22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/07/2016, 11.05

    INDONESIA

    Arcivescovo di Jakarta: Siamo contrari alla pena di morte, preghiamo per i condannati

    Mathias Hariyadi

    Il governo sta preparando l’esecuzione di 14 prigionieri di più nazionalità, che sarà eseguita entro  tre giorni. Sono tutti accusati di spaccio o possesso di droga. Mons. Suharyo chiede ai fedeli preghiere speciali “affinché la pena capitale sia eliminata dal nostro sistema legale”. L’Unione Europea domanda la sospensione delle esecuzioni. India e Pakistan fanno appello per salvare la vita ai propri cittadini.

     

    Jakarta (AsiaNews) – Incoraggio “tutti i cattolici delle diocesi a recitare una preghiera speciale, con la speranza che un giorno venga approvata una moratoria sulla pena di morte ed essa venga abolita dal nostro sistema legale”. È l’appello rivolto a tutti i fedeli da mons. Ignatius Suharyo, arcivescovo di Jakarta, dopo la notizia che entro la fine della settimana 14 condannati a morte verranno uccisi in Indonesia.

    In un messaggio pubblicato tramite i social media l’arcivescovo, “personalmente preoccupato da questo problema”, ha chiesto a tutti i sacerdoti della sua arcidiocesi di “disseminare l’opinione e la posizione della Chiesa cattolica su questo argomento, e allo stesso tempo di pregare per coloro che sono vicini alla morte”.

    I condannati a morte sono rinchiusi in isolamento da due giorni nella prigione di Nusakambangan, Cilacap (Java Centrale) ed entro il 31 luglio saranno giustiziati tramite plotoni di esecuzione. Il procuratore generale M. Prasetyo ha confermato che le esecuzioni verranno portate a termine. I prigionieri, tutti accusati di spaccio o possesso di droga, provengono da Indonesia, Nigeria, Zimbabwe, Pakistan, India, e China. Oggi le autorità hanno consegnato 14 bare al personale della prigione.

    Mons. Suharyo ha criticato la grande esposizione mediatica che sta avendo l’avvicinamento alle esecuzioni. L’arcivescovo ha poi citato l’enciclica Evangelium Vitae di San Giovanni Paolo II (1995): “Basandoci sugli insegnamenti cattolici, consideriamo la pena di morte legittima quando le opere criminali sono di estrema gravità, ma ai giudici bisogna consigliare di preferire altre opzioni, se possibile, per tutelare la dignità della persona umana”.

    Da tempo la Chiesa indonesiana, insieme alla Commissione di giustizia e pace, si oppone con forza alle esecuzioni programmate dal governo di Jakarta. La Commissione ha creato un team di 11 avvocati che lavorano pro bono per le persone innocenti che vengono scambiate per trafficanti di droga.

    Negli ultimi giorni ha fatto scalpore l’inserimento di Merri Utami nella lista dei 14 condannati. La donna indonesiana, lavoratrice migrante, è stata punita con la pena di morte nel 2003 per possesso di un chilo di eroina. Ieri un gruppo di persone ha manifestato di fronte al palazzo del governo chiedendo la sua liberazione: la donna infatti sarebbe vittima di un raggiro ideato dai trafficanti, che le avrebbero consegnato la sostanza a sua insaputa. Il caso è molto simile a quello di Mary Jane Veloso, donna filippina anch’essa nel braccio della morte (ma non inserita in questo turno di esecuzioni).

    Per la sua volontà di eseguire le condanne, Jakarta è oggetto di critiche da parte della comunità internazionale. L’Unione Europea ha chiesto di sospendere le uccisioni. Oggi il ministro degli Esteri indiano ha rivolto un ultimo appello al governo indonesiano per salvare la vita di un 48enne accusato di spaccio. Anche il Pakistan ha intensificato gli sforzi diplomatici per ottenere la sospensione della pena per un proprio cittadino.

    L’Indonesia ha una delle leggi anti-droga più severe al mondo, per combattere quella che il presidente Joko Widodo ha definito “un’emergenza nazionale”. Dal 1979 al 2015, sono state portate a termine 66 esecuzioni capitali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/04/2016 10:10:00 INDONESIA
    Jakarta: il governo pronto a fucilare 40 trafficanti di droga

    Nella lista dei condannati molti “pesci grossi” del traffico di sostanze stupefacenti, emergenza "numero uno" in Indonesia. La data e il luogo delle esecuzione non è stata ancora decisa. Tra le persone nel braccio della morte anche cittadini cinesi e francesi. Generale dell’esercito sorpreso ad un festino a base di droga.



    30/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti ad AsiaNews: “E’ un ostaggio, vittima di un traffico di esseri umani più grande di lei. Pensiamo che sopra la sua reclutatrice vi sia una rete più estesa, faremo di tutto per fermarla”. In agosto mons. Santos sarà in Kuwait e nei Paesi del Golfo: “Una missione per i nostri lavoratori all’estero. A loro dico: non date retta a chi promette soldi facili, ricordate sempre la vostra dignità di esseri umani”.

    11/02/2015 INDONESIA
    Jakarta, nuova ondata di esecuzioni contro i trafficanti di droga
    Trafficanti di stupefacenti ritenuti il "cancro principale" dell'Indonesia: otto condannati saranno fucilati entro la fine del mese. Giustizia e Pace esprime "preoccupazione" per la mancanza di clemenza del presidente Jokowi. Critiche dalla comunità internazionale.

    29/07/2016 08:47:00 INDONESIA
    Jakarta: quattro condannati a morte fucilati nella notte

    Nonostante le critiche della Chiesa e dei leader internazionali le autorità hanno eseguito le condanne annunciate. Sono morti un indonesiano, due nigeriani e un sudafricano. Per ora risparmiati 10 detenuti, che dovrebbero essere uccisi entro il 31 luglio. L’ex presidente Habibie scrive a Joko Widodo chiedendo una moratoria sulla pena di morte.

     



    25/03/2016 09:46:00 GIAPPONE
    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®