24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/10/2015, 00.00

    INDONESIA

    Aceh, iniziata la demolizione delle chiese “illegali”. Già distrutti tre edifici



    A Singkil altri sette luoghi religiosi verranno abbattuti nei prossimi giorni. La polizia usa mazze e martelli per abbattere le costruzioni in legno. Schierato l’esercito per evitare tafferugli. La demolizione è stata decisa il 10 ottobre alla presenza di cristiani e musulmani. Il 13 ottobre islamisti hanno attaccato le chiese bruciandone una e provocando l’esodo dei cristiani.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità di Singkil, nella provincia di Aceh, hanno iniziato la demolizione delle 10 chiese cristiane ritenute “illegali”, perché non fornite di Izin Mendirikan Bangunan, il permesso di costruzione. Da tempo alcuni gruppi estremisti islamici ne chiedono a gran voce la distruzione e il 13 ottobre scorso hanno rotto gli indugi attaccando due chiese, bruciandone una e scatenando l’esodo di centinaia di famiglie cristiane, in fuga dagli scontri confessionali.

    La tensione nell’unica provincia indonesiana dove vige una forma di sharia rimane alta e la autorità hanno schierato l’esercito nei luoghi delle demolizioni per evitare ulteriori violenze. La polizia usa mazze e martelli per abbattere le piccole strutture di legno delle “chiese provvisorie”, denominate “undung-undung”, sotto lo sguardo della comunità protestante. Tre luoghi religiosi sono già stati distrutti nel villaggio Siompin. Altri sette verranno demoliti nei prossimi giorni.

    Le demolizioni sono state decise il 10 ottobre, dopo un incontro fra le autorità e le parti musulmane e cristiane. La popolazione islamica lamentava che il numero delle chiese costruite dai cristiani dopo l’accordo del 1979 (confermato nel 2001) fosse in eccesso.

    Paima Brutu, custode di una delle chiese demolite, accusa il governo per la mancanza dei permessi: “Abbiamo fatto richiesta del permesso di costruzione mille volte. A questo punto chiediamo al governo se saremo mai autorizzati ad averlo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2015 INDONESIA
    Aceh, attacchi alle chiese: migliaia di persone in fuga dalle violenze religiose
    Circa 7mila persone fuggono dal distretto di Singkil: due giorni fa un gruppo di musulmani ha dato fuoco a due chiese. Almeno 2mila profughi hanno raggiunto la diocesi di Sibolga, al sud. Singkil non era stata teatro di scontri religiosi prima: dal 1979 vige un accordo tra musulmani e cristiani.

    27/04/2006 INDONESIA
    Aceh: politici cristiani contro la sharia per i non musulmani

    Partito di ispirazione musulmana propone un disegno di legge per applicare la legge islamica a tutti i cittadini della provincia indonesiana. La proposta rientra nei lavori per la nuova legge sull'amministrazione di Aceh, prevista dopo l'Accordo di pace di Helsinki.



    02/10/2014 INDONESIA - ISLAM
    Aceh: attivisti e società civile contro la sharia anche per i non musulmani
    L’approvazione grazie a un colpo di mano di fine legislatura dei parlamentari della provincia. Essa impone a cristiani e altre minoranze il rispetto della legge islamica, come l’obbligo del velo per le donne e il divieto di consumo di bevande alcoliche. Appello al governo centrale perché intervenga e blocchi norme in contrasto con la Costituzione e i Pancasila.

    24/09/2014 INDONESIA - ISLAM
    Aceh: La sharia sarà applicata anche ai non musulmani
    Lotta contro il tempo dei parlamentari locali per approvare la norma prima della fine della legislatura. Per i leader della provincia la legge islamica deve essere vincolante “per musulmani e non musulmani”. Dal ministero degli Interni pronto lo stop a norme locali in contrasto con la legge nazionale o i diritti umani.

    21/12/2015 CINA
    Il Pcc vede in Gesù un nemico politico: Ecco perché vuole abbattere i cristiani
    Un pastore protestante spiega la campagna di persecuzione contro i cristiani che il governo di Pechino continua a portare avanti: “Il governo ritiene il cristianesimo un gruppo politico indipendente. La sua organizzazione riflette la definizione di moderna società civile, ed è un’entità sociale indipendente dallo Stato. La chiesa cristiana è un’intermediaria per uno spazio auto-governato, pluralistico e aperto”. La Santa Croce e le chiese “sono espressioni della presenza fisica delle chiese nello spazio pubblico, e ritenute simboli di potere sociale”. Ecco perché le demoliscono.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®