27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
Bioetica religioni missioni


di Buono Giuseppe, Pelosi Patrizia
pp. 432

PREMIO INPRAT 2006
(Istituto Nazionale per lo Studio, Valutazione, Prevenzione del Rischio nelle Attività Tecnologiche)


“La prima cosa che mi preme dire riguarda il rigore del metodo: apprezzabile sia per ricchezza di documentazioni acquisite che per capacità di far scaturire dai numeri e dai dati riflessioni coerenti. D’altronde gli Autori formano un binomio singolare che non poteva fallire nello scopo: un sacerdote missionario e un fisico nucleare! Garanzia che a qualche fuga in avanti del cuore missionario si contrapponesse l’inflessibilità di chi si è allenato a considerare prima di ogni altro valore della verità quello della oggettività...”. (Prof. dr. Enrico Di Salvo, Ordinario di Chirurgia Generale alla Facoltà di Medicina dell’Università Federico II di Napoli, Presidente del Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica).

“Chi si ferma al titolo può rimanere perplesso. Come si può argomentare di bioetica – con la complessità che ognuno dei suoi temi oggi ha assunto – e insieme trattare dell’immenso panorama delle religioni mondiali per approdare in ultimo nel campo non meno problematico delle missioni? Si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad ambiti notevolmente vasti e per giunta molto diversi tra loro. Anzi, il mondo delle religioni potrebbe apparire contrapposto a quello del missionario, il cui intento è annunciare l’Evangelo e testimoniare la fede cristiana là dove non è ancora arrivata, là dove prevalgono altre credenze. In realtà, gli Autori seguono un percorso interessante e per molti aspetti originale. Essi partono dalla bioetica. A loro sta a cuore anzitutto entrare nel vivo di questa disciplina, ancora piuttosto giovane, chiamata ad affrontare questioni di grande rilievo umano e sociale, divenute oggi d’attualità a seguito dello sviluppo scientifico e del progresso tecnologico degli ultimi decenni. Essi sono consapevoli che l’uomo oggi è posto di fronte ad una grossa gamma di possibilità che prima non aveva…”. (Prof. don Adolfo Russo, Preside della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale)

“Mi sembra che il tentativo pienamente riuscito di Padre Buono e della dottoressa Pelosi di analizzare i nessi tra mondi apparentemente così distanti, sia uno stimolo a uscire da una mentalità eccessivamente frammentata e verificare ipotesi di lavoro che possono promuovere il dialogo e il confronto interdisciplinare.

Il manuale Bioetica – Religioni - Missioni è anche uno strumento valido e necessario per il missionario, impegnato a comunicare il Vangelo in contesti molto diversi da quello occidentale, ma dove sempre più la società ha accesso ad una tecnologia che, se non subordinata e guidata dalla riflessione etica, corre il continuo pericolo di mettere a rischio la vita stessa, minando così il fondamento di ogni possibile convivenza umana”. (P. Francesco Rapacioli, superiore regionale del PIME in Bangladesh e medico). EMI Editrice Missionaria Italiana 2007, pp. 432, 20 euro

Dossier

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate