04/05/2006, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Thailandia: contro i problemi sociali le soluzioni sono istruzione ed educazione

di Weena Kowitwanij

Lo afferma il missionario salesiano p. Rosen, che da 17 anni opera al sud della Thailandia. Il missionario cerca di completare la costruzione di una scuola professionale.

Pattani (AsiaNews) – P. Gustav  Rosen, missionario belga salesiano di 80 anni, continua a portare avanti la sua missione pastorale nelle tre province del sud di Pattani, Yala e Narathiwas. Sono quasi 17 anni che p. Rosen opera in queste tre province a maggioranza musulmana e con gravi problemi sociali e di sicurezza, tra cui scontri fra la polizia, l'esercito e combattenti musulmani.

"Lasciateci continuare a costruire la scuola professionale nel distretto di Nongjik, provincia di Pattani, a solo 7 km dalla scuola cattolica Charoensir Suksa", chiede il missionario. "Rappresenterebbe un importante passo in avanti per il futuro della gioventù, in modo particolare di religione musulmana. L'edificio è già pronto al 70%. Questo istituto può educare e dare professionalità ai ragazzi che potranno guadagnarsi da vivere in modo legale. Ogni anno la scuola ammetterà in modo gratuito 100 studenti poveri e non privilegiati. Ci saranno 4 corsi, ognuno con 25 studenti. I corsi sono per elettricisti, per tecnici meccanici, per macchinisti e per saldatori".

P. Rosen spiega inoltre come lavorare con i ragazzi: "E' necessario capirli e prendersi cura di loro. Per esperienza posso dire che alcuni di questi ragazzi possono raggiungere importanti risultati. Se vivranno nell'ozio invece sarà difficile prendersi cura di loro".

La situazione è però difficile: Phimonphan Leelapatrapan, 39 anni, insegnante all'Università Rajapatra nella provincia di Yala, dice che "la nostra provincia era tranquilla, ora il clima è teso. Bisogna fare attenzione, anche se si vuole andare a fare la spesa, nei ristoranti o nei pressi delle comunità musulmane". Predee Pleanbamrung, 62 anni, funzionario del governo, in pensione, spiega che "le prime vittime della mancanza di sicurezza sono i monaci e gli anziani, ma anche studenti ed insegnanti".

Yala, Pattani e Narathiwas sono tre fra le 15 province della diocesi di Surat Thani del vescovo Joseph Prathan Sridarunsil. La diocesi è stata istituita il 26 giugno 1969. I cattolici sono solo 6682 su una popolazione totale di quasi 9 milioni di abitanti. Si contano 43 sacerdoti in 39 parrocchie, oltre a 6 religiosi e a 99 religiose. A Pattani e Yala ci sono 2 scuole cattoliche, ognuna con 900 allievi. P. Rosen vive a Yala, e per arrivare a Pattani ogni giorno percorre 50 km. Due volte al mese si reca a Narathiwas, che dista altri 100 km.

La prima scuola professionale gestita dai salesiani di don Bosco ha più di 50 anni. In questo momento i salesiani gestiscono tre istituti, uno a Bangkok, uno nella provincia di Ratchaburi e uno in quella di Suratthani. Il problema dell'istruzione preoccupa anche il governo, che negli ultimo anni ha tentato di sostituire scuole islamiche non ufficiali con istituti legali.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Educatori cattolici: Famiglia e scuola, uniche speranze della società thai
17/09/2016 09:09
Thailandia, la spesa educativa più alta al mondo, ma senza risultati. Qualche soluzione
03/03/2016 13:26
Sylhet: inaugurato il primo collegio cattolico (VIDEO)
26/07/2021 12:07
Basta coi libri, Seoul dà il via alla “scuola digitale”
08/03/2007
Corea, gruppi cristiani chiedono la libera gestione delle loro scuole
16/06/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”