19 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/02/2009, 00.00

    PALESTINA

    Accordo tra Hamas e Fatah, alla vigilia della conferenza dei “donatori”



    Le fazioni palestinesi rivali hanno convenuto di dar vita a un processo che dovrebbe portare alla formazione di un governo di unità nazionale. Ciò permetterà di ottenere gli aiuti per la ricostruzione di Gaza. Per l’israeliano Haaretz, la guerra ha giovato a Hamas.
    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Accordo raggiunto al Cairo tra Hamas e Fatah – ed altre fazioni palestinesi minori – per formare cinque comitati che dovrebbero affrontare questioni relative alla sicurezza e dar vita ad una commissione elettorale. Ciò per permettere la formazione di un governo di unità nazionale (nella foto: i negoziatori). I comitati cominceranno a riunirsi il 10 marzo, con il fine di raggiungere l’obiettivo fissato alla fine del mese. Come primo gesto di riconciliazione, all’inizio del “dialogo” ognuno dei due gruppi libererà prigionieri dell’altro.
     
    A novembre, il precedente tentativo della diplomazia egiziana di promuovere un accordo tra i palestinesi era fallito per la decisione di Hamas di non presentarsi al tavolo della trattativa. Gli islamisti accusavano il Fatah di Mahmoud Abbas di continuare ad arrestare suoi adepti in Cisgiordania.
     
    A dare una spinta probabilmente decisiva all’accordo tra le fazioni rivali, il prossimo - tra due giorni - inizio di una conferenza che riunirà, sempre al Cairo, i Paesi che intendono contribuire alla ricostruzione di Gaza, gravemente danneggiata dai 22 giorni di conflitto con Israele. Tra i “donatori”, i Paesi occidentali hanno sempre espresso resistenze a dare aiuto a Hamas, movimento che Stati Uniti ed Europa definiscono “terrorista”.
     
    Il movimento sembra però aver tratto giovamento dal conflitto con Israele. Lo scrive l’israeliano Haaretz, citando un sondaggio svolto nei Territori. A dare ulteriore prestigio a Hamas, secondo il quotidiano, potrebbe contribuire lo scambio – sul quale si sta trattando - tra il militare israeliano Gilad Shalit e più di mille prigionieri palestinesi.
     
    Analizzando i risultati del conflitto a Gaza, Haaretz ritiene inoltre che, mentre sul piano militare l’esercito israeliano (IDF) ha mostrato di aver appreso la lezione della guerra con Hezbollah, sul piano diplomatico l’operazione ha finito col “legittimare Hamas come governo della Striscia di Gaza”. E, alla vigilia del primo viaggio del nuovo segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, in Medio Oriente, il giornale nota che “invece di venire a parlare con Israele della minaccia iraniana, la prima visita sarà centrata sul problema dei palestinesi a Gaza. Questo potrebbe essere il danno maggiore”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/03/2007 PALESTINA – ISRAELE
    Parlamento palestinese approva il nuovo governo di unità nazionale
    A larga maggioranza, i deputati approvano la formazione ministeriale decisa dopo l’accordo della Mecca dell’8 febbraio scorso. Entusiasmo fra la popolazione, che spera nella fine del blocco degli aiuti e in una ripresa dell’economia. Israele critica e accetta come unico interlocutore Abu Mazen.

    15/03/2007 PALESTINA
    Formato il governo palestinese di unità nazionale
    Questa mattina il primo ministro Hanyyeh ha presentato al presidente Abbas la lista dei ministri. E’ stato trovato l’indipendente, indicato da Hamas, per il ministero-chiave degli Interni. Mancano reazioni ufficiali israeliane e occidentali, La Rice la settimana prossima torna in Medio Oriente.

    11/09/2006 PALESTINA
    Accordo tra Hamas e Fatah per il governo di unità nazionale
    Hamas chiede la guida anche del nuovo esecutivo, il programma del quale dovrebbe comprendere un implicito riconoscimento di Israele.

    06/11/2006 TERRA SANTA
    P. Pizzaballa: dal Papa un richiamo molto forte alle responsabilità di tutti

    Cautela del Custode di Terra Santa sulle reazioni del mondo politico ed anche sull'annuncio di Hamas e Fatah di aver raggiunto un accordo per il governo di unità nazionale. A Gaza bisogna prima di tutto fermare la violenza. Tutti vorrebbero uscire dalla situazione, ma sono "schiavi" di pregiudizi e schemi.



    15/02/2007 PALESTINA
    È di nuovo crisi tra Hamas e Fatah
    Il presidente dell’Anp ha “posticipato” a data da stabilire l’annunciato discorso col quale doveva annunciare la nascita del governo di unità nazionale, sulla base dell’avvenuto della Mecca. Il contrasto maggiore sul nome del nuovo ministro degli Interni.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®