14/02/2007, 00.00
VATICANO - LIBANO
Invia ad un amico

Papa: scongiuro i libanesi di respingere la violenza e ritrovare l’unità

Telegramma di condoglianze di Benedetto XVI al patriarca Sfeir per le vittime dell’attentato di ieri. Il card. Bertone invita a pregare per "questa terra così martoriata".

Città del Vaticano (AsiaNews) – Benedetto XVI “scongiura” i libanesi a rifiutare la violenza ed a ricercare l’unità nazionale ed il bene comune. In un telegramma di condoglianze per le vittime dell’attentato di ieri, indirizzato al patriarca maronita, Nasrallah Sfeir, il Papa torna dunque ad esprimere la sua preoccupazione e la sua vicinanza per il Paese dei cedri.

Nel messaggio, a firma del cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, reso noto oggi, Benedetto XVI si dice “profondamente addolorato dal grave attentato” ed esprime “la sua vicinanza spirituale e la sua preghiera” alle famiglie delle vittime. “Raccomandando alla misericordia divina coloro che sono tragicamente periti – si legge ancora nel telegramma – il Santo Padre invoca la tradizione materna della Vergine Maria sull’intera nazione libanese. Egli scongiura i popolo libanese ed i suoi dirigenti a respingere unanimemente la violenza ed a saper ritrovare in questo momento drammatico le ragioni di un sussulto in favore dell’unità nazionale e del bene comune”.

Dal canto suo, già ieri il cardinale Tarcisio Bertone aveva invitato a “pregare per il Libano dove oggi c'e' stato un grave attentato in funzione anticristiana”. “Preghiamo – aveva aggiunto - per questa terra così martoriata, per la quale il Papa ha pronunciato già diversi appelli”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: il Libano ferito rifiuti la violenza e cerchi giustizia e riconciliazione
22/11/2006
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Papa: smarrite e senza identità nazioni che rifiutano Dio
05/10/2008
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Papa: se abbandona Dio, l’uomo diviene schiavo di totalitarismi e delle idolatrie del nostro tempo
15/06/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”