06/11/2021, 08.56
IRAQ - TURCHIA
Invia ad un amico

Pkk: Ankara ha usato armi chimiche in ‘almeno 300 attacchi’ nel Kurdistan

La denuncia dei combattenti curdi, considerati terroristi dai turchi (e da parte dell’Occidente). I vertici del movimento chiedono, invano, una inchiesta internazionale. Fonte di AsiaNews: “Parte di verità”, i luoghi montagnosi nel versante iracheno in cui si rifugiano “non possono essere attaccati con armi convenzionali”.  

Erbil (AsiaNews) - Nei suoi ripetuti attacchi contro i ribelli curdi rifugiati oltre-confine in territorio iracheno, la Turchia avrebbe utilizzato “in almeno 300 occasioni” (anche) armi chimiche nel colpevole silenzio della comunità internazionale, che non ha mai approfondito appelli e denunce. È quanto affermano i miliziani del Partito curdo dei lavoratori (Pkk), obiettivo dei raid aerei di Ankara, che chiedono agli organismi internazionali di aprire un’inchiesta; i vertici dell’organizzazione invitano delegazioni indipendenti e istituzioni a visitare la regione del Kurdistan iracheno e ispezionare i tunnel scavati fra le montagne in cerca di prove. 

Certo la denuncia, rilanciata da Opendemocracy, non si può definire “indipendente” ma altre voci confermerebbero un uso ambiguo delle armi da parte dell’esercito turco. “Vi è una parte di verità” sottolinea ad AsiaNews una fonte autorevole nella regione curda, che chiede l’anonimato per motivi di sicurezza. “Per mesi - prosegue - si sono verificati pesanti scontri fra l’esercito di Ankara e il Pkk nelle aree attorno a Erbil e nei pressi del confine con l’Iran, a Sulaymaniyya. I combattenti curdi usano le grotte nelle montagne, dalle parti di Qandil ci sarebbe una sorta di città, che non possono essere attaccate con armi convenzionali. Per questo avrebbero utilizzato i gas per stanare i miliziani e ne sarebbero morti tanti, compresi i loro familiari”. 

Nella denuncia i combattenti curdi chiedono alla comunità internazionale di visitare i tunnel e di verificare tracce di armi chimiche che ancora persistono sui sedimenti della roccia o di esaminare i cadaveri dei guerriglieri deceduti nelle offensive. A conferma delle affermazioni, il Pkk avrebbe pubblicato video e immagini scarti degli attacchi, parti dei corpi degli uccisi e testimonianze dei sopravvissuti, oltre a racconti della popolazione locale, anch’essa vittima delle violenze. 

L’11 ottobre scorso la Mezopotamya News Agency, filo-curda, ha rilanciato la notizia di almeno 548 ricorse a cure mediche dopo un attacco nei pressi del loro villaggio da parte dell’aviazione turca. Le persone hanno riportato “eccessiva lacrimazione, visione alterata, mal di testa improvvisi, sangue dal naso e difficoltà respiratorie”. I vertici del Partito democratico del Kurdistan (Kdp), che controllano la regione, avrebbero collaborato con funzionari turchi per far tacere le voci. Il 4 settembre un giornale vicino al Kdp ha riferito di una famiglia vittima di un “sospetto attacco chimico” con il governo locale impegnato a soffocare l’inchiesta. In passato armi chimiche sarebbero state utilizzate in territorio siriano, negli anni più bui del conflitto. 

Per i curdi è “scioccante” che queste denunce non siano sfociate nell’apertura di una inchiesta, o quantomeno una verifica a livello internazionale, soprattutto alla luce dei precedenti all’epoca dei raìs Saddam Hussein che ha utilizzato a più riprese armi chimiche. In diverse occasioni, come è avvenuto il mese scorso in seguito alla richiesta formale di un parlamentare svedese, i vertici dell’Unione europea hanno respinto la richiesta di indagini sottolineando che il Pkk è una “organizzazione coinvolta in attacchi terroristi” e oggetto di misure “punitive” di Bruxelles. Ecco perché oggi è necessaria una “indagine indipendente”, sebbene sia difficile ottenere prove perché “Ankara blocca le indagini e sfrutta le poche pressioni delle organizzazioni internazionali. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. Samir: il doppio virus del Covid e delle bombe turche svuota il Kurdistan
15/11/2021 12:43
Kurdistan, villaggi cristiani vittime dei raid turchi contro il Pkk (VIDEO)
15/09/2020 10:29
Vescovo curdo: cristiani in fuga dai bombardamenti turchi, la ‘paura è grande’
22/06/2020 11:37
Kurdistan, raid turchi contro il Pkk: colpito villaggio cristiano, morto un pastore curdo
19/06/2020 14:38
Ankara parla di “limite raggiunto” dai curdi, ma si muove con cautela
22/10/2007