04/12/2007, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Sentenza mite per i terroristi che decapitarono tre cristiane

di Benteng Reges
Ieri il tribunale di South Jakarta ha comminato fino ai 19 anni di reclusione per tre terroristi implicati nell’uccisone delle tre studentesse di Poso nel 2005. Insoddisfatta l’opinione pubblica che parla di pena “troppo leggera”.
Jakarta (AsiaNews) – Pene fino a 19 anni di reclusione per tre terroristi islamici implicati nella decapitazione di tre giovani cristiane in Indonesia. Il pluriomicido risale al 2005 ed è avvenuto a Poso, nella provincia “calda” di Sulawesi Centrali. Ieri il tribunale di South Jakarta ha condannato a 19 anni di carcere a Wiwin Kalahe alias Rahman; i suoi complici Yudi Heriyanto alias Udit e Agus Nur Muhammad alias Agus Jenggot, hanno ricevuto10 e 14 anni di detenzione.

Delusa l’opinione pubblica, secondo la quale la sentenza è “troppo leggera” se paragonata alla gravità del crimine commesso. I giudici hanno ammesso che le azioni terroristiche del trio hanno provocato ansietà e paura in tutta Poso. Secondo Rohadi, un abitante di Jakarta, la corte però non ha tenuto conto di questa considerazione quando ha emesso il verdetto: “I tre meritavano la pena capitale per le atrocità perpetrate”. Il 29 ottobre 2005, tre ragazze camminavano verso casa quando sono state aggredite e decapitate con un machete nella zona di Gebang Rejo a Poso. Due delle loro teste sono state rinvenute vicino ad una stazione di polizia e la terza è stata lasciata davanti a una chiesa. Il caso ha scosso l'opinione pubblica in Indonesia e all'estero. Il presidente Susilo Bambang Yudhoyono ha condannato il triplice omicidio, che Benedetto XVI, da parte sua, ha definito "barbaro assassinio".

Nel settembre 2006 la giustizia indonesiana ha scelto la condanna capitale per tre cattolici - Fabianus Tibo, Marinus Riwu e Domingo da Silva – ritenuti responsabili di violenze contro la comunità musulmana durante il conflitto di Poso. La condanna è stata eseguita nonostante il coro di proteste internazionali, che denunciavano irregolarità nello svolgimento del processo.

Sempre ieri lo stesso tribunale ha comminato pene tra i 14 ed i 18 anni di detenzione per altri quattro terroristi implicati nella fabbricazione di bombe e in una serie di attentati contro la comunità cristiana, tra cui l’esplosione al mercato cristiano di Tentena del 28 maggio 2005. In quell’occasione morirono 22 persone, mentre altre 43 rimasero gravemente ferite.  “Durante il processo – fa sapere uno dei legali della difesa – gli imputati hanno riconosciuto il loro sbaglio e spiegato di aver agito per vendicare i musulmani morti in seguito al lungo conflitto interreligioso nella zona”.

A Poso, tra il 1999 ed il 2001, scontri violenti tra cristiani e musulmani - le cui cause sono ancora da chiarire - hanno fatto oltre mille vittime e migliaia di profughi.

 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Sale la tensione a Poso, la polizia spara su civili armati
22/01/2007
Cristiane decapitate a Poso: i genitori perdonano gli assassini
21/11/2006
Poso, terroristi legati all’Isis uccidono quattro cristiani Toraja
12/05/2021 14:47
Widodo e i vescovi indonesiani condannano l’uccisione di quattro cristiani a Sulawesi centrale (VIDEO)
01/12/2020 12:27


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”