08/06/2004, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Patriarca di Baghdad: grande gioia per la liberazione degli ostaggi italiani

Baghdad (AsiaNews) – "Ringraziamo con tutto il cuore il Signore per la liberazione degli ostaggi italiani alla vigilia delle festività del Santissimo Sacramento e del Sacro Cuore". Lo ha detto ad AsiaNews Sua Beatitudine Emmanuel Delly, patriarca di Baghdad, che ha affermato di aver appreso la notizia con grande gioia. Il Ministero degli Esteri italiano ha confermato nel pomeriggio la notizia della liberazione dei 3 ostaggi italiani, rapiti il 12 aprile insieme a Fabrizio Quattrocchi, ucciso il 14 aprile.

"Siamo molto contenti per l'esito positivo di questa vicenda. Confidiamo sempre nel Signore e preghiamo che sia fatta sempre la Sua volontà". Mons. Delly non dimentica però la sofferenza per la morte di Fabrizio Quattrocchi: "Preghiamo affinchè il Signore benedica il riposo dell'italiano tragicamente ucciso".

Alla domanda se la Chiesa irachena ha avuto un ruolo nella liberazione, il patriarca ha semplicemente risposto " Non voglio commentare questo aspetto". Nei giorni del rapimento mons. Shlemon Warduni, vescovo di Baghdad ha tessuto una serie di legami con le comunità sciite e sunnite tese al rilascio dei rapiti.

Il patriarca Delly ha infine invitato alla collaborazione e alla preghiera perché  un giorno l'Iraq possa vedere un futuro migliore: "Dobbiamo tutti fare il possibile per riportare pace e sicurezza in Iraq. Pregate per tutti noi". (MR)

TAGs
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo di Erbil, "positivo" il piano iracheno di riconciliazione, ma servono "scelte coraggiose"
26/06/2006
La giunta birmana rilascia 6mila prigionieri, ma non mette fine alla repressione
17/11/2022 11:18
Dopo le moschee si temono attacchi alle chiese in Nepal
01/09/2004
Tokyo conferma la morte dell'ostaggio e prende tempo sullo scambio di prigionieri
26/01/2015
Cristiano ucciso a Mosul: i vescovi protestano con il governo
02/12/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”