25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/11/2012, 00.00

    MYANMAR

    Aung San Suu Kyi: più soldati, per fermare le violenze fra birmani e Rohingya

    Francis Khoo Thwe

    La Nobel per la pace auspica una maggiore presenza militare per riportare la pace nello Stato di Rakhine. Gli interessi di governo e opposizione ostacolano una soluzione politica della vicenda. Motivi economici e commerciali dietro gli scontri interconfessionali. Nuovo naufragio di una nave carica di profughi.

    Yangon (AsiaNews) - La leader dell'opposizione birmana Aung San Suu Kyi, assieme a gruppi di parlamentari delle minoranze etniche, lancia un appello al governo per l'invio di altre truppe nello Stato di Rakhine, nell'ovest del Myanmar. Ai militari sarebbe affidato il compito di riportare la pace in una regione funestata da violenze etniche fra maggioranza buddista e minoranza musulmana Rohingya. La Nobel per la pace, più volte criticata per non aver condannato i maltrattamenti e l'emarginazione riservata al gruppo etnico, auspica inoltre la fine degli scontri - che hanno causato dal giugno scorso 180 morti e almeno 110mila sfollati - e il ritorno, grazie all'intervento dei soldati, di "pace, stabilità e supremazia della Legge". Intanto un'altra imbarcazione carica di Rohingya in fuga si è rovesciata al largo della baia del Bengala, mentre interessi economici e commerciali potrebbero nascondere le vere ragioni di una spirale di violenze senza fine.

    In uno dei rari interventi sulla questione Rohingya, la leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha sottolineato che è compito del governo "informare l'opinione pubblica sulle modalità secondo cui intende affrontare la vicenda". Per Naypyidaw essi sono immigrati irregolari del vicino Bangladesh, ma nemmeno Dhaka li riconosce come propri cittadini. L'esecutivo e la maggioranza al potere temono di perdere ulteriori consensi e anche l'opposizione democratica - con il disappunto della comunità internazionale - non ha fornito una soluzione politica della questione.

    Resta il fatto che almeno 800mila persone sono prive di cittadinanza e per l'Alto commissariato Onu per i diritti umani sono fra le minoranze "più perseguitate al mondo". Al momento non hanno riscosso consenso unanime l'idea di fornire loro documenti provvisori che legalizzano la presenza sul territorio birmano o la concessione dello status di "cittadini naturalizzati". Entrambe le proposte garantiscono uno statuto "inferiore" rispetto alla cittadinanza a pieno titolo.

    Nel frattempo continuano le ricerche dei dispersi, vittime di un naufragio al largo della costa di Teknaf, nel Bangladesh, circa 320 km a sud di Dhaka. L'imbarcazione era stipata - molto più del consentito - di profughi Rohingya diretti in Malaysia, alla ricerca di ospitalità e lavoro. Finora la guardia costiera ha salvato 51 persone, ma non si hanno notizie delle altre persone a bordo. Il timore è che siano ormai affogate, in un incidente del tutto simile all'affondamento avvenuto nei giorni scorsi; delle 130 persone a bordo della nave colata a picco il 28 ottobre al largo della costa birmana, solo un piccolo gruppo si è salvato.

    L'elemento etnico e confessionale, il colore della pelle più scuro e la diversa cultura, sono alcuni dei motivi che - in prima lettura - forniscono una spiegazione al conflitto che vede opposte la maggioranza buddista e la minoranza musulmana Rohingya, ribattezata in modo dispregiativo "Bengalis" o ancora "kalar". Tuttavia, nel quadro potrebbero inserirsi anche interessi strategici a livello economico e commerciale, che giustificano una crescente tensione nello Stato di Rakhine, una delle zone più povere e meno sviluppate di tutto il Myanmar. Secondo alcune fonti vi sarebbero infatti racchiusi nel sottosuolo - e ancora inesplorati - vasti giacimenti di petrolio e gas naturale. A questo si aggiungono i progetti già operativi, come l'oleodotto che parte dallo snodo portuale di Kyaukphyu (considerata Zona economica speciale, Sez, terza nel Paese dopo Thilawa e Dawei) e che termina a Kunming, capoluogo della provincia cinese dello Yunnan. Un collegamento strategico pronto entro il 2015, e che consente di evitare il passaggio del greggio proveniente dall'area Mediorientale attraverso lo stretto di Malacca.  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/03/2013 MYANMAR
    Meikhtila, sale a 20 morti il bilancio degli scontri fra buddisti e musulmani
    Nella notte i buddisti incendiano altre moschee. Per smorzare le violenze le autorità impongono il coprifuoco nella città. A scatenare gli scontri un alterco fra un negoziante musulmano e birmano buddista.

    21/03/2013 MYANMAR
    Meikhtila: due morti, una moschea devastata negli scontri fra buddisti e musulmani
    All’origine delle violenze un banale alterco fra un musulmano venditore di oro e un cliente buddista. Centinaia le persone coinvolte; accuse alla polizia che non sarebbe intervenuta per arginare l’assalto. Allerta del governo centrale, nel timore di un’escalation. Delegazioni di buddisti e attivisti cercano di riportare la calma.

    24/04/2013 MYANMAR – UE
    L'Ue apre al Myanmar, Naypyidaw libera 56 attivisti. Leader cattolica: Non basta
    Il governo birmano ha ordinato il rilascio di oltre 50 detenuti politici, in risposta alla scelta del Parlamento europeo di sollevare le sanzioni economiche e commerciali al Myanmar. Resta il bando alla vendita di armi. Attivista Kachin critica la mossa di Bruxelles, perché “non vi è ancora un vero desiderio di cambiamento”.

    29/03/2013 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: Basta violenze fra buddisti e musulmani
    Mons. Bo ricorda che “amore e compassione” sono elementi centrali delle principali fedi e chiede che si giunga a “un’azione comune” per la fine degli scontri. La sua iniziativa rilanciata da movimenti di giovani. Il presidente Thein Sein non esclude le violenze contro i “sobillatori”. Esperti di politica: tentativo di restituire il potere nelle mani dei militari.

    02/08/2012 MYANMAR – BANGLADESH
    Hrw: il governo birmano complice delle violenze contro i musulmani Rohingya
    Le autorità non sarebbero intervenute per fermare gli scontri. E, in un secondo momento, avrebbero autorizzato il fuoco dei militari contro la minoranza etnica impegnata a salvare case e beni personali. Appello alla comunità internazionale. Intanto Dhaka blocca le attività di tre enti a favore dei profughi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®