15/05/2015, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Thailandia, torna la violenza dei separatisti Malay: attacchi bomba provocano 18 feriti

Fonti militari parlano di 14 esplosioni nella notte, seguite da altre tre nelle prime ore della mattinata. Gli attentati sarebbero una “rappresaglia” dei guerriglieri, per le politiche introdotte di recente dalla giunta thai, fra cui il rilevamento del Dna tramite tampone. La guerra nel sud ha causato sinora 6.500 vittime, la maggior parte delle quali civili.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno 18 feriti il bilancio, ancora provvisorio, di una serie di attacchi bomba lanciati nelle ultime ore nella provincia di Yala, nel sud della Thailandia. Secondo quanto riferiscono fonti militari, dietro le violenze vi sarebbe la mano della guerriglia separatista musulmana, attiva da tempo nella regione e protagonista di una guerra sanguinaria con il governo di Bangkok. 

Il colonnello Pramote Prom-in, portavoce regionale per la sicurezza, riferisce che “quattordici bombe sono esplose la scorsa notte, seguite da altre tre nelle prime ore della mattinata di oggi". Gli ordigni hanno colpito Muang Yala, capoluogo della provincia, ferendo 18 persone. Cinque di esse sono tuttora ricoverate negli ospedali della città. 

Fonti dell’esercito thai spiegano che l’attacco è un messaggio lanciato dagli insorti alle autorità centrali, con l’intenzione di “provocare”. Si tratterebbe infatti di una “rappresaglia” per le recenti misure di sicurezza adottate dalla giunta militare, al potere da circa un anno in seguito a un golpe bianco che ha determinato la cacciata dell’ex premier Yingluck Shinawatra.  

Il governo centrale ha introdotto di recente nuove strategie per contrastare la guerriglia separatista, fra cui il rilevamento del Dna tramite tampone per individuare e colpire i combattenti. Provvedimenti che, secondo l’esecutivo, hanno portato a una diminuzione del 50% negli attacchi da parte dei musulmani ribelli Malay. Tuttavia, avvocati e attivisti pro diritti umani affermano che il rilevamento forzato tramite tampone del Dna è fonte di ulteriore tensione e alienazione. 

La maggioranza musulmana nella regione meridionale della Thailandia, nazione a grande maggioranza buddista, non si è mai sottomessa al dominio di Bangkok: essa parla un dialetto malaysiano e segue costumi e tradizioni che si rifanno alla cultura musulmana.

La guerra nel sud, concentrata nelle province di Yala, Pattani e Narathiwat, ha causato sinora almeno 6.500 vittime, la maggior parte delle quali civili. 

Dei 300mila buddisti thai che vivevano nella regione, almeno 70mila sono fuggiti dal gennaio 2004, quando un raid dei ribelli ha preso di mira un deposito di munizioni dell’esercito uccidendo quattro soldati. Il commando ha inoltre sottratto più di 300 armi, con le quali ha ingaggiato negli anni successivi una dura lotta contro i militari.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Thailandia, ancora bombe della guerriglia separatista musulmana
23/03/2009
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Primo accordo di pace fra Bangkok e i separatisti musulmani
28/02/2013
Una marcia di 1.100 chilometri per la pace nel sud fra buddisti e musulmani
07/09/2010
Il Governo ombra del Myanmar lancia un appello per la libertà religiosa
04/07/2022 12:21


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”