23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2009, 00.00

    FILIPPINE

    È vivo il sacerdote irlandese rapito a Mindanao

    Santosh Digal

    Polizia ed esercito hanno avvistato ieri p. Michael Sinnott, sequestrato a Pagadian lo scorso 10 ottobre. La Chiesa invita alla prudenza nell‘attribuire a gruppi musulmani responsabilità dirette nel rapimento.

    Manila (AsiaNews) – P. Michael Sinnott, rapito lo scorso 10 ottobre a Pagadian (Mindanao), è stato avvistato lunedì nella provincia di Lanao del Sud, a 70 km dal luogo del sequestro. Resta ancora sconosciuta l’identità dei rapitori. Mons. Emmanuel Cabajar, vescovo di Pagadian, invita alla prudenza nell’attribuire a gruppi musulmani la responsabilità del rapimento.  

    Esercito filippino e polizia intensificano le indagini. Per loro i principali sospettati continuano a essere i terroristi di Abu Sayyaf e i ribelli del Milf (Moro islamic liberation front), attivi in questi anni nella provincia di Lanao del sud.

    Il portavoce del Milf, Eid Kabalu, rifiuta le accuse e afferma  che “non vi è alcuna ragione che implica i nostri uomini nel sequestro. Noi non sappiamo chi c’è dietro tutto ciò, ma vogliamo cooperare con il governo per la liberazione di p. Sinnott”.

    Nel 2007, il Milf aveva mediato con i rapitori per la liberazione di padre Giancarlo Bossi del Pime, sequestrato a Zamboanga e liberato dopo 39 giorni di prigionia.       

    Intanto padre Shay Cullen, missionario di S. Colombano e attivista per i diritti umani nelle Filippine, invita a pregare per il rilascio di p. Sinnott. “Questo è un appello per tutte le persone preoccupate del rapimento, affinché preghino per il suo rilascio e un pronto ritorno alla missione e alle persone che ha servito per più di quarant’anni”.   

    Nato a Barnatown (Wexford) nel 1929, padre Sinnott è da quarant’anni nelle Filippine. Descritto dai confratelli come il “jolly” per la sua ampia conoscenza delle lingue, l’anziano missionario irlandese, non ha nemici nella zona ed è molto amato dalla popolazione. Egli è inoltre attivo in molte opere di carità ed è responsabile dal 1998 della Hangop Kabataan Foundation, che si occupa della cura dei malati e dei bambini disabili.    

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2009 FILIPPINE
    Missionario rapito a Mindanao è malato ma forse "può trovare cure e medicine"
    P. Lovett, confratello del sacerdote rapito, considera un “elemento estremamente positivo” la zona in cui si troverebbe l’ostaggio. Preoccupano le condizioni di salute e i continui spostamenti per sfuggire a esercito e polizia. Le trattative per la liberazione affidate ai leader religiosi e politici locali. Portavoce del Milf nega il coinvolgimento del gruppo.

    14/10/2009 FILIPPINE
    Polizia di Mindanao: P. Sinnott nelle mani del Milf. Ma si attendono conferme
    Per la polizia il missionario irlandese è stato consegnato a Latip Jamat, leader del Milf a Lanao del Norte. Ma fonti di AsiaNews non confermano. Vescovi filippini: preghiamo per la salute di P. Sinnott e per la sua liberazione. Missionari colombani escludono l’ipotesi di pagare un riscatto.

    19/10/2009 FILIPPINE
    Mindanao: ancora nessuno rivendica il rapimento di p. Sinnott
    A Pagadian si chiede a musulmani, cristiani e animisti di pregare per la liberazione del sacerdote da più di una settimana nelle mani dei rapitori. Notizie confuse sul luogo di detenzione. Sacerdote missionario coinvolto nella liberazione di p. Giancarlo Bossi avverte sul ruolo dei falsi mediatori.

    18/11/2009 FILIPPINE
    Pagadian: cristiani e musulmani attendono l’arrivo di p. Sinnott
    La visita del missionario nel luogo della sua missione e rapimento è prevista per la fine di novembre e durerà quattro giorni. Per ora nessuna notizia sulla sua futura destinazione. P.Sinnott desidera restare tra la gente di Mindanao.

    12/10/2009 FILIPPINE
    Al via le ricerche del missionario irlandese rapito a Mindanao
    Polizia ed esercito lavorano insieme per la liberazione di p. Michael Sinnott rapito nel tardo pomeriggio di sabato nella sua casa di Pagadian mentre recitava l’officio dei vespri. Per ora nessun gruppo terroristico rivendica il rapimento.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®