22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 11.54

    EGITTO - ISLAM

    Al-Azhar condanna agli attacchi ai cristiani. Cittadinanza e uguaglianza contro l’estremismo



    Si è conclusa la due giorni promossa dall’università sunnita al Cairo. All’evento hanno aderito oltre 600 personalità cristiane e musulmane in rappresentanza di oltre 50 nazioni. Grande imam Al Tayeb: Associare religione e terrorismo è un “pretesto” degli “ultra-modernisti” per cancellare le fedi dalla società. Patriarca Sako: “Valori condivisi” per “tutti i cittadini, religioni, culture”.

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Una ferma condanna dell’uso della “violenza in nome della religione” e un rinnovato invito alla “armonia” e al “rispetto reciproco” fra fedi diverse, nel contesto di uno Stato che garantisce il diritto di “cittadinanza” e parità di trattamento. È quanto hanno affermato leader religiosi, politici e intellettuali cristiani e musulmani, nella dichiarazione conclusiva del congresso promosso dall’università di al-Azhar, al Cairo (Egitto), sul tema “Libertà e cittadinanza… differenze e integrazione”.

    In programma dal 28 febbraio al 1 marzo, l’evento organizzato dalla più importante istituzione musulmana (sunnita) al mondo ha riunito oltre 600 personalità in rappresentanza di oltre 50 nazioni - arabe e non - al mondo.

    A conclusione della due giorni di seminario, caratterizzata il 28 febbraio dagli interventi dei leader religiosi islamo-cristiani e ieri dalle personalità politiche e intellettuali, l’università di al-Azhar ha adottato in via informale la dichiarazione congiunta per una “co-esistenza reciproca”. I leader delle due grandi religioni monoteiste hanno condannato l’uso della religione per perpetrare atti di violenza o fomentare guerre, rilanciando il principio del vivere comune.

    Nell’intervento finale che ha chiuso i lavori del convegno Shaikh Ahmad Al Tayeb, grande imam di al-Azhar, ha espresso una netta condanna “di tutti i crimini commessi in nome della religione”, una “condotta” estranea “a tutte le religioni e a tutte le norme” della civilizzazione. In questo senso, aggiunge, è importante riformare il concetto di cittadinanza ponendo al centro il “principio di uguaglianza” fra le persone appartenenti a uno stesso Stato.

    Il grande imam ha chiesto di contrastare l’associazione fra islam e terrorismo, perché il “comportamento criminale” di qualche fedele musulmano non comporta la legittimazione dell’uso della violenza da parte della religione stessa. Inoltre, avverte Al Tayeb, associare “religioni e terrorismo” vuol dire legittimare il pensiero degli “ultra-modernisti” secondo cui è le religioni sono fonte di violenza; e che, col pretesto di “stabilizzare” le società, esse vanno “cancellate”.

    Infine, il grande imam di al-Azhar ha condannato con forza i recenti attacchi contro i cristiani copti in Egitto, definendoli vittime di violenze “nella loro stessa terra”. “Per quanto potranno sforzarsi - ha aggiunto - i terroristi non riusciranno mai a minare la nostra determinazione a garantire un vivere comune”. Cittadinanza, uguaglianza e Stato di diritto saranno le basi “per una vita migliore delle generazioni future”, all’insegna della “solidarietà” e della “collaborazione” reciproca.

    Alla conferenza internazionale è intervenuto anche il patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako, il quale ha sottolineato l’importanza di “ripensare” i programmi educativi, rafforzando gli elementi di “convergenza e tolleranza”. “Bisogna promuovere relazioni fraterne fra cristiani e musulmani - ha aggiunto - attraverso la cultura dei media”. Il primate della Chiesa irakena ha quindi auspicato la nascita di una “casa” comune capace di “unire tutti i cittadini, le religioni, le culture” in un insieme di “valori condivisi”.

    Il patriarca maronita card. Beshara Raï ha ricordato che la libertà religiosa è la base di tutti i diritti fondamentali dell’essere umano. Toccare la libertà religiosa, ha aggiunto, vuol dire minare “tutti i diritti e le libertà del vivere comune”. Infine, il capo della Chiesa copta papa Tawadros II ha esortato i presenti a “combattere il pensiero estremista attraverso l’uso della ragione”. “L’Egitto e tutta la regione [mediorientale] - ha spiegato - hanno sofferto a causa dell’ideologia fondamentalista, che è il risultato di una interpretazione errata della religione e che ha portato al manifestarsi del terrorismo” su scala locale e mondiale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/03/2017 12:04:00 EGITTO - ISLAM
    Béchara Raï sul congresso ad Al-Azhar: Sparisca la parola ‘minoranza’

    La soddisfazione del patriarca, di ritorno dall’Egitto: “Parlata la lingua di un mondo che ha bisogno di respirare, un mondo che ha bisogno di libertà, diversità e complementarità". Antoine Courban: “Al-Azhar tappa importante nella riforma del pensiero musulmano”. La salvezza del mondo arabo viene dall’unità tra cristiani e musulmani.



    03/03/2017 14:44:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar: pluralismo e cittadinanza alla base dell’islam. Ma manca uno Stato civile

    Per Ahmad el-Tayyeb la fede musulmana non è incompatibile con il pluralismo religioso. E i cristiani non vanno considerati come elemento minoritario o “negativo”. Tuttavia, manca l’affermazione di uno Stato civile e laico. Serve un rinnovato impegno per una effettiva parità nella diversità.

     



    01/03/2017 14:33:00 EGITTO - LIBANO
    Contro estremismi e violenze, al-Azhar propone la riforma della “cittadinanza”

    Al convegno interreligioso promosso dalla massima istituzione sunnita presente anche un alto dignitario sciita. Invitati i rappresentanti delle 12 Chiese del mondo arabo. Patriarca Raï: Appartenenza e vivere comune alla base del modello libanese. Imam di al-Azhar: Tutti i cittadini sono uguali, i cristiani non sono “una minoranza”, termine “negativo”. 

     



    20/02/2017 10:15:00 LIBANO - EGITTO
    Cairo, libertà religiosa e laicità dello Stato al congresso islamo-cristiano ad al-Azhar

    Su iniziativa del Grande imam Ahmad al-Tayyib l’università sunnita ospiterà un incontro interreligioso il 27 e 28 febbraio. Presenti personalità religiose, accademiche e scientifiche, cristiane e musulmane. Invitato anche il presidente libanese Aoun, unico capo di Stato cristiano di un Paese arabo.

     



    28/03/2017 09:56:00 EGITTO-ISLAM
    Laicità e cittadinanza: come Al Azhar potrebbe influenzare i Paesi arabo-islamici

    Dal convegno tenuto al Cairo, le proposte per stessi diritti per cristiani e musulmani e per uno Stato non preda di una religione. Ma occorre influenzare le costituzioni dei diversi Paesi della regione e soprattutto la Carta dei diritti umani della Lega araba e dell’Organizzazione della Conferenza islamica. Il tutto, a poco più di un mese dalla visita di Papa Francesco in Egitto.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®