14/09/2017, 09.08
MYANMAR

Aung San Suu Kyi annuncia un suo discorso sui Rohingya il 19 settembre

La Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace”. Sarà il suo primo intervento pubblico dall’inizio delle violenze. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri. La leader birmana criticata per carenza di leadership morale e compassione. L’esercito interessato al fallimento del processo democratico.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – La leader del Myanmar Aung San Suu Kyi affronterà la crisi che investe i Rohingya e lo Stato di Rakhine la prossima settimana, nel suo primo discorso pubblico dall’inizio delle violenze, lo scorso 25 agosto.

In una conferenza stampa, il portavoce del governo Zaw Htay ha dichiarato ieri che il 19 settembre prossimo la Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace” in un messaggio televisivo.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri per discutere della crisi dei rifugiati in una riunione a porte chiuse, con la Cina pronta ad impedire qualsiasi censura contro lo strategico alleato Myanmar. Aung San Suu Kyi non parteciperà alla alla prossima sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, in programma a New York il prossimo 20 settembre.

Le violenze in Rakhine hanno provocato una grave crisi umanitaria suscitando forti pressioni su Aung San Suu Kyi per la condanna della campagna militare dell'esercito, che l'Onu ha dichiarato avere tutti i tratti distintivi della “pulizia etnica”.

I Paesi islamici e diverse potenze occidentali hanno criticato la Signora per carenza di leadership morale e compassione. Nelle rare dichiarazioni rilasciate finora, la leader birmana ha fatto riferimento ad un “enorme iceberg di disinformazione” e negato che sia in atto una “pulizia etnica” contro i Rohingya.

La Signora, prima leader civile del Myanmar in decenni, non ha tuttavia alcun controllo sulle potenti forze militari, che hanno governato il Paese per 50 anni. Solo nel 2015 si sono tenute le prime elezioni libere. I sostenitori affermano che Aung San Su Kyi abbia le mani legate dall’esercito, che è ancora in controllo di gran parte degli apparati governativi e di tutte le questioni legate alla sicurezza.

Analisti affermano che le tensioni etniche nel nord del Paese sono alimentate dalle forze armate, che intendono ribadire di volta in volta il proprio potere e minare il processo di riconciliazione nazionale intrapreso dalla leader democratica.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Yangon, Aung San Suu Kyi non andrà all'Assemblea generale dell’Onu
13/09/2017 08:48
Rohingya, ‘comprensione’ per la delicata posizione di Aung San Suu Kyi
15/09/2017 14:38
Rohingya, convocato per domani il Consiglio di sicurezza dell’Onu
12/09/2017 08:47
Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’
07/09/2017 12:11
Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya
11/09/2017 09:01