24/10/2017, 08.42
SINGAPORE
Invia ad un amico

Singapore, stop al traffico di nuove auto dal febbraio 2018

Non vi è più spazio per un'ulteriore espansione della rete stradale, già al 12% del territorio. La popolazione è cresciuta quasi del 40% dal 2000, arrivando a circa 5,6 milioni di persone. Nel 2016, sulle strade più di 600mila automobili private e a noleggio. I permessi per possedere una vettura sono limitati e venduti all'asta dal governo. 

Singapore (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità della piccola città Stato del sud-est asiatico non consentiranno più l’immatricolazione di autovetture a partire da febbraio 2018, citando la scarsa disponibilità di terra e miliardi di dollari stanziati per il trasporto pubblico. L’Autorità singaporiana per i Trasporti  (Lta) ha comunicato l'azzeramento del tasso di crescita dei veicoli consentiti. Finora era stato dello 0,25% annuo per le automobili e le moto. Il dato verrà riesaminato nel 2020.

Singapore applica rigidi controlli alla sua popolazione di veicoli, impostando un tasso di crescita annuale e attraverso un sistema di offerte per il diritto di possedere e utilizzare un veicolo per un numero limitato di anni. È una delle nazioni più popolate del pianeta e ha già un esteso sistema di trasporto pubblico. Secondo la Lta, attualmente il 12% della superficie totale di Singapore è occupato da strade. “Tenuto conto dei vincoli imposti dal territorio e delle esigenze, non vi è spazio per un'ulteriore espansione della rete stradale”, fanno sapere le autorità.

La popolazione di Singapore è cresciuta quasi del 40% dal 2000, arrivando a circa 5,6 milioni di persone. L’anno scorso, sulle sue strade il governo ha registrato più di 600mila automobili private e a noleggio. Un'auto di media gamma a Singapore può costare di norma quattro volte il prezzo che avrebbe negli Stati Uniti. Singapore richiede che i proprietari di automobili acquistino permessi, detti Certificati di titolarità, che permettano il possesso dei veicoli per 10 anni. Questi permessi sono limitati e venduti all'asta dal governo. La scorsa settimana, la concessione per i veicoli più piccoli ha avuto un costo di 41.617 dollari singaporiani (26mila euro).

La Lta ha affermato che l'obiettivo di crescita zero interesserà solo automobili e motociclette. Il tasso di crescita di veicoli merci ed autobus rimarrà allo 0,25% annuo fino al marzo del 2021. Ciò consentirà alle imprese il tempo necessario per migliorare l'efficienza delle operazioni e ridurre il numero di veicoli commerciali. Singapore ha ampliato la sua rete ferroviaria del 30% e ha aggiunto nuovi percorsi alla rete di autobus. La Lta ha dichiarato che nei prossimi cinque anni il governo continuerà a investire 20 miliardi di dollari (12,5 miliardi di euro) in nuove infrastrutture ferroviarie, 4 miliardi (2,5 miliardi di euro) per rinnovare le flotte operative, e altri 4 miliardi di dollari in sovvenzioni contrattuali per gli autobus.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’ipocrisia di Pechino: Singapore rispetti i diritti dei lavoratori
03/12/2012
Dopo sei mesi Jakarta cancella i treni pendolari per sole donne
14/05/2013
Dubai: al via i pullman “per sole donne”
07/04/2009
I conducenti di motorisciò, “non possiamo essere onesti”
09/03/2007
Gujarat: India e Giappone lanciano il primo progetto di ‘treno proiettile’
14/09/2017 08:53


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”