23/10/2010, 00.00
IRAQ-IRAN-USA
Invia ad un amico

Wikileaks: l’inerzia degli Usa, i segreti delle torture irakene, l’addestramento dei pasdaran

Quasi 400mila documenti militari segreti sono on-line. Danno un quadro più completo della guerra: morti civili; torture di detenuti; influenza dell’Iran e delle Guardie della rivoluzione nel caos irakeno. Critiche dal Pentagono e da Hillary Clinton.
Washington (AsiaNews/Agenzie) – Da ieri sera sul sito di Wikileaks sono disponibili circa 400mila documenti segreti dell’esercito degli Stati Uniti riguardo alla guerra in Irak, nel periodo 1° gennaio 2004- 31 dicembre 2009. Quello che è stato definito “la più grande fuga di notizie (documenti militari) della storia), elenca “numerosi casi di crimini di guerra” da parte delle forze americane, come pure una serie di torture ed esecuzioni commessi dalla forza internazionale e dalle forze irakene. I documenti sono pubblicati senza nomi, per non mettere a rischio le persone coinvolte, e con dati tecnici e acronimi che rendono difficile la comprensione al grande pubblico.
 
Secondo il sito di Wikileaks, i rapporti elencano in dettaglio la morte di 109.032 persone. Fra essi, 66.081 sono civili (più del 60%); 23.984 sono “nemici” (o insorti); 15.196 appartengono alle forze irakene; 3771 alle forze di coalizione.
 
Fra i documenti vi sono anche rapporti su torture commesse dalle forze di sicurezza irakena su detenuti  (battiture, scariche elettriche, ecc.) e su cui le forze occupanti non hanno investigato.
Alcuni documenti mostrano pure il coinvolgimento dell’Iran nella guerra irakena: addestramento degli insorti da parte dei pasdaran; distribuzione di armi; collaborazione nel rapimento di soldati americani.
 
Secondo Iraqi Body Count, un’organizzazione da sempre contro la guerra in Iraq, i nuovi documenti mostrano che vi sono almeno 15 mila morti civili in più, rispetto al loro calcolo.
 
Critiche alla fuga di notizie sono venute dal Pentagono e dal segretario di Stato Usa, Hillary Clinton.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Baghdad, la Commissione giustizia potrebbe ribaltare l’esito delle elezioni
01/04/2010
Al Yawar: Gli errori degli USA e il loro valore
13/12/2004
Mons. Sako: il voto sul ritiro delle truppe Usa nasconde il “fragile equilibrio” iracheno
28/11/2008
Ban Ki-moon: Corea del Nord e Medio Orente priorità delle crisi internazionali
04/01/2007
Baghdad, ammainata la bandiera Usa dopo 9 anni di guerra
15/12/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”