12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2012, 00.00

    CINA

    Anche la borsa di Shanghai cade nella censura su Tiananmen



    Bloccati i dati degli scambi perché l'indice aveva chiuso a 64,89: la data del massacro. Censurate anche le parole "oggi", "carro armato", "mai dimenticare" e perfino "candela" (a Hong Kong e in Cina si ricordano gli uccisi accendendo una candela nella notte). Dai tempi di Tiananmen, vi sono ancora 12mila prigionieri che scontano la pena come "controrivoluzionari".

    Shanghai (AsiaNews/Agenzie) - Ieri, 4 giugno, anniversario del massacro di Tiananmen, anche la borsa di Shanghai è caduta preda della paranoia del regime cinese, che blocca ogni informazione sull'evento, costata la vita a migliaia di giovani, uccisi dall'esercito.

    Il fatto è che ieri l'indice composito di Shanghai si è chiuso a 64,89: e 6-4-89 è la data del massacro. Siccome tutti i motori di ricerca hanno già un filtro che blocca le richieste su "6-4" (liusì), anche i dati borsistici sono stati bloccati. A chi domandava i risultati finanziari, ieri appariva il messaggio secondo cui "i risultati non possono essere esposti a causa dei regolamenti".

    Il Sina Weibo,una specie di Twitter "made in China", molto frequentato, ieri ha allargato la censura non solo a "6-4", ma anche a "data del 4"; "oggi"; "carro armato"; "mai dimenticare" e naturalmente "Tiananmen". Fatto curioso: anche la parola "candela" è stata censurata perché ad Hong Kong e in Cina molti ricordano i morti di Tiananmen lasciando accesa una candela durante la notte

    Nonostante ciò, alcune foto del massacro e quella dell'uomo davanti al carro armato (v. foto), divenuta un simbolo della resistenza dei giovani di fronte al dispotismo, sono state pubblicate e oscurate dopo pochi minuti.

    La notte fra il 3 e il 4 giugno 1989 l'esercito per la liberazione del popolo è penetrata con armi e carri armati sulla piazza Tiananmen per "ripulirla" di alcune migliaia di giovani rimasti dopo l'ultimatum lanciato dal regime. Oltre un mese prima, i giovani studenti e operai avevano iniziato un sit in nella piazza chiedendo democrazia e la fine della corruzione. Quella notte sono stati uccisi centinaia e forse migliaia di giovani nella piazza e nelle strade adiacenti. Decine di migliaia sono stati imprigionati.

    Secondo la fondazione Dui Hua (Dialogo), con base negli Usa, nelle prigioni cinesi vi sono ancora 12mila prigionieri, arrestati nella repressione dell'89. Il governo cinese ha sempre bollato il movimento per la democrazia come un gruppo "controrivoluzionario" e si è sempre difeso dalle accuse di massacro. Ma attivisti e genitori dei giovani uccisi chiedono ogni anno che si venga a conoscere chi ha dato l'ordine di uccidere i giovani e che venga capovolto il giudizio su di loro, per definirli non "controrivoluzionari", ma "patrioti".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/06/2005 Cina
    Aumenta il controllo dei dissidenti in attesa del 4 giugno


    28/05/2005 CINA
    Madri di Tiananmen: "Pechino deve chiedere scusa davanti alla Storia"


    28/05/2014 CINA
    Wei Jingsheng: Gli eroi di Tiananmen hanno risvegliato la Cina
    Il grande dissidente commemora il 25mo anniversario del Massacro del 4 giugno: "Il Partito e certi intellettuali senza vergogna cercano di sminuire ancora oggi quei coraggiosi giovani, che con il loro sangue hanno rivelato al popolo la verità sul regime e hanno scatenato una richiesta di libertà e democrazia che non sarà mai più incatenata".

    10/04/2012 CINA
    Fang Lizhi, lo scienziato che fece germogliare il movimento di Tiananmen
    Il “Sakharov della Cina” è morto in Arizona dopo un esilio lungo 22 anni: pur non avendo preso parte attivamente ai moti del 1989, era considerato uno dei massimi ispiratori dei temi democratici che fecero nascere il movimento popolare. Wang Dan, dissidente anche lui in esilio, lo definisce “un genio” e si appella al governo: “Fateci tornare a casa, anche solo per vedere le nostre famiglie”.

    15/06/2009 HONG KONG - CINA
    Da Tiananmen alla marcia del 1° luglio: cresce l'interesse dei giovani
    Massiccia la partecipazione di giovani alla veglia del 4 giugno a Hong Kong, anche per dimostrare che la crescita economica non deve dimenticare “la propria eredità e la verità”. Per la tradizionale marcia pro-democrazia del 1° luglio attese oltre 100mila persone in piazza, anche per contestare il Capo esecutivo Tsang.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®