1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/02/2009
PALESTINA
Accordo tra Hamas e Fatah, alla vigilia della conferenza dei “donatori”
Le fazioni palestinesi rivali hanno convenuto di dar vita a un processo che dovrebbe portare alla formazione di un governo di unità nazionale. Ciò permetterà di ottenere gli aiuti per la ricostruzione di Gaza. Per l’israeliano Haaretz, la guerra ha giovato a Hamas.

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Accordo raggiunto al Cairo tra Hamas e Fatah – ed altre fazioni palestinesi minori – per formare cinque comitati che dovrebbero affrontare questioni relative alla sicurezza e dar vita ad una commissione elettorale. Ciò per permettere la formazione di un governo di unità nazionale (nella foto: i negoziatori). I comitati cominceranno a riunirsi il 10 marzo, con il fine di raggiungere l’obiettivo fissato alla fine del mese. Come primo gesto di riconciliazione, all’inizio del “dialogo” ognuno dei due gruppi libererà prigionieri dell’altro.
 
A novembre, il precedente tentativo della diplomazia egiziana di promuovere un accordo tra i palestinesi era fallito per la decisione di Hamas di non presentarsi al tavolo della trattativa. Gli islamisti accusavano il Fatah di Mahmoud Abbas di continuare ad arrestare suoi adepti in Cisgiordania.
 
A dare una spinta probabilmente decisiva all’accordo tra le fazioni rivali, il prossimo - tra due giorni - inizio di una conferenza che riunirà, sempre al Cairo, i Paesi che intendono contribuire alla ricostruzione di Gaza, gravemente danneggiata dai 22 giorni di conflitto con Israele. Tra i “donatori”, i Paesi occidentali hanno sempre espresso resistenze a dare aiuto a Hamas, movimento che Stati Uniti ed Europa definiscono “terrorista”.
 
Il movimento sembra però aver tratto giovamento dal conflitto con Israele. Lo scrive l’israeliano Haaretz, citando un sondaggio svolto nei Territori. A dare ulteriore prestigio a Hamas, secondo il quotidiano, potrebbe contribuire lo scambio – sul quale si sta trattando - tra il militare israeliano Gilad Shalit e più di mille prigionieri palestinesi.
 
Analizzando i risultati del conflitto a Gaza, Haaretz ritiene inoltre che, mentre sul piano militare l’esercito israeliano (IDF) ha mostrato di aver appreso la lezione della guerra con Hezbollah, sul piano diplomatico l’operazione ha finito col “legittimare Hamas come governo della Striscia di Gaza”. E, alla vigilia del primo viaggio del nuovo segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, in Medio Oriente, il giornale nota che “invece di venire a parlare con Israele della minaccia iraniana, la prima visita sarà centrata sul problema dei palestinesi a Gaza. Questo potrebbe essere il danno maggiore”.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/03/2007 PALESTINA – ISRAELE
Parlamento palestinese approva il nuovo governo di unità nazionale
15/03/2007 PALESTINA
Formato il governo palestinese di unità nazionale
11/09/2006 PALESTINA
Accordo tra Hamas e Fatah per il governo di unità nazionale
06/11/2006 TERRA SANTA
P. Pizzaballa: dal Papa un richiamo molto forte alle responsabilità di tutti
15/02/2007 PALESTINA
È di nuovo crisi tra Hamas e Fatah

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate