22/02/2012, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: le Ceneri, in "polvere ritornerai" non porti disperazione, ma speranza del paradiso

Benedetto XVI celebra la "stazione penitenziale" in santa Sabina. Le Ceneri sono un "invito alla penitenza, all'umiltà, ad avere presente la propria condizione mortale", ma anche per "accogliere, proprio in questa nostra mortalità, l'impensabile vicinanza di Dio".

Roma (AsiaNews) - Le Ceneri, che oggi vengono imposte sul capo dei fedeli, sono "invito alla penitenza, all'umiltà, ad avere presente la propria condizione mortale, ma non per finire nella disperazione, bensì per accogliere, proprio in questa nostra mortalità, l'impensabile vicinanza di Dio, che, oltre la morte, apre il passaggio alla risurrezione, al paradiso finalmente ritrovato". Lo ha spiegato Benedetto XVI nel corso della messa che ha celebrato nell'antica basilica romana di santa Sabina, nel corso della quale sono state benedette e imposte le ceneri.

Secondo tradizione, il Papa è giunto a santa Sabina con una processione penitenziale partita dalla non distante chiesa dei monaci benedettini di sant'Anselmo all'Aventino.

Proprio le ceneri sono state il tema al quale Bendetto XVI ha dedicato la sua omelia, ricordando che esse sono "un segno materiale, un elemento della natura, che diventa nella Liturgia un simbolo sacro, molto importante in questa giornata che dà inizio all'itinerario quaresimale. Anticamente, nella cultura ebraica, l'uso di cospargersi il capo di cenere come segno di penitenza era comune, abbinato spesso al vestirsi di sacco o di stracci. Per noi cristiani, invece, vi è quest'unico momento, che ha peraltro una notevole rilevanza rituale e spirituale".

"Anzitutto, la cenere è uno di quei segni materiali che portano il cosmo all'interno della Liturgia. I principali sono evidentemente quelli dei Sacramenti: l'acqua, l'olio, il pane e il vino, che diventano vera e propria materia sacramentale, strumento attraverso cui si comunica la grazia di Cristo che giunge fino a noi. Nel caso della cenere si tratta invece di un segno non sacramentale, ma pur sempre legato alla preghiera e alla santificazione del Popolo cristiano: è prevista infatti, prima dell'imposizione individuale sul capo, una specifica benedizione delle ceneri, con due possibili formule. Nella prima esse sono definite «austero simbolo»; nella seconda si invoca direttamente su di esse la benedizione e si fa riferimento al testo del Libro della Genesi, che può anche accompagnare il gesto dell'imposizione: «Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai» (Gen 3,19)".

"Fermiamoci un momento su questo passo della Genesi. Esso conclude il giudizio pronunciato da Dio dopo il peccato originale: Dio maledice il serpente, che ha fatto cadere nel peccato l'uomo e la donna; poi punisce la donna annunciandole i dolori del parto e una relazione sbilanciata con il marito; infine punisce l'uomo, gli annuncia la fatica nel lavorare e maledice il suolo. «Maledetto il suolo per causa tua!» (Gen 3,17), a causa del tuo peccato. Dunque, l'uomo e la donna non sono maledetti direttamente come lo è invece il serpente, ma, a causa del peccato di Adamo, è maledetto il suolo, da cui egli era stato tratto.

Ma, ha rilevato il Papa, "la maledizione del suolo ha una funzione «medicinale». Ciò significa che l'intenzione di Dio, che è sempre benefica, è più profonda della sua stessa maledizione. Questa, infatti, è dovuta non a Dio ma al peccato, però Dio non può non infliggerla, perché rispetta la libertà dell'uomo e le sue conseguenze, anche negative. Dunque, all'interno della punizione, e anche all'interno della maledizione del suolo, permane una intenzione buona che viene da Dio. Quando Egli dice all'uomo: «Polvere tu sei e in polvere tornerai!», insieme con la giusta punizione intende anche annunciare una via di salvezza, che passerà proprio attraverso la terra, attraverso quella «polvere», quella «carne» che sarà assunta dal Verbo. E' in questa prospettiva salvifica che la parola della Genesi viene ripresa dalla Liturgia del Mercoledì delle Ceneri: come invito alla penitenza, all'umiltà, ad avere presente la propria condizione mortale, ma non per finire nella disperazione, bensì per accogliere, proprio in questa nostra mortalità, l'impensabile vicinanza di Dio, che, oltre la morte, apre il passaggio alla risurrezione, al paradiso finalmente ritrovato".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Ceneri, 'se vivo per le cose del mondo, rinnego quello che Dio ha fatto in me'
26/02/2020 17:45
Papa: la Quaresima, un appello a “invertire la marcia” della nostra vita
17/02/2010
Bartolomeo: la Risurrezione unica risposta alla disperazione dell’uomo di oggi
21/04/2009
Papa a Cuba: sono le donne a proteggere “la lotta di tutti coloro che hanno sofferto per difendere i diritti dei loro figli”
22/09/2015
Papa: gli uomini forse possiamo ingannarli, ma Dio no, è tempo di conversione
08/12/2020 12:26


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”