21/02/2005, 00.00
libano - siria
Invia ad un amico

Patriarca maronita: chiedere il ritiro siriano con "calma e dialogo"

Manifestanti cristiani attorno al card. Sfeir: "Oggi è iniziata la rivolta per l'indipendenza".

Beirut (AsiaNews) - Il Patriarca maronita Nasrallah Sfeir ha rinnovato oggi il suo appello a tutti i libanesi per il ritorno alla "calma" dopo l'attentato che ha ucciso una settimana l'ex premier Hariri. Il patriarca ha rilanciato l'invito al dialogo "sincero" con tutte le componenti della società libanese ribadendo il "pieno appoggio" alle disposizioni delle Nazioni Unite.

Sfeir ha parlato davanti a centinaia di persone radunatesi davanti alla sede patriarcale di Bkerke. I manifestati hanno scandito slogan anti-siriani quali "Fuori la Siria" e "Vogliamo un Libano sovrano, libero e indipendente".

I dimostranti recavano grandi quadri dell'ex premier Hariri, ucciso lunedì scorso in un attentato che ha causato 16 morti. I manifestanti gridavano "Non vogliamo l'occupazione siriana" e "Oggi è nata la rivolta per l'indipendenza".

Parlando alla folla, Sfeir ha ribadito l'esigenza di applicare  la risoluzione Onu 1559 [che chiede il ritiro delle truppe siriane, ndr] usando "la ragione" perché i problemi della patria "non possono esseri risolti con reazioni e contro-reazioni". Sfeir ha infine elevato la sua preghiera a Dio perché "il bene vinca sul male".

Sempre oggi decine di migliaia di manifestanti sono scesi per le strade di Beirut in ricordo della morte di Hariri: "Vogliamo sapere la verità" hanno scandito davanti alla sede Onu della capitale. Il deputato Pierre Gemayel ha affermato che "oggi è nato il nuovo Libano". "Vogliamo sottolineare davanti alla comunità internazionale che il Libano non muore" ha ribadito Gemayel. "Siamo pronti al rilancio di un dialogo diretto tra l'opposizione e la Siria".

I dimostranti si sono recati alla moschea di Mouhamad El Amin dove è stato sepolto Hariri. La manifestazione, convocata dai leader dell'opposizione, ha voluto dimostrare la simpatia e la partecipazione al lutto della famiglia dell'ex primo ministro assassinato. La gente in piazza ha protestato contro il premier Omar Karame e ha anche espresso la propria opposizione alla presenza siriana in Libano. I dimostranti hanno inoltre invocato l'applicazione della risoluzione Onu che chiede il ritiro dei 14 mila soldati siriani ancora presenti in Libano ed il disarmo degli Hozballah.

Alla ripresa dei lavori parlamentari, molti deputati dell'opposizione si sono presentati in parlamento con una striscia rossa al braccio, il segno distintivo dei membri dell'incontro all'hotel Bristol della capitale, presieduto dai leader dell'opposizione Kornet Chehwan e Walid Jumblatt, seguaci del defunto leader Hariri e del generale Aoun, in esilio a Parigi. Il presidente dell'aula, Nabih Berri, ha presieduto la sessione con un solo punto all'ordine del giorno: chiarire la situazione politica attuale dopo la morte di Hariri .

Il ministro dell'Interno Sleiman Franjiyeh ha confermato al corrisponde di AsiaNews a Beirut "il diritto e totale rispetto della libertà di tutti" cittadini a manifestare "senza causare disordini". Franjiyeh ha rinnovato la "totale disponibilità" del governo acollaborare con i giudici nominati dall'Onu per l'indagine sull'uccisione di Hariri, come già affermato dal presidente del parlamento Berri. (YH)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Joumblatt con gli Hezbollah: un “colpo di Stato bianco”
22/01/2011
Libano, via libera al governo di Najib Mikati
27/04/2005
Primo ministro: "no a osservatori per le elezioni in Libano"
24/11/2004
Vescovi libanesi: "un regime liberticida" dietro l'assassinio di Hariri
16/02/2005
Dopo la morte di Hariri, ministro Usa invita il patriarca Sfeir negli Stati Uniti
17/02/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”