08/06/2020, 12.19
BANGLADESH
Invia ad un amico

​La pandemia causa la disoccupazione di 70 mila lavoratori dell'abbigliamento

di Sumon Corraya

Gli esperti di questo settore sostengono che entro dicembre 2020, oltre un milione di lavoratori dell’abbigliamento perderà il lavoro. Un cattolico proprietario di imprese:  “Ho dato due mesi di stipendio e ho fermato le mie fabbriche. Ora ho problemi di gestione. Ho un sacco di prestiti bancari. Quindi non so come posso superare questa situazione".

Dhaka (AsiaNews) - Il Bangladesh è il secondo Paese produttore di capi di abbigliamento dopo la Cina. Ma durante la pandemia di coronavirus, migliaia di persone del settore hanno perso il lavoro. Joly Talukder, segretario generale del Trade Union Center per l'abbigliamento, afferma: "Secondo nostre informazioni, circa 70mila persone hanno perso il lavoro durante la pandemia di coronavirus, licenziate dal loro datore di lavoro".

Tuttavia, dopo l'inizio della crisi del coronavirus in tutto il mondo, il governo del Bangladesh ha avviato diverse iniziative. In particolare, lo Stato ha concesso incentivi al settore di produzione dell'abbigliamento. Le organizzazioni di acquirenti hanno anche sperato di poter stare accanto ai lavoratori dell'abbigliamento in modo che non perdessero il lavoro. Ma la realtà è diversa. I lavoratori dell'abbigliamento hanno perso il lavoro.

Gli esperti di questo settore sostengono che entro dicembre 2020, oltre un milione di lavoratori dell’abbigliamento perderà il lavoro.

È evidente che dopo l'inizio della pandemia di coronavirus, i diversi proprietari di fabbriche di abbigliamento hanno cominciato a tagliare il lavoro per i lavoratori. Avevano promesso che fino a maggio non avrebbero tagliato alcun posto di lavoro. Ma non potevano mantenere la parola.

Mohammad Hatam, vicepresidente senior dell'associazione dei produttori e degli esportatori di maglieria del Bangladesh (BKMEA), afferma: “Il settore dell'abbigliamento ha circa quattro milioni di lavoratori. Ma nella maggior parte delle imprese non c'è lavoro a causa del coronavirus. Se questa situazione continuerà, in futuro circa il 25% dei lavoratori perderà il posto. In questo senso, possiamo dire che circa un milione di persone potrebbero perdere il lavoro”.

Lo Stato che dirige il Department of Inspection of Factories & Establishments informa di essere venuto a sapere che 18 mila lavoratori hanno già perso il lavoro, ma i gruppi per i diritti dei lavoratori affermano che questo numero sarà di 70 mila e aumenterà gradualmente se la pandemia continua.

Un cattolico proprietario di imprese di abbigliamento che non vuole dare il suo nome, dice ad AsiaNews di avere due fabbriche, ma dopo l’inizio della pandemia di coronavirus, le sue ordinazioni da un acquirente tedesco sono state annullate. “Ho dato – dice - due mesi di stipendio e ho fermato le mie fabbriche. Ora ho problemi di gestione. Ho un sacco di prestiti bancari. Quindi non so come posso superare questa situazione". E’ uno che aveva successo come commerciante di abbigliamento per giovani tra i negozianti cristiani. La situazione degli altri è quasi la stessa.

I lavoratori in situazione peggiore sono quelli che hanno già perso il lavoro. “Non ho ricevuto lo stipendio da aprile. La nostra fabbrica rimane chiusa a causa della mancanza di ordinazioni dagli acquirenti. Il proprietario dell'impresa ci ha detto che non poteva pagarci lo stipendio. Inoltre, non troviamo un nuovo lavoro. Non sappiamo cosa fare", dice Nazrul Islam, un operaio che lavorava a Savar di Dhaka. Sta tirando avanti con l'aiuto di una ONG a Savar. Ha in programma di tornare a casa nel villaggio di Rajshahi, ma anche lì non hanno alcun impiego. Quindi Nazrul è molto preoccupato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cinque anni fa il crollo del Rana Plaza: il dolore dei sopravvissuti
26/04/2018 11:59
Minuwangoda: lavoratori tessili incolpati per la diffusione del Covid-19
19/10/2020 12:19
Colombo, l’aumento dei contagi da Covid minaccia la ripresa economica
12/10/2020 11:57
Il presidente ceceno sostiene il codice d’abbigliamento del Patriarcato di Mosca
24/01/2011
Calo delle esportazioni verso gli Usa, mossa punitiva contro i maoisti nepalesi
09/08/2006