30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/10/2009
FILIPPINE
È vivo il sacerdote irlandese rapito a Mindanao
di Santosh Digal
Polizia ed esercito hanno avvistato ieri p. Michael Sinnott, sequestrato a Pagadian lo scorso 10 ottobre. La Chiesa invita alla prudenza nell‘attribuire a gruppi musulmani responsabilità dirette nel rapimento.

Manila (AsiaNews) – P. Michael Sinnott, rapito lo scorso 10 ottobre a Pagadian (Mindanao), è stato avvistato lunedì nella provincia di Lanao del Sud, a 70 km dal luogo del sequestro. Resta ancora sconosciuta l’identità dei rapitori. Mons. Emmanuel Cabajar, vescovo di Pagadian, invita alla prudenza nell’attribuire a gruppi musulmani la responsabilità del rapimento.  

Esercito filippino e polizia intensificano le indagini. Per loro i principali sospettati continuano a essere i terroristi di Abu Sayyaf e i ribelli del Milf (Moro islamic liberation front), attivi in questi anni nella provincia di Lanao del sud.

Il portavoce del Milf, Eid Kabalu, rifiuta le accuse e afferma  che “non vi è alcuna ragione che implica i nostri uomini nel sequestro. Noi non sappiamo chi c’è dietro tutto ciò, ma vogliamo cooperare con il governo per la liberazione di p. Sinnott”.

Nel 2007, il Milf aveva mediato con i rapitori per la liberazione di padre Giancarlo Bossi del Pime, sequestrato a Zamboanga e liberato dopo 39 giorni di prigionia.       

Intanto padre Shay Cullen, missionario di S. Colombano e attivista per i diritti umani nelle Filippine, invita a pregare per il rilascio di p. Sinnott. “Questo è un appello per tutte le persone preoccupate del rapimento, affinché preghino per il suo rilascio e un pronto ritorno alla missione e alle persone che ha servito per più di quarant’anni”.   

Nato a Barnatown (Wexford) nel 1929, padre Sinnott è da quarant’anni nelle Filippine. Descritto dai confratelli come il “jolly” per la sua ampia conoscenza delle lingue, l’anziano missionario irlandese, non ha nemici nella zona ed è molto amato dalla popolazione. Egli è inoltre attivo in molte opere di carità ed è responsabile dal 1998 della Hangop Kabataan Foundation, che si occupa della cura dei malati e dei bambini disabili.    

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/10/2009 FILIPPINE
Missionario rapito a Mindanao è malato ma forse "può trovare cure e medicine"
14/10/2009 FILIPPINE
Polizia di Mindanao: P. Sinnott nelle mani del Milf. Ma si attendono conferme
di Santosh Digal
19/10/2009 FILIPPINE
Mindanao: ancora nessuno rivendica il rapimento di p. Sinnott
di Santosh Digal
18/11/2009 FILIPPINE
Pagadian: cristiani e musulmani attendono l’arrivo di p. Sinnott
di Santosh Digal
12/10/2009 FILIPPINE
Al via le ricerche del missionario irlandese rapito a Mindanao
di Santosh Digal

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate