18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/04/2017, 11.23

    MYANMAR

    Rohingya, Aung San Suu Kyi: ‘Nessuna pulizia etnica’



    La leader del Myanmar respinge le accuse: “Ci sono ostilità, stiamo cercando di ricomporre queste divisioni”. La risposta del premio Nobel alle critiche per la sua mancata condanna alle violenze: “Non sono Margaret Thatcher, ma neanche Madre Teresa”

    Naypyidaw (AsiaNews) – Nonostante i numerosi rapporti internazionali su abusi e violenze, Aung San Suu Kyi respinge le accuse mosse al suo governo di operare una pulizia etnica nei confronti dei Rohingya, minoranza musulmana.

    In un’intervista rilasciata ieri alla Bbc, la leader del Myanmar e vincitrice del premio Nobel per la Pace, riconosce le tensioni che hanno colpito lo Stato di Rakhine, dove vive la maggior parte della popolazione originaria del Bangladesh. La Signora afferma poi che il Paese è pronto ad accogliere a braccia aperte chiunque tra i Rohingya fuggiti volesse fare ritorno in Myanmar. 

    "Io non credo che ci sia una pulizia etnica in corso. Credo che ‘pulizia etnica’ sia un'espressione troppo forte da utilizzare per ciò che sta accadendo […] Penso che laggiù ci sia molta ostilità. Ci sono anche musulmani che uccidono altri musulmani, se pensano che stiano collaborando con le autorità [...] Non è una questione di pulizia etnica, come si dice. È una questione di persone divise da posizioni differenti, e noi stiamo cercando di ricomporre queste divisioni” – le parole di Suu Kyi alla televisione inglese.

    Nel Paese, i Rohingya si vedono negata la cittadinanza e spesso subiscono abusi e discriminazioni poiché considerati immigrati clandestini dalle autorità e dalla popolazione autoctona. In origine essi vivevano in Bangladesh, da dove in seguito si spostarono, durante il dominio coloniale britannico. Decine di migliaia di Rohingya vivono ora in campi profughi improvvisati, dopo essere stati sfollati a causa della violenze scoppiate nel 2012.

    Negli ultimi mesi, circa 70 mila sono fuggiti in Bangladesh per sfuggire a un'operazione militare del governo nel Rakhine, lanciata dopo che nove poliziotti sono stati uccisi in un attacco operato dalle milizie armate del gruppo etnico. Il mese scorso, le Nazioni Unite hanno annunciato un'inchiesta in seguito alle accuse di stupri, omicidi e torture mosse dai Rohingya all'esercito del Myanmar. Il governo ha negato le accuse.

    Dopo aver guidato in passato il movimento pro-democrazia e diritti umani contro una dittatura militare in Myanmar, Aung San Suu Kyi ha attirato numerose critiche per la sua mancata condanna alle discriminazioni nei confronti della minoranza Rohingya. Durante l’intervista, la Signora ha così risposto alle critiche: “Sono solo un politico. Io non sono affatto come Margaret Thatcher ma, d'altra parte, non sono neanche Madre Teresa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.



    25/08/2017 13:03:00 MYANMAR
    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’

    La “Rakhine State Advisory Commission” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 



    30/08/2017 12:42:00 MYANMAR
    ‘Riconquistate’ le città assaltate dai ‘terroristi bengali’, i Rohingya

    Per le autorità militari: “L’obiettivo dei terroristi è definire un loro territorio”. Nelle violenze hanno perso la vita più di 100 persone, circa 10mila gli sfollati. 4mila Rohingya in fuga bloccati al confine con il Bangladesh. Secondo il governo, membri di alcune Ong internazionali sono coinvolti nelle attività dei guerriglieri”.



    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.



    04/07/2016 08:50:00 MYANMAR
    Stato Rakhine: migliaia di buddisti in piazza contro i Rohingya

    Yangon ha accettato la richiesta della Nazioni Unite e per indicare la minoranza islamica userà la formula “la comunità musulmana dello Stato Arakan”. I nazionalisti vogliono invece chiamarli “Bengali”, per sottolineare il loro essere migranti illegali dal Bangladesh.

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®