25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/09/2008
SRI LANKA
Appello dei vescovi dello Sri Lanka per le vittime della guerra
di Melani Manel Perera
La Conferenza episcopale denuncia le sofferenze degli sfollati, senza alloggio né cibo. Essa invita l’esercito governativo e le Tigri Tamil a “rispettare la vita dei civili” e a garantire “corridoi umanitari” per trasferirli in zone del Paese più sicure.

Colombo (AsiaNews) – Forte denuncia delle continue sofferenze di migliaia di sfollati a causa del decennale conflitto tra esercito e ribelli delle Tigri Tamil (Ltte) in un comunicato della Conferenza episcopale dello Sri Lanka (Cbcsl). diffuso al termine di una riunione tenutasi lo scorso 22 settembre.

Il documento – sottoscritto da mons. Vianney Fernando, presidente della Cbcsl e dal segretario generale mons. Norbert Andradi – apprezza “gli sforzi” compiuti dal governo per assicurare “cibo e beni di prima necessità ai rifugiati”, ma ricorda anche la condizione di “migliaia di persone costrette a vivere sotto gli alberi” e denuncia come in molti casi “gli aiuti non arrivino ai destinatari”. “I problemi nei trasporti – affermano i vescovi – causano enormi difficoltà nella consegna delle merci fra cui cibo, medicine, carburante. I bambini non possono andare a scuola, molti innocenti sono morti a causa dei bombardamenti”.

La Conferenza episcopale invita le parti in lotta – esercito governativo e Ltte – a “rispettare la vita dei civili” e chiede ai rappresentanti delle Tigri Tamil di garantire un corridoio umanitario “ai profughi” perché possano essere trasferiti “in zone del Paese più sicure”. “Chiediamo che le leggi sui diritti umani – ribadiscono i vescovi – vengano rispettate da tutti, e che luoghi pubblici come scuole, ospedali e chiese non siano coinvolte nei combattimenti”.

I vescovi concludono il documento sottolineando che una “pace duratura” può essere raggiunta solo attraverso un “accordo politico” che riconosca “dignità umana e piena uguaglianza fra i cittadini”, a qualunque etnia essi appartengano.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/09/2008 SRI LANKA
Oltre centomila profughi fuggono dalla guerra fra esercito e ribelli tamil, privi di ogni assistenza
di Melani Manel Perera
21/01/2009 SRI LANKA
Sri Lanka, bombe sui campi profughi a Vanni. Decine di vittime fra i civili
di Melani Manel Perera
18/08/2009 SRI LANKA
Sri Lanka, 260mila profughi in pericolo per le alluvioni. Hrw: governo “disumano”
25/08/2008 SRI LANKA
Violenze a Jaffna, Giustizia e pace chiede aiuti per oltre 25mila sfollati
di Melani Manel Perera
23/08/2008 SRI LANKA
Cattolici dello Sri Lanka, da nord a sud un pellegrinaggio per la pace
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate