23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 11.54

    EGITTO - ISLAM

    Al-Azhar condanna agli attacchi ai cristiani. Cittadinanza e uguaglianza contro l’estremismo



    Si è conclusa la due giorni promossa dall’università sunnita al Cairo. All’evento hanno aderito oltre 600 personalità cristiane e musulmane in rappresentanza di oltre 50 nazioni. Grande imam Al Tayeb: Associare religione e terrorismo è un “pretesto” degli “ultra-modernisti” per cancellare le fedi dalla società. Patriarca Sako: “Valori condivisi” per “tutti i cittadini, religioni, culture”.

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Una ferma condanna dell’uso della “violenza in nome della religione” e un rinnovato invito alla “armonia” e al “rispetto reciproco” fra fedi diverse, nel contesto di uno Stato che garantisce il diritto di “cittadinanza” e parità di trattamento. È quanto hanno affermato leader religiosi, politici e intellettuali cristiani e musulmani, nella dichiarazione conclusiva del congresso promosso dall’università di al-Azhar, al Cairo (Egitto), sul tema “Libertà e cittadinanza… differenze e integrazione”.

    In programma dal 28 febbraio al 1 marzo, l’evento organizzato dalla più importante istituzione musulmana (sunnita) al mondo ha riunito oltre 600 personalità in rappresentanza di oltre 50 nazioni - arabe e non - al mondo.

    A conclusione della due giorni di seminario, caratterizzata il 28 febbraio dagli interventi dei leader religiosi islamo-cristiani e ieri dalle personalità politiche e intellettuali, l’università di al-Azhar ha adottato in via informale la dichiarazione congiunta per una “co-esistenza reciproca”. I leader delle due grandi religioni monoteiste hanno condannato l’uso della religione per perpetrare atti di violenza o fomentare guerre, rilanciando il principio del vivere comune.

    Nell’intervento finale che ha chiuso i lavori del convegno Shaikh Ahmad Al Tayeb, grande imam di al-Azhar, ha espresso una netta condanna “di tutti i crimini commessi in nome della religione”, una “condotta” estranea “a tutte le religioni e a tutte le norme” della civilizzazione. In questo senso, aggiunge, è importante riformare il concetto di cittadinanza ponendo al centro il “principio di uguaglianza” fra le persone appartenenti a uno stesso Stato.

    Il grande imam ha chiesto di contrastare l’associazione fra islam e terrorismo, perché il “comportamento criminale” di qualche fedele musulmano non comporta la legittimazione dell’uso della violenza da parte della religione stessa. Inoltre, avverte Al Tayeb, associare “religioni e terrorismo” vuol dire legittimare il pensiero degli “ultra-modernisti” secondo cui è le religioni sono fonte di violenza; e che, col pretesto di “stabilizzare” le società, esse vanno “cancellate”.

    Infine, il grande imam di al-Azhar ha condannato con forza i recenti attacchi contro i cristiani copti in Egitto, definendoli vittime di violenze “nella loro stessa terra”. “Per quanto potranno sforzarsi - ha aggiunto - i terroristi non riusciranno mai a minare la nostra determinazione a garantire un vivere comune”. Cittadinanza, uguaglianza e Stato di diritto saranno le basi “per una vita migliore delle generazioni future”, all’insegna della “solidarietà” e della “collaborazione” reciproca.

    Alla conferenza internazionale è intervenuto anche il patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako, il quale ha sottolineato l’importanza di “ripensare” i programmi educativi, rafforzando gli elementi di “convergenza e tolleranza”. “Bisogna promuovere relazioni fraterne fra cristiani e musulmani - ha aggiunto - attraverso la cultura dei media”. Il primate della Chiesa irakena ha quindi auspicato la nascita di una “casa” comune capace di “unire tutti i cittadini, le religioni, le culture” in un insieme di “valori condivisi”.

    Il patriarca maronita card. Beshara Raï ha ricordato che la libertà religiosa è la base di tutti i diritti fondamentali dell’essere umano. Toccare la libertà religiosa, ha aggiunto, vuol dire minare “tutti i diritti e le libertà del vivere comune”. Infine, il capo della Chiesa copta papa Tawadros II ha esortato i presenti a “combattere il pensiero estremista attraverso l’uso della ragione”. “L’Egitto e tutta la regione [mediorientale] - ha spiegato - hanno sofferto a causa dell’ideologia fondamentalista, che è il risultato di una interpretazione errata della religione e che ha portato al manifestarsi del terrorismo” su scala locale e mondiale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/03/2017 12:04:00 EGITTO - ISLAM
    Béchara Raï sul congresso ad Al-Azhar: Sparisca la parola ‘minoranza’

    La soddisfazione del patriarca, di ritorno dall’Egitto: “Parlata la lingua di un mondo che ha bisogno di respirare, un mondo che ha bisogno di libertà, diversità e complementarità". Antoine Courban: “Al-Azhar tappa importante nella riforma del pensiero musulmano”. La salvezza del mondo arabo viene dall’unità tra cristiani e musulmani.



    03/03/2017 14:44:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar: pluralismo e cittadinanza alla base dell’islam. Ma manca uno Stato civile

    Per Ahmad el-Tayyeb la fede musulmana non è incompatibile con il pluralismo religioso. E i cristiani non vanno considerati come elemento minoritario o “negativo”. Tuttavia, manca l’affermazione di uno Stato civile e laico. Serve un rinnovato impegno per una effettiva parità nella diversità.

     



    01/03/2017 14:33:00 EGITTO - LIBANO
    Contro estremismi e violenze, al-Azhar propone la riforma della “cittadinanza”

    Al convegno interreligioso promosso dalla massima istituzione sunnita presente anche un alto dignitario sciita. Invitati i rappresentanti delle 12 Chiese del mondo arabo. Patriarca Raï: Appartenenza e vivere comune alla base del modello libanese. Imam di al-Azhar: Tutti i cittadini sono uguali, i cristiani non sono “una minoranza”, termine “negativo”. 

     



    20/02/2017 10:15:00 LIBANO - EGITTO
    Cairo, libertà religiosa e laicità dello Stato al congresso islamo-cristiano ad al-Azhar

    Su iniziativa del Grande imam Ahmad al-Tayyib l’università sunnita ospiterà un incontro interreligioso il 27 e 28 febbraio. Presenti personalità religiose, accademiche e scientifiche, cristiane e musulmane. Invitato anche il presidente libanese Aoun, unico capo di Stato cristiano di un Paese arabo.

     



    28/03/2017 09:56:00 EGITTO-ISLAM
    Laicità e cittadinanza: come Al Azhar potrebbe influenzare i Paesi arabo-islamici

    Dal convegno tenuto al Cairo, le proposte per stessi diritti per cristiani e musulmani e per uno Stato non preda di una religione. Ma occorre influenzare le costituzioni dei diversi Paesi della regione e soprattutto la Carta dei diritti umani della Lega araba e dell’Organizzazione della Conferenza islamica. Il tutto, a poco più di un mese dalla visita di Papa Francesco in Egitto.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®