05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/06/2014, 00.00

    RUSSIA-UCRAINA

    Arcivescovo greco-cattolico di Kiev ai "fratelli ortodossi": Non credete alla propaganda, guardate la verità

    Marta Allevato

    Attraverso AsiaNews mons. Sviatoslav Shevchuk lancia un appello per la riconciliazione, dopo gli attacchi arrivati dal Patriarcato di Mosca. "E' il momento di riconoscere la dignità del popolo e della Chiesa ucraina".

    Mosca (AsiaNews) - Sullo sfondo della crisi ucraina si inaspriscono le tensioni tra cattolici locali e Patriarcato ortodosso di Mosca, il quale continua a denunciare la Chiesa greco-cattolica in Ucraina perché, a suo dire, "immischiata" nella politica occidentale contro la Russia. L'arcivescovo maggiore di Kiev, Sviatoslav Shevchuk, lancia attraverso AsiaNews un appello alla riconciliazione, affinché anche Mosca riconosca dignità al popolo ucraino e possa così aprire un dialogo sincero basato sulla verità. "Non credete alla propaganda, non siamo vostri nemici, siamo fratelli, vogliamo essere buoni vicini, creare contatti amichevoli e una stretta cooperazione con voi", dichiara il capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, rivolgendosi ai "fratelli russi". 

    "Ci dispiace che la propaganda di Stato stia creando un'immagine dell'Ucraina come di un nemico - aggiunge, in una conversazione telefonica con AsiaNews - non vogliamo far niente che nuoccia o possa far disprezzare la dignità o la libertà della Chiesa ortodossa russa. Vogliamo solo un aperto e sincero dialogo, che finalmente possa portare un giorno alla riconciliazione". Di recente, le due più alte cariche del Patriarcato di Mosca, il primate ortodosso Kirill e il capo del dipartimento per le relazioni ecclesiastiche estere il metropolita Hilarion, avevano condannato l'impegno dei greco-cattolici in Ucraina a favore delle proteste del Maidan.

    "I greco cattolici hanno di fatto lanciato una crociata contro l'ortodossia", aveva dichiarato ad aprile il 'ministro degli Esteri' del Patriarcato, ribadendo la vecchia convinzione che l''uniatismo' (termine usato in modo dispregiativo per definire i greco-cattolici in comunione col Papa, ndr) è un progetto speciale della Chiesa cattolica, volto a convertire gli ortodossi al cattolicesimo". "Questo linguaggio ci offende - commenta Shevchuk - ci definiscono un 'progetto' umano e non il corpo di Cristo, questo significa negare alla Chiesa greco-cattolica ucraina la dignità di essere una Chiesa". "Ci dispiace che i nostri fratelli cristiani ci attacchino, usando la tattica della propaganda di Stato e non un messaggio propriamente ecclesiastico", lamenta il vescovo, e spiega che "la politica statale di Mosca ha il diritto di interpretare gli avvenimenti sociali in Ucraina a suo modo, ma noi cristiani dobbiamo sempre dire la verità".

    A fine marzo, il Patriarca Kirill aveva attaccato duramente i greco-cattolici, condannandone "il diretto impegno in attività politiche, con dichiarazioni contro la Chiesa ortodossa russa". Questo, aveva poi avvertito, getta "un'ombra molto triste" sulle relazioni tra il Patriarcato e il Vaticano. In realtà, come racconta il vescovo maggiore di Kiev, "è dall'inizio dell'anno che si cerca di instaurare un dialogo diretto con i rappresentanti del Patriarcato di Mosca", ma senza successo. "Il cardinale Kurt Koch, presidente del pontificio Consiglio per la Promozione dell'unità dei cristiani. si è offerto di essere mediatore tra la nostra Chiesa e quella di Mosca - aggiunge il vescovo - in concreto tra me e il metropolita Hilarion, per avere un modo aperto, ecclesiastico, sincero di condividere le nostre posizioni e calmare un po' le tensioni, ma da parte di Mosca abbiamo ricevuto solo rifiuti, senza una chiara motivazione".

    Alla domanda sul perché di una tale chiusura, Shevchuk ipotizza: "Forse rifiutano il dialogo, perché questo costringe all'ascolto dell'interlocutore e quindi a riconoscerne la dignità". "Forse è questo, quello che ci manca", aggiunge il prelato, riferendo comunque che i contatti con la Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca sono "ottimi". "In Ucraina tutte le Chiese cristiane e anche gli ebrei e i musulmani hanno sempre concordato ogni presa di posizione sulla crisi in corso. "Di recente - ricorda il vescovo di Kiev - con il reggente Onufri siamo stati insieme alla cerimonia di giuramento del nuovo presidente,  Petro Poroshenko, e abbiamo tutti appoggiato i suoi sforzi per la pace. Non c'è assolutamente tensione tra le varie confessioni in Ucraina". 

    La Chiesa ortodossa di Mosca teme anche che la comunità ortodossa ucraina (do obbedienza moscovita) possa staccarsi dal patriarcato di Mosca, diventando una Chiesa autocefala e addirittura unirsi con gli ortodossi di Kiev (comunità già separata da Mosca nel passato).

    Sullo scenario di un possibile scisma all'interno dell'ortodossia russa e la creazione di un'unica Chiesa ortodossa ucraina, indipendente da Mosca, il vescovo cattolico si dice scettico pur ammettendo la necessità per la Chiesa ortodossa russa di "liberarsi dalla ideologia politica". "I vertici della Chiesa ortodossa russa non riconoscono l'esistenza di un popolo ucraino, con una sua propria cultura, la propria storia; in questo momento stanno negando l'esistenza stessa del popolo, della nazione ucraina come tale. Finchè non riusciranno a riconoscere la realtà, ci saranno sempre tensioni - avverte Shevchuk - Ma io credo nella saggezza spirituale dei vescovi ortodossi, nel fatto che sapranno liberarsi dalla ideologia politica, perché se la Chiesa rimarrà politicizzata, sarà sempre strattonata tra vari modi di fare politica e tra diversi Paesi, mentre la Chiesa deve emanare unità e non divisioni".  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/02/2011 UCRAINA – RUSSIA
    Card. Husar: Cristiani in Ucraina, privilegi per alcuni e ostacoli per gli altri
    Il primate lascia la guida dei greco-cattolici di Kiev e racconta la situazione nel Paese, dove le autorità continuano a strizzare l’occhio ai russo-ortodossi e a ignorare gli altri.

    24/03/2014 UCRAINA - RUSSIA
    Vescovo della Chiesa ucraina-Patriarcato di Mosca contro Putin: "È un bandito"
    Il metropolita di Cherkasy e Kanev, Sofrony, ha fatto appello agli alti funzionari russi con origini ucraine, come il presidente del Senato e il ministro della Cultura, a "rimediare ai loro sbagli criminali".

    05/07/2014 UCRAINA - RUSSIA
    Patriarcato di Mosca: è morto il metropolita Vladimir, primate della Chiesa ortodossa ucraina
    Era a capo degli ortodossi ucraini, obbedienti a Mosca dal 1992. Era malato di cancro e da febbraio era stato sostituito dal metropolita Onufry, che ora affronta la grande sfida posta anche alla Chiesa dal Maidan. I rischi di una scissione dal Patriarcato moscovita.

    08/04/2014 RUSSIA - UCRAINA
    La Chiesa ortodossa ucraina a Putin: Evita guerra e divisione nel nostro Paese
    Il metropolita Antony, della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca, riferisce di un messaggio scritto personalmente al capo del Cremlino dal reggente Onufry. Kiev lancia operazione anti-terrorismo contro i filorussi nell'Est e la Russia avverte: "Rischio guerra civile".

    27/01/2015 RUSSIA - CRIMEA
    La Chiesa cattolica in Crimea dovrà registrarsi secondo la legge russa
    Il Vaticano non riconosce l'annessione della penisola alla Russia, ma la priorità ora è non abbandonare la comunità locale. Fonti di AsiaNews: "E' un processo difficile anche per gli ortodossi". Le autorità rassicurano il rinnovo dei visti per il clero non russo, ma non sono esclusi problemi.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®