28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/08/2012, 00.00

    GIAPPONE

    Appello del sindaco di Nagasaki per un mondo senza armi atomiche



    Tomihisa Taue chiede "passi concreti" per la conclusione della Convenzione sulle armi nucleari. E, primo sindaco nipponico, auspica la messa al bando del nucleare nel Sol Levante e l'uso di fonti alternative. Solidarietà e "sostegno continuo" ai cittadini di Fukushima, vittime dell'incidente del marzo 2011.

    Nagasaki (AsiaNews/Agenzie) - Nagasaki si appella ai leader mondiali, chiedendo loro di raggiungere un accordo per la messa al bando delle armi nucleari. Così la città giapponese, colpita da "Fat Man" (la seconda bomba, dopo l'esplosione di "Little Boy" tre giorni prima a Hiroshima) il 9 agosto 1945, ha voluto ricordare il 67mo anniversario dell'olocausto atomico che ha segnato la storia moderna del Giappone. "La comunità internazionale - ha sottolineato il sindaco Tomihisa Taue - deve agire ora, prendendo il primo, concreto passo verso la conclusione della Convenzione sulle armi nucleari". E non sono mancate manifestazioni di solidarietà per le vittime del disastro di Fukushima dello scorso anno, i loro familiari e i superstiti che ancora oggi vivono situazioni difficili.

    Nel suo intervento il sindaco di Nagasaki ha ricordato al governo centrale la "seria sfida" rappresentata dal nucleare nord-coreano; il premier nipponico Yoshihiko Noda ha aggiunto che il Paese ha la "responsabilità" di incoraggiare le nazioni e la comunità internazionale a eliminare ogni arsenale nucleare.

    Alla cerimonia ha preso parte per la prima volta anche l'ambasciatore statunitense John Roos, insieme a delegati e funzionari di altri 40 Paesi. Il diplomatico americano aveva già partecipato alle commemorazioni di Hiroshima, ma non si era mai recato a Nagasaki in concomitanza con l'anniversario dell'esplosione della bomba atomica lanciata da Washington per mettere la parola fine alla Seconda guerra mondiale nell'estate del '45.

    Almeno 80mila persone sono morte incenerite o per gli effetti delle radiazioni negli anni seguenti. I superstiti, conosciuti come "hibakusha", a Nagasaki sarebbero 39.324 al marzo scorso, con una età media di 77 anni e mezzo.

    Durante il suo discorso, il primo cittadino ha inoltre chiesto di dar vita a una società "libera dalla paura di radioattività" e promuovere fonti energetiche alternative e meno pericolose. Esplicito il richiamo al disastro nucleare di Fukushima del marzo 2011, nel primo appello di un sindaco giapponese al governo centrale per la messa al bando delle centrali nel Paese del Sol Levante. Egli ha infine auspicato un corretto smaltimento delle scorie, sottolineando che "noi di Nagasaki continueremo a sostenere la popolazione di Fukushima".

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/08/2012 GIAPPONE
    Hiroshima ricorda i 67 anni dalla bomba atomica con un occhio a Fukushima
    Oltre 50mila partecipanti in silenzio al Parco del Memoriale della pace. Il sindaco di Hiroshima chiede un freno all'uso di energia nucleare anche a scopi civili. Il premier Noda propone un "misto di energia". Sopravvissuti di Hiroshima e sfollati di Fukushima manifestano insieme. Rappresentante Onu: Bandire le armi nucleari è moralmente giusto e necessario in pratica per proteggere l'umanità. Alla cerimonia èpresente il nipote del presidente Truman, che diede il via all'attacco aereo nucleare su Hiroshima e Nagasaki.

    10/08/2015 GIAPPONE
    Vescovo di Niigata: Le bombe di 70 anni fa, monito per l’uso del nucleare oggi
    Il presule, anche presidente di Caritas Asia, ha partecipato con i vescovi cattolici, gli anglicani, il Consiglio delle chiese e una rappresentanza di monaci tibetani alle celebrazioni per l’anniversario dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. Quelle tragedie saranno giudicate dalla storia, ma riaprono una ferita particolare per il Sol Levante e per il mondo: l’uso del nucleare, sia pacifico che di aggressione.

    18/08/2008 GIAPPONE
    Tokyo, a 63 anni dalla fine della guerra: più amici della Cina, più decisi contro il nucleare
    Quest’anno le celebrazioni per la fine della Seconda guerra mondiale hanno messo in secondo piano la visita al controverso tempio Yasukuni, con appelli più espliciti a costruire legami più duraturi con il gigante cinese. La lotta dei giapponesi contro l’escalation nucleare, approvata anche da Henry Kissinger.

    20/10/2009 GIAPPONE
    Hiroshima e Nagasaki sognano le Olimpiadi del 2020
    Le due città, vittime della bomba atomica, vorrebbero ospitare i Giochi per lanciare il messaggio di un mondo senza nucleare entro il 2020. Tutti d’accordo, ma i problemi politici ed economici forse porteranno alla bocciatura dell’idea.

    09/08/2010 GIAPPONE
    Hiroshima e Nagasaki: un mondo più pronto a fare a meno del nucleare
    La presenza di americani, francesi e britannici alla cerimonia di Hiroshima mostra un impegno verso la riduzione delle armi nucleari. Anche il Giappone, governato dai social-democratici, sembra più deciso a “non produrre, non possedere, non introdurre armi nucleari”. I sopravvissuti alle radiazioni, gli hibakusha, sono “profeti del disarmo nucleare”. L’impegno di Ban Ki-moon e i timori verso la Corea del Nord.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®