da sé, si giunge necessariamente a negare il Creatore stesso e con ciò, infine, anche l'uomo quale creatura di Dio, quale immagine di Dio viene avvilito nell'essenza del suo essere. Nella lotta per la famiglia è in gioco l'uomo stesso. E si rende evidente che là dove Dio viene negato, si dissolve anche la dignità dell'uomo. Chi difende Dio, difende l'uomo".

Secondo grande tema affrontato dal Papa è quello del dialogo. "Nel dialogo con lo Stato e con la società, la Chiesa certamente non ha soluzioni pronte per le singole questioni. Insieme con le altre forze sociali, essa lotterà per le risposte che maggiormente corrispondano alla giusta misura dell'essere umano. Ciò che essa ha individuato come valori fondamentali, costitutivi e non negoziabili dell'esistenza umana, lo deve difendere con la massima chiarezza. Deve fare tutto il possibile per creare una convinzione che poi possa tradursi in azione politica".

Il dialogo tra le religioni, poi, "è condizione necessaria per la pace nel mondo, e pertanto è un dovere per i cristiani come pure per le altre comunità religiose". Esso "sarà innanzi tutto semplicemente un dialogo della vita, un dialogo della condivisione pratica", nel quale non si affronteranno i grandi temi della fede. "Si tratta dei problemi concreti della convivenza e della responsabilità comune per la società, per lo Stato, per l'umanità. In ciò bisogna imparare ad accettare l'altro nel suo essere e pensare in modo diverso. A questo scopo è necessario fare della responsabilità comune per la giustizia e per la pace il criterio di fondo del colloquio. Un dialogo in cui si tratta di pace e di giustizia diventa da sé, al di là di ciò che è semplicemente pragmatico, una lotta etica circa le valutazioni che sono presupposte al tutto. Così il dialogo, in un primo momento meramente pratico, diventa tuttavia anche una lotta per il giusto modo di essere persona umana. Anche se le scelte di fondo non sono come tali in discussione, gli sforzi intorno a una questione concreta diventano un processo in cui, mediante l'ascolto dell'altro, ambedue le parti possono trovare purificazione e arricchimento. Così questi sforzi possono avere anche il significato di passi comuni verso l'unica verità, senza che le scelte di fondo vengano cambiate. Se ambedue le parti muovono da un'ermeneutica di giustizia e di pace, la differenza di fondo non scomparirà, crescerà tuttavia anche una vicinanza più profonda tra loro".

Il Papa mette poi a confronto dialogo, identità e verità: "il cristiano ha la grande fiducia di fondo, anzi, la grande certezza di fondo di poter prendere tranquillamente il largo nel vasto mare della verità, senza dover temere per la sua identità di cristiano. Certo, non siamo noi a possedere la verità, ma è essa a possedere noi: Cristo, che è la Verità, ci ha presi per mano, e sulla via della nostra ricerca appassionata di conoscenza sappiamo che la sua mano ci tiene saldamente. L'essere interiormente sostenuti dalla mano di Cristo ci rende liberi e al tempo stesso sicuri. Liberi: se siamo sostenuti da Lui, possiamo entrare in qualsiasi dialogo apertamente e senza paura. Sicuri, perché Egli non ci lascia, se non siamo noi stessi a staccarci da Lui. Uniti a Lui, siamo nella luce della verità".

Infine, nella prospettiva dell'Anno della fede e del Sinodo, una riflessione sulla evangelizzazione, "il cui primo e fondamentale elemento è il semplice annuncio, il kerigma, che attinge la sua forza dalla convinzione interiore dell'annunciatore". "La parola dell'annuncio diventa efficace là dove nell'uomo esiste la disponibilità docile per la vicinanza di Dio; dove l'uomo è interiormente in ricerca e così in cammino verso il Signore. Allora, l'attenzione di Gesù per lui lo colpisce al cuore e poi l'impatto con l'annuncio suscita la santa curiosità di conoscere Gesù più da vicino. Questo andare con Lui conduce al luogo dove Gesù abita, nella comunità della Chiesa, che è il suo Corpo. Significa entrare nella comunione itinerante dei catecumeni, che è una comunione di approfondimento e, insieme, di vita, in cui il camminare con Gesù ci fa diventare vedenti".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Vaticano all'Islam: "continuiamo sulla via del dialogo"
14/10/2005
Papa: “se non si riconosce che Dio si è fatto uomo, che senso ha festeggiare il Natale?”
19/12/2007
Il contributo delle madri per la pace a Mindanao
29/05/2004