31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/08/2012
GIAPPONE
Appello del sindaco di Nagasaki per un mondo senza armi atomiche
Tomihisa Taue chiede "passi concreti" per la conclusione della Convenzione sulle armi nucleari. E, primo sindaco nipponico, auspica la messa al bando del nucleare nel Sol Levante e l'uso di fonti alternative. Solidarietà e "sostegno continuo" ai cittadini di Fukushima, vittime dell'incidente del marzo 2011.

Nagasaki (AsiaNews/Agenzie) - Nagasaki si appella ai leader mondiali, chiedendo loro di raggiungere un accordo per la messa al bando delle armi nucleari. Così la città giapponese, colpita da "Fat Man" (la seconda bomba, dopo l'esplosione di "Little Boy" tre giorni prima a Hiroshima) il 9 agosto 1945, ha voluto ricordare il 67mo anniversario dell'olocausto atomico che ha segnato la storia moderna del Giappone. "La comunità internazionale - ha sottolineato il sindaco Tomihisa Taue - deve agire ora, prendendo il primo, concreto passo verso la conclusione della Convenzione sulle armi nucleari". E non sono mancate manifestazioni di solidarietà per le vittime del disastro di Fukushima dello scorso anno, i loro familiari e i superstiti che ancora oggi vivono situazioni difficili.

Nel suo intervento il sindaco di Nagasaki ha ricordato al governo centrale la "seria sfida" rappresentata dal nucleare nord-coreano; il premier nipponico Yoshihiko Noda ha aggiunto che il Paese ha la "responsabilità" di incoraggiare le nazioni e la comunità internazionale a eliminare ogni arsenale nucleare.

Alla cerimonia ha preso parte per la prima volta anche l'ambasciatore statunitense John Roos, insieme a delegati e funzionari di altri 40 Paesi. Il diplomatico americano aveva già partecipato alle commemorazioni di Hiroshima, ma non si era mai recato a Nagasaki in concomitanza con l'anniversario dell'esplosione della bomba atomica lanciata da Washington per mettere la parola fine alla Seconda guerra mondiale nell'estate del '45.

Almeno 80mila persone sono morte incenerite o per gli effetti delle radiazioni negli anni seguenti. I superstiti, conosciuti come "hibakusha", a Nagasaki sarebbero 39.324 al marzo scorso, con una età media di 77 anni e mezzo.

Durante il suo discorso, il primo cittadino ha inoltre chiesto di dar vita a una società "libera dalla paura di radioattività" e promuovere fonti energetiche alternative e meno pericolose. Esplicito il richiamo al disastro nucleare di Fukushima del marzo 2011, nel primo appello di un sindaco giapponese al governo centrale per la messa al bando delle centrali nel Paese del Sol Levante. Egli ha infine auspicato un corretto smaltimento delle scorie, sottolineando che "noi di Nagasaki continueremo a sostenere la popolazione di Fukushima".

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/08/2012 GIAPPONE
Hiroshima ricorda i 67 anni dalla bomba atomica con un occhio a Fukushima
18/08/2008 GIAPPONE
Tokyo, a 63 anni dalla fine della guerra: più amici della Cina, più decisi contro il nucleare
di Pino Cazzaniga
20/10/2009 GIAPPONE
Hiroshima e Nagasaki sognano le Olimpiadi del 2020
di Pino Cazzaniga
09/08/2010 GIAPPONE
Hiroshima e Nagasaki: un mondo più pronto a fare a meno del nucleare
di Pino Cazzaniga
03/08/2009 GIAPPONE
Le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, un fallimento morale
di Pino Cazzaniga

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate