14/12/2021, 13.32
INDIA
Invia ad un amico

Varanasi, Modi inaugura il corridoio sacro tra il tempio e il Gange

Sgomberate (e compensate) 400 famiglie per riportare agli antichi fasti il passaggio che congiunge il Kashi Vishwanath con il fiume sacro. Un progetto da 70 milioni di euro, dal grande significato politico e culturale per il Bjp. Il premier rivendica: "Potrà accogliere tra i 50 e i 70 mila devoti e imprimerà una direzione decisiva all'India".

Varanai (AsiaNews/Agenzie) - Il premier indiano Nearendra Modi ha inaugurato ieri a Varanasi il corridoio del tempio di Kashi Vishwanath, un percorso di 320 metri che congiunge il luogo sacro indù al fiume Gange. Si tratta di un progetto fortemente voluto da Modi, che ha il suo collegio elettorale proprio a Varanasi, nello Stato indiano dell’Uttar Pradesh, dove tra febbraio e marzo si terrà una tornata elettorale cruciale per il Bjp, il partito dei nazionalisti indù.

Per fare spazio al corridoio sacro numerosi edifici che si trovavano nell’area del tempio sono stati rasi al suolo e almeno 400 famiglie sgomberate, offrendo loro in cambio delle compensazioni. Per questo intervento il governo indiano ha stanziato 6 miliardi di rupie (circa 70 milioni di euro) di cui la metà spesi per l’acquisto dei terreni e per i sussidi alle persone sfrattate. Tutto questo per riportare agli antichi fasti il Kashi Vishwanath, che è uno dei più famosi templi indù dedicati a Shiva e - nelle intenzioni dei suoi costruttori - doveva costituire un’unica grande area sacra con le rive del Gange. Il progetto prevede anche la realizzazione di un museo, una biblioteca, un centro di accoglienza per pellegrini e una casa per anziani.

Il corridoio ha evidentemente anche un significato politico e culturale per il Bjp, che ha fatto dell’identità indù del Paese la propria bandiera. Durante la cerimonia Modi ha rivendicato di aver trasformato un tempio di 3mila piedi quadi in un’area di 500mila piedi quadri (oltre 150mila metri quadri), che potrà accogliere contemporaneamente tra i 50 e i 70mila devoti. “Questa dedicazione - ha aggiunto – imprimerà una direzione decisiva all’India a ci porterà un futuro luminoso, testimoniando la nostra capacità e la nostra dedizione. Con determinazione e una visione condivisa nulla è impossibile”.

TAGs
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Varanasi, esonda il Gange: la cremazione dei defunti sui tetti delle case
24/08/2016 08:47
Ram Puniyani: I fondamentalisti indù sono drogati da false ideologie
06/03/2019 13:43
Il nazionalismo indù di Modi potrebbe scatenare un’altra guerra: parola del Global Times
20/07/2017 09:12
Varanasi: mafia e inquinamento "minacce alla salute del Gange"
24/04/2015
Kumbh Mela, a milioni assembrati sul Gange, incuranti del Covid-19
13/04/2021 11:33


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”