28/10/2010, 00.00
CINA – TURCHIA
Invia ad un amico

Un nuovo “Orient Express” per andare da Istanbul a Pechino

La Cina punta molto sull’incremento dei trasporti ferroviari, per aumentare i rapporti commerciali con Turchia e altri Paesi. Intanto ha realizzato oltre 7mila km di linee interne ad alta velocità. Terminano a novembre i lavori per la metropolitana a La Mecca. Li fa una società cinese.

Shanghai (AsiaNews/Agenzie) – Un nuovo “Orient Express” che collegherà no-stop Istanbul con Shanghai. E’ quanto stanno discutendo Turchia e Cina, anche se non per l’immediato futuro. Intanto la Cina sta creando la metropolitana per i pellegrini de La Mecca.

A inizio ottobre Wen Jiabao è stato in visita in Turchia, sancendo la ritrovata armonia e collaborazione economica tra i due Paesi, dopo che nel 2009 Ankara era stata tra le poche voci critiche verso Pechino per la violenta repressione delle proteste degli etnici uighuri dello Xinjiang.

Ma già a luglio il ministro turco dei Trasporti Binali Yildrim, in visita a Pechino, aveva discusso con la controparte cinese Liu Zhijun la realizzazione di una linea ad alta velocità tra i due Stati.

Non ci sono annunci ufficiali. Ma intanto la Cina collaborerà alla creazione o all’ammodernamento di 4.500 chilometri di ferrovie in Turchia, come pure sostiene maggiori collegamenti ferroviari tra Turchia e Pakistan e una linea ferroviaria intorno al Lago Van per andare poi in Iran e in Pakistan.

Esperti ritengono che Pechino stia ottenendo contratti e fornendo sostegno tecnico e finanziario per creare una più moderna rete ferroviaria in questi Paesi e in Kazakistan, per rendere in futuro più rapidi e intensi i commerci anche verso la Cina.

Queste linee potrebbero collegarsi con quelle cinesi, sempre più votate all’alta velocità: il 26 ottobre è stata inaugurata la nuova linea ferroviaria veloce da Shanghai a Hangzhou (Zhejiang), per coprire i 202 km. in 45 minuti con treni capaci di raggiungere i 350 km l’ora (nella foto). La Cina ha così 7.431 km. di linee ferroviarie ad alta velocità e prevede di arrivare a 13mila km entro il 2012: più che in tutto il resto del mondo.

E una società cinese, la China Railway Construction Corp. inaugurerà il 13 novembre una linea metropolitana per i 2 milioni di pellegrini islamici che ogni visitano La Mecca. Anche se la ditta ha dichiarato una perdita stimata di circa 4,15 miliardi di yuan (623 milioni di dollari).  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino, entro l’anno la prima metropolitana senza autista, tutta ‘made in China’
27/03/2017 15:13
Incertezza e perdite in borsa, per la cacciata del ministro delle Ferrovie
14/02/2011
Ora la Cina “ammette” che i treni veloci non sono sicuri
11/08/2011
Disastro di Wenzhou: Pechino “costretta” a garantire “più trasparenza”
04/08/2011
Cina, tre miliardi di persone in viaggio per l’Anno del Maiale
24/01/2019 12:56


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”