12/01/2015, 00.00
NIGERIA - ISLAM
Invia ad un amico

Arcivescovo di Jos: Non dimenticate che anche noi soffriamo, Boko Haram va fermata

Mons. Ignatius Kaigam racconta le sofferenze di un Paese colpito dalle violenze di matrice islamista. Per il prelato “non è uno scontro fra cristiani e musulmani”, ma gesti di un gruppo sempre più potente, che colpisce chiunque si frapponga ai suoi obiettivi. Egli auspica maggiore impegno internazionale e “più determinazione contro il terrorismo”.

Jos (AsiaNews) - "Non dimenticate che siamo qui, che anche noi stiamo soffrendo, che centinaia di persone sono state uccise, vi sono migliaia di sfollati che non hanno un posto in cui vivere. Abbiamo bisogno di aiuto e di un sostegno concreto per mettere fine a questi attacchi". È questo l'appello lanciato attraverso AsiaNews da mons. Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos, in Nigeria, nazione dell'Africa centrale insanguinata dalle violenze di matrice islamista del gruppo Boko Haram. Solo negli ultimi giorni almeno 20 persone sono state uccise da tre giovani kamikaze a Maiduguri e Potiskum; bambine di circa 10 anni o poco più, usate dai terroristi come (inconsapevoli) bombe umane. Il prelato avverte la comunità internazionale, sottolineando che serve maggiore determinazione per fermare l'avanzata del movimento nel Paese; e serve lo stesso spirito di unità e coraggio mostrati dopo gli attacchi dei giorni scorsi in Francia. 

L'esercito nigeriano ha invocato l'intervento della comunità internazionale contro Boko Haram, per scongiurare ulteriori carneficine come quella avvenuta il 3 gennaio scorso nella città di Baqa, nel nord-est del Paese. Gli islamisti hanno compiuto un raid nella cittadina dello Stato del Borno, causando centinaia di morti e decine di migliaia di sfollati; il bilancio è ancora provvisorio, ma vi sarebbero più di 2mila vittime. Per il portavoce del ministero della Difesa "Boko Haram rappresenta il male che dobbiamo eliminare tutti insieme". Sconcerto è stato espresso anche dal segretario generale Onu Ban Ki-moon, che condanna "gli atti depravati dei terroristi di Boko Haram". 

Per l'arcivescovo di Jos è necessaria "maggiore attenzione" alle violenze che si ripetono con "crescente" frequenza nel Paese africano, che rischia di precipitare nel caos. "Non dimenticate che siamo qui, che stiamo soffrendo" aggiunge mons. Kaigama, "che molte persone sono state uccise, vi sono moltissimi sfollati che hanno bisogno di aiuto". Per il prelato Boko Haram è in crescita: "Hanno catturato governatori locali, stanno centrando gli obiettivi fissati, possiedono armi sempre più sofisticate. Hanno adottato strategie diverse, attaccano anche le persone comuni" e per farlo usano persino ragazzine e bambine. 

Mons. Kaigama spiega che "i musulmani in Nigeria non sostengono e non incoraggiano questo tipo di violenze"; anche gli imam sono intervenuti a più riprese per condannare questi attacchi, essi "parlano in modo sempre più forte e chiaro contro Boko Haram, ma serve una maggiore determinazione contro il terrorismo". Il prelato ricorda che "non è un problema, uno scontro fra cristiani e musulmani"; siamo al cospetto, aggiunge, "di un gruppo islamista terrorista, che attacca chiunque si frapponga alle sue mire o non mostri collaborazione totale". "Gli attacchi sono sempre più numerosi - conclude - per questo deve essere migliorata la sicurezza, speriamo che governo e responsabili della comunità internazionale possano fare qualcosa per mettere fine alle violenze". 

Ad ottobre le autorità della Nigeria avevano annunciato il raggiungimento di un possibile cessate il fuoco con i terroristi di Boko Haram, collegato al rilascio delle oltre 200 studentesse rapite a Chibok, nel Borno, lo scorso aprile. La tregua sarebbe servita anche per consentire il regolare svolgimento delle prossime elezioni presidenziali e legislative, in programma per il prossime mese di febbraio. Tuttavia, il possibile accordo è stato smentito in un secondo momento dal sedicente leader del movimento islamista, Abubakar Shekau, e le violenze proseguono senza sosta. 

Fondato nel 2002, il movimento estremista in un primo momento ha focalizzato la propria battaglia contro l'educazione di matrice occidentale; difatti Boko Haram in lingua Hausa significa "L'istruzione occidentale è proibita". Dal 2009 sferra attacchi e promuove azioni di tipo militare, col proposito di creare uno Stato islamico. Esso ha già causato migliaia di vittime, in particolare nel nord-est della Nigeria, prendendo di mira anche polizia e il quartier generale Onu nella capitale Abuja. Almeno tre milioni le persone colpite a vario titolo dalle violenze islamiste.(DS) 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Onayekan: Religioni e violenza terrorista in Nigeria
20/06/2013
Lo Stato islamico ‘decapita’ 11 ostaggi cristiani
27/12/2019 21:01
Vescovo di Jos: In Nigeria, Boko Haram vuole scatenare una guerra fra cristiani e musulmani
11/06/2012
Decine di morti e chiese bruciate in un nuovo attacco di Boko Haram
30/06/2014
Nigeria, Boko Haram rivendica gli attentati contro due chiese: otto morti e oltre 50 feriti
11/06/2012