12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/08/2017, 08.54

    CINA

    Altra scossa di terremoto nel Sichuan. Per ora si contano 13 morti e 175 feriti



    La scossa più forte è avvenuta ieri sera. L’area è una zona turistica molto nota. Vi erano 38mila turisti. Squadre di emergenza sono sul luogo, insieme a quattro elicotteri e cani da salvataggio. Il ricordo del terremoto del 2008, con 87mila morti.

    Chengdu (AsiaNews/Agenzie) - Un’altra scossa di terremoto ha colpito la città di Jiuzhaigou (Sichuan) questa mattina alle 10.17, dopo una molto più forte accaduta il giorno prima.

    Il popolare luogo turistico è stato colpito ieri da una scossa di magnitudo 7 alle 21.20 di ieri sera. I primi resoconti parlando di 13 morti e 175 feriti, ma alcune previsioni ufficiali parlano di possibili centinaia di morti. La scossa di stamane è stata di magnitudo 4.8 e sono attese altre scosse di assestamento.

    L’epicentro del terremoto è a circa 300km a nord della capitale Chengdu, a 10 km di profondità, in una zona molto popolata di turisti. Secondo la Xinhua, il giorno prima vi erano nell’are almeno 38mila turisti. Jiuzhaigou è al centro di una famosa riserva naturale, un sito registrato anche nella lista dell’Unesco. La scossa è stata percepita anche a Xian (Shaanxi), a 700 km a nord-est di distanza.

    Il governo provinciale del Sichuan ha inviato circa 1200 pompieri e 30 cani da salvataggio.

    L’esercito ha inviato quattro elicotteri per avere una visione dei danni e organizzare gli aiuti. Diverse strade dell’area sono impraticabili. Il terremoto ha causato frane che ostruiscono le vie di comunicazione. Altre frane nell’area sono state prodotte dalla stagione delle piogge.

    La Xinhua ha citato il presidente Xi Jinping che domanda “uno sforzo totale per organizzare in modo rapido il lavoro di soccorso per i feriti”.

    Il nord del Sichuan è una regione sismica molto attiva. Un potente terremoto nel maggio 2008 fece più di 87mila morti, fra cui migliaia di bambini, uccisi per il crollo delle scuole, causato dalla scossa e dalla bassa qualità delle costruzioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2017 12:51:00 CINA
    Sisma in Sichuan: 20 morti. L’offerta di aiuto di Hong Kong e Taiwan

    Migliaia di sfollati hanno preferito dormire all’aperto e non in luoghi chiusi, a causa delle scosse di assestamento. Fra i feriti vi sono stranieri da Francia, Corea del Sud e Canada. Il capo dell’esecutivo di Hong Kong pronta a sostenere l’impegno di ricostruzione. La presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, offre assistenza nelle opere di salvataggio.



    08/10/2014 CINA
    Terremoto nello Yunnan: 7mila case crollate, cinque morti, ma si teme il loro numero crescerà
    Per ora le cifre ufficiali dicono che vi è stato solo un morto. Evacuate oltre 55mila persone. Danni alle infrastrutture: 36 ponti distrutti; crepe in una diga. Soldati, personale medico e polizia sono giunti nella zona del sisma.

    12/05/2011 CINA
    Sichuan, cattolici ricordano le vittime del terremoto davanti alle chiese da ricostruire
    Celebrazione ufficiale a Beichuan, vicino all’epicentro del sisma di tre anni fa. Silenzio e preghiere. Nella diocesi di Chengdu, su 59 chiese, 25 devono essere ricostruite; 22 sono seriamente danneggiate. Ma non ci sono fondi e la ricostruzione va a rilento. Sacerdote cinese: È importante anche la ricostruzione spirituale.

    02/04/2009 CINA
    A un anno dal terremoto del Sichuan: in carcere chi vuole i nomi degli studenti morti
    La polizia arresta lo scrittore Tan Zuoren, colpevole di cercare la verità sul crollo delle scuole che hanno ucciso migliaia di studenti. A quasi un anno dal sisma manca una verità ufficiale e forse non ci sarà mai. Si spenderanno 800 milioni di euro nel 2009 per rendere le scuole più sicure.

    26/05/2008 CINA
    Tra le macerie del terremoto c'è chi prova a rubare neonati
    Arrestate 6 persone con 5 bambini rapiti: il ratto e la vendita sono fiorenti nella Cina del figlio-unico. Intanto il governo “concede” ai terremotati di annullare la multa per chi ha avuto un secondo figlio, se il primo è morto nel sisma. Distrutte decine di chiese storiche: la difficile situazione dei cattolici del Sichuan.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®