28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/01/2016, 00.00

    A.SAUDITA-IRAN

    Anche il Kuwait richiama l’ambasciatore da Teheran

    Paul Dakiki

    Critiche all’Iran da Mauritania e Egitto. La condanna del Consiglio di sicurezza Onu. La lettera di scuse di Hassan Rouhani. L’inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, in visita a Riyadh e Teheran per salvare i dialoghi di pace. Squadre di calcio saudite giocheranno contro le iraniane, ma in terreno neutro.

    Beirut (AsiaNews) – Il Kuwait ha deciso di ritirare il suo ambasciatore dall’Iran, unendosi all’Arabia saudita, al Bahrain e al Sudan per condannare l’assalto di manifestanti iraniani contro la sede diplomatica saudita a Teheran e al suo consolato a Mashad. Gli Emirati arabi, criticando anche loro le violenze, hanno ridotto i rapporti diplomatici a livello di incaricati d’affari; la Mauritania ha stigmatizzato gli “atti di vandalismo” di Teheran; l’Egitto ha denunciato come “inaccettabile” l’attacco all’ambasciata.

    La crisi fra le due potenze regionali, Arabia e Iran, si allarga sempre più. Ieri sera il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha condannato l’attacco all’ambasciata saudita e ha chiesto a entrambe le parti di “fare passi per ridurre le tensioni nella regione”.

    Il Consiglio non fa però menzione della causa scatenante le violenze: l’esecuzione in Arabia del dignitario sciita Nimr al-Nimr, battagliero difensore dei diritti degli sciiti, critico della dinastia saudita. Pur avendo sempre lottato in modo non violento, egli è stato giustiziato come “terrorista”. La sua morte ha scatenato manifestazioni e critiche nel mondo sciita.

    Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha condannato gli attacchi di Teheran e ha scritto al Consiglio di sicurezza dell’Onu promettendo di “prendere ogni misura necessaria per evitare nuovi incidenti simili nel futuro”.

    Il timore dell’Onu è che la rottura dei rapporti fra Riyadh e Teheran influenzi in modo negativo i tentativi di dialogo per la pace in Siria e in Yemen, dove le due potenze militano in campi opposti. Le diplomazie occidentali esortano le due parti alla calma; la Russia si è offerta di mediare fra Arabia e Iran.

    L’inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha iniziato una visita a Riyadh e poi a Teheran per disinnescare la tensione. L’ambasciatore saudita all’Onu, Abdallah al-Mouallimi, ha dichiarato che la crisi non avrà alcun impatto sugli sforzi per risolvere i conflitti in Siria e Yemen.

    La crisi fra Teheran e Riyadh tocca anche il mondo dello sport: le squadre saudite che partecipano alla Coppa dei campioni dell’Asia hanno domandato di poter giocare contro le squadre iraniane in terreno neutro e non in Iran.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2016 MEDIO ORIENTE
    La Lega araba condanna l’Iran per l’assalto all’ambasciata saudita
    Ieri vertice di emergenza chiesto da Riyadh. La maggior parte dei Paesi membri ha votato a favore della condanna, con l’eccezione di Libano e Siria (sospesa dal gruppo). Allo studio eventuali rappresaglie per il futuro. Teheran respinge le accuse e ribadisce: "Nessun coinvolgimento nelle violenze".

    07/01/2016 QATAR - IRAN - A. SAUDITA
    Anche il Qatar ritira il proprio ambasciatore a Teheran
    Il Gibuti ha interrotto i rapporti diplomatici con l’Iran; la Giordania ha convocato l’ambasciatore di Teheran ad Amman per una protesta ufficiale. L’Iraq, dopo la Russia, si offre di mediare fra le parti per scongiurare una escalation della tensione. Il presidente Rouhani scrive al capo della giustizia per una indagine rapida contro i sospettati dell’assalto alle rappresentanze diplomatiche saudite.

    08/01/2016 ISLAM
    Arabia saudita contro Iran per il dominio nel mondo islamico
    A monte di tutti i problemi politici ed economici che spingono allo scontro fra le due potenze regionali, vi è un braccio di ferro fra due modi di vivere l’islam: quello più tollerante e razionale dello sciismo e quello fondamentalista e violento del sunnismo. L’Arabia saudita amplia la sua egemonia con aiuti economici, costruzione di moschee e invio di imam wahhabiti. Il fondamentalismo – così vicino all’ideologia dell’Isis – emerge anche in Paesi un tempo tolleranti: Egitto, Indonesia, Malaysia, Indonesia. È urgente una riforma dell’islam che lo salvi dalla crisi più profonda degli ultimi due secoli.

    05/09/2014 IRAN
    Teheran, libero attivista per i diritti umani, già condannato a morte
    Abdullah al Mansour combatte per una maggiore autonomia delle minoranze arabe e sunnite nel Kuzestan. Liberati anche il giornalista riformista Mehdi Mahmoudian e il blogger Hossein Ronaghi Maleki, entrambi sostenitori dell'Onda verde, il movimento di critica all'elezione di Ahmadinejad nel 2009.

    03/11/2009 ARABIA SAUDITA – IRAN
    Re Abdullah avverte Khamenei: no alla “politicizzazione” del pellegrinaggio alla Mecca
    Il "Custode" dei luoghi santi dell’islam sottolinea che non verranno tollerate manifestazioni di protesta o attività che mettano a repentaglio la sicurezza dei fedeli. Un riferimento – senza citarlo – alla Guida suprema iraniana, che ha invitato i pellegrini sciiti a dimostrare contro l’Occidente e le guerre in Iraq, Afghanistan, Palestina e Pakistan.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®