02/01/2013, 00.00
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Arabia Saudita, una petizione di 500 intellettuali per liberare il blogger contrario alla sharia

Turki al-Hamad è in carcere dal 24 dicembre con l'accusa di insulti contro Maometto e la casa reale. Su Twitter, l'attivista ha definito la monarchia un "regime nazista" che ha tradito il vero islam.

Riyadh (AsiaNews/ Agenzie) - Circa 500 intellettuali Sauditi chiedono di liberare "subito e senza condizioni" Turki al-Hamad, l'attivista arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di aver diffuso su Twitter frasi offensive contro il profeta Maometto e l'islam. La petizione è stata indirizzata a Salman bin Abdul Aziz,  principe ereditario e ministro della Difesa del regno. Fra i firmatari del documento vi sono Manal al-Sherif e Najla Hariri, le due attiviste divenute famose, che si battono da anni per estendere anche alle donne la patente di guida, e Ahmad Adnan, noto giornalista liberale.

La colpa di al-Hamad è di aver criticato la monarchia per la sua interpretazione troppo rigida dell'islam. In post sul social network egli paragona il monarca e le autorità religiose a dei nazisti e li accusa di aver completamente travisato il messaggio di Maometto, diffondendo l'odio e l'intolleranza. Secondo i 500 intellettuali  il suo arresto  è un atto "scellerato, ingiusto e inaccettabile che  viola i diritti umani". Le autorità avrebbero travisato i commenti dell'attivista che non avevano alcun riferimento alla religione musulmana in quanto tale e al profeta Maometto. 

L'esplosione dei social network ha costretto il ministero degli Interni ad aumentare il controllo su internet. Facebook, Twitter e blog sono divenuti uno dei principali strumenti di critica alla rigida monarchia sunnita, che proibisce qualsiasi comportamento non conforme alla sharia, la legge islamica. Il caso più grave riguarda l'attivista Raif Badawi arrestato in giugno a Jeddah con l'accusa di apostasia. Egli rischia la pena di morte. In maggio l'uomo aveva lanciato attraverso il suo sito web "la giornata del liberalismo", invitando tutti i cittadini a protestare contro la dittatura religiosa.  

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La crescita della diffusione di Twitter tra gli utenti sauditi "è la maggiore del mondo"
10/01/2014
Crescono gli internauti che aggirano la censura cinese
10/05/2010
Feriti e arresti fra i manifestanti sciiti in piazza contro il regime saudita
28/07/2012
Onu: Riyadh fermi la condanna a morte di un manifestante della Primavera araba
23/09/2015
I vescovi filippini "sbarcano" sui social network per evangelizzare anche sul web
23/01/2014