15/12/2011, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Scagionata sr. Eliza, la suora di Madre Teresa accusata di “vendere bambini”

di Melani Manel Perera
Nell’ostello per ragazze madri gestito dalle Missionarie della Carità nessuna attività illegale. La National Child Protection Authority (Ncpa), principale responsabile dell’arresto della religiosa, dovrà restituire registri e documenti dell’orfanotrofio.
Colombo (AsiaNews) – Questa mattina il magistrato Yvonne Fernando ha scagionato suor Mary Eliza, delle Missionarie della Carità, dall’accusa di adozioni illegali. La religiosa era stata arrestata per la denuncia di “vendere bambini” nell’ostello (Prem Nivasa) per ragazze madri di Rawathawatte (Moratuwa, Colombo), gestito dalle suore di Madre Teresa. Il magistrato ha anche “consigliato” alla National Child Protection Authority (Ncpa) – all’origine delle accuse contro le suore – di gestire con maggior attenzione ogni sua futura indagine. Inoltre, la Ncpa dovrà restituire all’orfanotrofio delle Missionarie tutta la documentazione presa dall’ostello con l’arresto di suor Eliza. Il procuratore Nevil Abeyratne ha dichiarato che la Ncpa ha agito “in modo irresponsabile” e ha offuscato l’immagine limpida delle suore di Madre Teresa, che da anni servono la società srilankese.

Su denuncia di una telefonata anonima, il 23 novembre scorso un gruppo di persone guidato da Anoma Dissanayake, presidente della Ncpa, ha circondato e fatto irruzione nell’ostello delle Missionarie, dove ha interrogato le ragazze presenti e trafugato documenti e registri della casa. Il 25 novembre è scattato l’arresto per suor Eliza, rilasciata poi su cauzione il 29 novembre.

Secondo sr. Bernadette Fernando, segretario esecutivo della Conferenza delle superiore maggiori in Sri Lanka, le indagini condotte dagli inquirenti hanno provato che il Prem Nivasa non aveva alcuna attività illegale e che i bambini dell’ostello sono sempre stati adottati secondo le leggi dello Stato. In particolare, le accuse ruotavano intorno ai casi di tre ragazze minorenni: una era stata portata dalla polizia, dopo essere stata stuprata da un cugino; la seconda era stata mandata dal Probation Office (un organismo nazionale che risponde al ministero degli Affari sociali); la terza è una vittima dello tsunami, senza più nessun familiare al mondo.

Il card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, aveva annunciato una serrata dagli impegni istituzionali finché le accuse non fossero state ritirate.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Una giornata di preghiera per la suora di Madre Teresa che “vendeva bambini”
10/12/2011
Card. Ranjith: Ritirare “al più presto” le accuse contro le suore di Madre Teresa
05/12/2011
Rilasciata, ma in attesa di processo, la suora di Madre Teresa che “vendeva bambini”
29/11/2011
Colombo, arrestata una suora di Madre Teresa perché “vende bambini”
28/11/2011
La missione di suor Eliza, la suora di Madre Teresa accusata di “vendere bambini”
16/12/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”