07/12/2021, 11.40
VATICANO-TAIWAN
Invia ad un amico

Taiwan ospite d’onore alla mostra ‘100 presepi in Vaticano’

Inaugurata la quarta edizione dell'evento. Ambasciatore Matthew Lee: il papa ci insegna che l’incontro tra culture è il modo migliore per promuovere la pace. Esibizione della compagnia di danza taiwanese Yang Yu Lin. Mons. Fisichella: arte, cultura e musica per costruire ponti.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Taiwan è stato l’ospite d’onore all’inaugurazione della quarta mostra “100 presepi in Vaticano”. L’ambasciatore di Taipei presso la Santa Sede, Matthew S.M. Lee, si è detto molto onorato dell’invito: “Papa Francesco ci ha detto che l’incontro tra culture è il modo migliore per promuovere la pace e la fratellanza, ecco perché siamo qui, in linea con gli insegnamenti del Santo Padre, e spero che tutto questo ci porti più pace, fratellanza e gioia”.

L’evento si è tenuto il 5 dicembre sotto il Colonnato del Bernini, a Piazza San Pietro. A presiederlo con l’ambasciatore Lee vi era mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione.

I presenti hanno potuto apprezzare l’esibizione della compagnia di danza taiwanese Yang Yu Lin, ringraziata da mons. Fisichella: “La cultura, l’arte e la musica non conoscono confini, parlano un messaggio universale che tutti possono comprendere per costruire ponti”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Un piccolo aiuto per i senzatetto, dopo l’appello del papa
28/01/2021 11:19
‘La Luce del mondo’: una mostra di pittori contemporanei da Taiwan
04/07/2019 09:03
Papa: Da Giovanni Battista a Gesù. Il dramma dei senzatetto
24/01/2021 12:32
Papa: Spegnere la tivù e il cellulare e aprire il Vangelo
24/01/2021 10:42
Papa: grazie a questo Bambino, siamo tutti fratelli. Appello per il vaccino per tutti
25/12/2020 13:08


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”